Eventi » Caravaggio ospita Caravaggio

Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, “Fanciullo con canestro di frutta”, olio su tela, 70×67 cm. Roma, Galleria Borghese

Caravaggio ospita Caravaggio

Quattro capolavori di Michelangelo Merisi a confronto per il bicentenario della Pinacoteca di Brera

a cura di David Bernacchioni, il 31/12/2008

L’evento inaugurale del ricco programma che accompagnerà per tutto il 2009 le celebrazioni del bicentenario della Pinacoteca di Brera è un’emozionante omaggio all’arte di Caravaggio e alla sua celebre “Cena in Emmaus”, giunta ad arricchire le collezioni del Museo nel 1939 grazie al munifico dono dell’Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi. L’esposizione - intitolata “Caravaggio ospita Caravaggio” e curata da Mina Gregori e Amalia Pacia - sarà aperta al pubblico dal 17 gennaio al 29 marzo 2009 e metterà eccezionalmente a confronto il dipinto realizzato a Roma intorno al 1606 con la redazione giovanile dello stesso tema, gentilmente concessa in prestito dalla National Gallery di Londra.

Altre due opere giovanili del maestro lombardo sono state prestate alla Pinacoteca grazie agli stretti rapporti di amicizia e collaborazione con il Metropolitan Museum di New York e con la Galleria Borghese di Roma che hanno voluto in questo modo partecipare alle celebrazioni.

Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, “Cena in Emmaus” (ca. 1606), olio su tela, cm 141 x 175. Milano, Pinacoteca di Brera © Archivio fotografico della Soprintendenza

Le altre due opere giovanili in mostra: “I Musici”...

Il dipinto raffigurante i “Musici”, del museo newyorchese, è una delle prime opere eseguite dal giovane artista a Roma per il Cardinal Del Monte, ricordato nell’inventario del prelato nel 1627 e perfino dal suo acerrimo nemico Giovanni Baglione, che, citando «una musica di alcuni giovani ritratti dal naturale», ammetteva che l’opera era stata dipinta «assai bene». La tela ebbe molti passaggi di proprietà, alcuni prestigiosi - fra i suoi proprietari si ricordano infatti i cardinali Antonio Barberini e Richelieu, la duchessa d’Anguillon, … - per giungere infine al Metropolitan Museum nel 1953.

L’opera, datata dalla maggior parte della critica al 1594-1595, è particolarmente significativa nel percorso di Caravaggio in quanto per la prima volta il pittore, che fino a quel momento aveva realizzato solo dipinti con uno o al massimo due personaggi, sperimenta una composizione con quattro figure, forse, più che quattro modelli diversi, uno stesso ragazzo atteggiato in pose diverse.

... e l’intrigante quesito sul significato del “Fanciullo con canestro di frutta”

Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, “Cena in Emmaus”, olio su tela, 141 × 196,2 cm.

Il “Fanciullo con canestro di frutta” della Galleria Borghese era di proprietà del pittore Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d’Arpino, presso la cui bottega il giovanissimo Caravaggio aveva lavorato appena arrivato a Roma. Ma già nel 1607, a seguito del sequestro dei suoi beni, l’opera entrò a far parte delle collezioni di Scipione Borghese.

Il soggetto della tela è stata interpretato dalla critica nei modi più diversi: semplice fruttaiolo e quindi esaltazione dell’imitazione del naturale, autoritratto dello stesso artista, o colto riferimento alla letteratura e quindi simbolo della frugalità oraziana? Allusione alla giovinezza che svanisce, così come marciscono i frutti del cestino, o personificazione di Cupido, che offre frutti stuzzicanti e saporiti per risvegliare i sensi e il desiderio amoroso? E ancora, fra le tante ipotesi interpretative, allegoria del gusto, o, come recentemente è stato ipotizzato, personificazione di Vertumno, dio dei frutti e del mutamento delle stagioni? Un intrigante quesito che però nulla toglie al fascino di questo ragazzo e della natura morta del cesto pieno di succosi frutti di stagione.

    Scheda Tecnica

  • “Caravaggio ospita Caravaggio”
    dal 17 gennaio al 29 marzo 2009
    Inaugurazione: giovedì 16 gennaio 2009, ore 19.30
  • Curatori:
    Mina Gregori, Amalia Pacia
  • Pinacoteca di Brera
    Milano, Via Brera 28
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 8.30-19.15 (la biglietteria chiude 45 minuti prima); chiuso lun, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre
  • Biglietti:
    Intero € 5; ridotto € 2,50
    Riduzioni e gratuità
    Audioguide: individuali € 3,50, doppie € 5,50
    Visite guidate per gruppi: in lingua straniera € 100; in lingua italiana € 83; per le scuole € 62
  • Catalogo:
    Electa
  • Info:
    Tel. (+39) 02722631 – Fax (+39) 02 72001140
    brera.artimi@arti.beniculturali.it
    Pinacoteca di Brera

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader