Eventi » Dal rock alla fotografia, l’omaggio di Lou Reed alla “sua” New York

Dal rock alla fotografia, l’omaggio di Lou Reed alla “sua” New York

a cura di Redazione, il 26/03/2007

Un suggestivo omaggio fotografico a New York, dal rocker che ha saputo cantarne il lato oscuro nei versi di canzoni leggendarie. Il nuovo atto d’amore di Lou Reed per la città dove è nato sessantacinque anni fa, e alla quale lo lega una simbiosi tanto umana quanto estetica, sarà in mostra da giovedì 29 marzo nei locali della Galleria Arteutopia, primo spazio espositivo milanese ad ospitare le opere dell’artista americano. La rassegna comprende circa trenta immagini di medio e grande formato, tutte realizzate dal celebre fondatore dei Velvet Underground, protagonista negli anni delle più significative avanguardie culturali della Grande Mela. Le fotografie in mostra ci restituiscono le molteplici facce di New York, città della quale Reed coglie scorci e luci assolutamente inconsueti, con fotografie intrise di quella poetica oscura, schiva e introversa che ha caratterizzato la sua straordinaria vicenda umana ed artistica. Il risultato è un ritratto della Big Apple interpretata secondo lo spirito fortemente creativo dell’autore, abile nel cogliere aspetti e momenti di particolare poesia. 
Ecco dunque la skyline all’alba, con una New York a luci spente che immaginiamo sorprendentemente silenziosa; ecco un gioco di luci nella notte illuminata dai fari di auto in corsa; angoli di strada e palazzi imponenti; un pomeriggio di nebbia in città; un fluorescente collage di tramonti sempre diversi, viola, rossi, azzurri, gialli. 
Lou Reed racconta: “Due anni, molte macchine fotografiche e obiettivi dopo, queste immagini sono il risultato di un piccolo tentativo di condividere la bellezza che ha impressionato l’animo di questo osservatore, fermo sul bordo del fiume con una scatola in mano, cercando di cogliere lo spessore illuminante del tempo.


[Immagine: uno scatto di Lou Reed]


Questa è fotografia organica, una testimonianza dello spettacolo di luce celestiale della città – i continui cambiamenti dall’alba al tramonto sul fiume Hudson –, un quotidiano annotare il maestoso volteggiare del cielo e delle acque prodotto da una divinità di infinito talento ed originalità che un fotografo può solo carpire e mettere a fuoco, pregando che questa o quella macchina fotografica, quegli obiettivi, digital back e tutte le tecniche avanzate dell’ultimo minuto possano in qualche modo catturare frammenti di una tale mutevole magnificenza che si palesa per ispirare chiunque ne sia spettatore”.
Ciascuna delle fotografie in mostra è tirata in 9 esemplari, su carta fine art, firmata e numerata dall’autore. La mostra, realizzata in collaborazione con Photofestival-Milano, Unosunove arte contemporanea-Roma e stevenkashergallery-New York, è accompagnata dall’omonimo catalogo edito da Steidl Publishing.
 

Scheda tecnica



Lou Reed. “New York”
dal 29 marzo al 12 maggio 2007

Galleria ArteUtopia
Milano, Via Gian Giacomo Mora 5

Orario di apertura:
mar-sab, ore 10.30-13 e 15-19.30; dom e lun chiuso.

Biglietti:
Ingresso libero

Catalogo:
Steidl Publishing

Info:
Tel. (+39) 02 89055278
Galleria ArteUtopia

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader