C » Calandri, Mario

Mario Calandri. Conchiglie

Calandri, Mario

a cura di Redazione, il 15/01/2009

Mario Calandri (Torino 1914 – 1993) si forma presso il Liceo di Firenze e di Torino. Nel capoluogo piemontese, dove torna nel 1932, studia all’Accademia Albertina di Belle Arti, allievo di Cesare Maggi, che lo richiede come assistente nel 1942. A quella data il giovane artista ha già esordito come pittore con mostre a Roma e a Venezia dove, nel 1940, è per la prima volta invitato alla Biennale.

Dopo la parentesi bellica Calandri sceglie di essere l’assistente dell’amatissimo maestro Marcello Boglione, responsabile dal 1934 della rinata Scuola di tecniche dell’Incisione dell’Albertina. Alla morte di Boglione, nel 1957, gli succede come incaricato. Dal 1960 è titolare della cattedra di incisione all’Accademia di Brera (della commissione preposta alla nomina facevano parte Mino Maccari e Giorgio Morandi), ma nel 1963 ritorna definitivamente all’Accademia Albertina dove ottiene la cattedra e rimarrà fino al 1977, segnando con il suo magistero intere generazioni di incisori. Si ripete la sua presenza alla Biennale veneziana nel 1950, nel 1952 e nel 1958 con una personale.

Nel 1960 gli viene assegnato il Premio per l’Incisione alla VIII Quadriennale di Roma, e nel 1968 il Premio Internazionale della Grafica alla Biennale di Firenze. Numerosissime sono le partecipazioni del maestro alle più significative rassegne nazionale ed internazionali della grafica incisa, mentre rare e meditate le personali di pittura (nel 1964 a “La Bussola” di Torino, nel 1967 alla Galleria Gianferrari di Milano, …).

In tempi recenti varie Istituzioni hanno dedicato a Calandri importanti retrospettive, dando pieno riconoscimento alla figura dell’artista, pittore e incisore (Trieste 1992, Bari 1993, Milano 1995, Aosta 1998, Torino 2001, Fondazione Lattes 2008).

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader