Eventi » Al via la Giornata FAI di Primavera, in 15 anni 4mln di italiani coinvolti

Al via la Giornata FAI di Primavera, in 15 anni 4mln di italiani coinvolti

a cura di Redazione, il 14/03/2007

Sono passati 15 anni da quando il FAI – il Fondo per l’Ambiente Italiano – ha dato vita alla prima edizione della “Giornata FAI di Primavera”. Da allora questa manifestazione, che ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini alle meraviglie dell’immenso patrimonio culturale italiano, spesso inesplorato e trascurato, ha coinvolto oltre quattro milioni di persone, di cui 420.000 solo nel 2006. Il primo fine settimana di primavera, sabato 24 e domenica 25 marzo 2007, sarà possibile visitare, gratuitamente e spesso in apertura straordinaria, ben 500 monumenti in 200 città italiane, grazie anche alla collaborazione di oltre 7.000 volontari e 9.000 giovani studenti “apprendisti ciceroni”.
Quest’anno per la prima volta la Giornata FAI, resa possibile grazie anche al lavoro delle 100 delegazioni FAI italiane, coinvolge tutte le regioni italiane, permettendo di poter ammirare beni – comprese scuole, palazzi, chiese, torri, banche, aree archeologiche, palazzi di giustizia, musei e archivi, architetture industriali, uffici postali – che per la maggior parte sono chiusi al pubblico, in un certo senso cioè invisibili. Lo scopo della Giornata FAI è proprio quello di aiutarci a guardare l’Italia con occhi nuovi.
Tra le innumerevoli proposte, Palazzo Mezzanotte (della Borsa) a Milano, la Sinagoga di Trieste, la Villa Medicea a Firenze sede dell’Accademia della Crusca, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Palazzo del Collegio Romano a Roma, l’Acquedotto del Galermi a Siracusa.
Quando il FAI ha dato vita nel 1993 alla prima Giornata di Primavera, l’obiettivo era soprattutto quello di denunciare lo stato di abbandono nel quale versavano moltissimi beni dell’Italia cosiddetta minore. Anche grazie alla Fondazione e alla presenza sul territorio delle sue Delegazioni l’attenzione pubblica su quei beni è cresciuta negli anni: molti infatti sono stati recuperati e restituiti alla collettività. Com’è tradizione gli appuntamenti sono gratuiti: non sarà chiesto il pagamento di un biglietto ma il FAI conta sulla sensibilità e sulla generosità di chi parteciperà all’evento confidando in un contributo che possa sostenere la Fondazione in modo che sia sempre in grado di offrire questi servizi alla collettività. La Giornata di Primavera è per la Fondazione anche un modo per raccontarsi alla gente e per chiedere un aiuto concreto attraverso l’adesione.
Il simbolo della Giornata FAI di Primavera, come sanno i milioni di italiani che l’hanno già vissuta, è un occhio: un occhio che serve non solo a vedere fisicamente, ma anche a guardare con la mente e con l’anima.
L’edizione 2007 della Giornata FAI di Primavera è realizzata con il contributo di Wind e Infostrada, e in collaborazione con il Gruppo Editoriale L’Espresso, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana, con i Patrocini dei Ministeri per i Beni e le Attività Culturali e dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e con il concorso di numerose Regioni Italiane e con il contributo di Ferrero Rocher.
 
 
Info ed elenco completo dei monumenti aperti:
Tel. (+39) 0141 720850 (24 ore su 24)
Sito web del FAI

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader