Eventi » Alberto Sughi, un'antologica alla Biblioteca Malatestiana

Alberto Sughi, un'antologica alla Biblioteca Malatestiana

La rassegna cesenate, curata da da Vittorio Sgarbi, ripercorre attraverso più di cinquanta opere l’intera esperienza artistica di uno dei più grandi maestri figurativi italiani contemporanei

di Angelo Pinti, il 20/03/2007

Una grande mostra antologica di Alberto Sughi, curata da Vittorio Sgarbi, inaugurerà venerdì 23 marzo la nuova galleria espositiva della Biblioteca Malatestiana di Cesena, prima realizzazione del progetto “Grande Malatestiana” che prevede un nuovo assetto museale per il prestigioso istituto. Presentata dal curatore Vittorio Sgarbi lo scorso 23 novembre al Circolo della Stampa di Milano, la rassegna che onora Alberto Sughi ripercorre, attraverso più di cinquanta opere, l’intera esperienza artistica di uno dei più grandi maestri figurativi italiani contemporanei, della cui poetica si è spesso parlato in termini di “realismo esistenziale”.

Per Sughi l’arte è una cosa seria, uno strumento di conoscenza che, per avere senso come tale, non ammette reticenze. È un viaggio nella realtà indicibile dell’esperienza umana, sempre sfuggente e spesso amara, percepita con sensibilità tipicamente novecentesca. In questo senso, Alberto Sughi ha sempre saputo essere “dentro” ai suoi tempi. Lo è stato, lo è, lucidamente e quindi dolorosamente, interprete ma non giudice della crisi dell’uomo contemporaneo, al quale l’arte sembra offrire l’unica possibilità di riscatto: guardare con onestà alla propria condizione.

Hanno detto dell’arte di Sughi: “Solitudine ed incomunicabilità, disagio e piacere sono i temi dominanti della sua profonda poetica, tra sensualità e critica sociale non di rado venata di amara ironia, rese pittoricamente attraverso una tavolozza ricercatamente scarna, scabra e di recente al limite del monocromo, eppure così efficace”.

E ancora: “Alberto Sughi nel suo lungo percorso non cessa mai di essere attento osservatore della vita, degli aspetti più ricorrenti della quotidianità. La sua indagine sulle miserie dell’umanità è spietata, il suo occhio è imparziale e riproduce con assoluta crudezza, fatti, sentimenti, perversioni, senza indulgere ma senza giudicare. Il verdetto lo lascia ad altri. La sua pittura non argomenta, rappresenta senza alcun filtro. La critica sociale emerge contro le degenerazioni borghesi, la rabbia, la tristezza, il disagio sono lì a portata di mano, ma non sente la necessità di farne una questione morale, ma solo una ben documentata denuncia in un severo, silente contesto”.

La monografica di Cesena è realizzata da Tekne Associazione Culturale. Accompagna la mostra un catalogo edito da Skira. Come è stato annunciato, essa rappresenta solo la prima tappa di una complessa rivisitazione critica e artistica di Alberto Sughi, che comprenderà l’esportazione della mostra in un prestigioso museo estero e la costruzione di un percorso sul figurativo del ’900, nel quale il maestro nato a Cesena nel 1928 ha un ruolo di grande rilievo.

Immagini:
Copyright Alberto Sughi by SIAE

Scheda tecnica

Alberto Sughi. Mostra monografica
dal 23 marzo al 22 luglio 2007

Curatore:
Vittorio Sgarbi

Biblioteca Malatestiana
Cesena, piazza Bufalini 1
Tel. (+39) 0547 610892 - Fax: (+39) 0547 21237

Orario di apertura:
feriali: 9-13 e 14-18.30; festivi: 10-18.30 (verificare sempre via telefono)

Biglietti d’ingresso:
Intero € 5; ridotto € 3 per adulti oltre i 65 anni, per ragazzi fino ai 18 anni, per gruppi superiori alle 15 unità, per titolari di apposite convenzioni, per i residenti nella provincia di Forlì-Cesena; speciale € 2 per scolaresche (scuole elementari, medie e superiori); Gratuito per bambini fino a 6 anni, disabili, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per scolaresca, giornalisti con tessera professionale.

Catalogo:
Skira (24x28, 160 pagine, 55 riproduzioni a colori e 20 in b/n, € 30)

Info:
studiosughi@albertosughi.com
Sito web di Alberto Sughi

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader