Special » A Mimmo Paladino il Premio Do Forni 2008

Mimmo Paladino. America, 1996

A Mimmo Paladino il Premio Do Forni 2008

La consegna del riconoscimento al grande protagonista della Transavanguardia italiana si terrà oggi alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’Pesaro a Venezia

a cura di Bernd Noack, il 15/11/2008

Giunto alla sua XXIII edizione, confermando ancora una volta la continuità della grande tradizione dei “Ristoranti dell’Arte” a Venezia, il Premio Internazionale di Grafica Do Forni è stato assegnato da un’apposita commissione al grande artista campano Mimmo Paladino, uno dei più importanti esponenti della Transavanguardia italiana ed uno delle maggiori personalità sulla scena internazionale dell’arte contemporanea.

Oggi alle 18 la cerimonia di premiazione

La cerimonia della premiazione, che prevede la partecipazione dell’artista e delle autorità culturali e politiche della città, si terrà oggi sabato 15 novembre alle ore 18 presso la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’Pesaro a Venezia. Quattro grandi opere recenti saranno esposte nella sala X della stessa Galleria e una serie di altre incisioni saranno in mostra nelle sale del noto ristorante veneziano.

La nuova formula del Premio

Da tre edizioni la sua formula è cambiata ed il Premio viene adesso attribuito ad un solo artista, anziché due come nel passato. L’artista premiato viene comunque scelto fra i più importanti protagonisti sulla scena internazionale dell’arte. In questa edizione, dopo essere stato attribuito l’anno scorso al Maestro della Pop Art britannica Sir Peter Blake, il Premio verrà assegnato ad un artista italiano.

La motivazione nelle parole di Enzo Di Martino

«Nell’opera di Paladino, non vi è alcuna distanza ideologica tra la pittura, la scultura e la grafica, se non quella derivante dalla specificità stessa dei linguaggi, ciascuno impiegato nella propria autonomia, mezzi che affrontano e risolvono differenti problemi espressivi. Osservando le sue incisioni si ha l’impressione ch’egli abbia una personale preoccupazione della realtà, che in effetti non rispetta ma sovrappone gli elementi figurali ed i procedimenti, i materiali e le tecniche, secondo un ordine misterioso o una struttura che non conosciamo e che sembra avere a che fare con l’automatismo del sogno piuttosto che con la precisione descrittiva della veglia.»

Mimmo Paladino, protagonista assoluto della scena artistica contemporanea

Nato nel 1948, Mimmo Paladino partecipa nel 1980 alla Biennale di Venezia nella sezione Aperto assieme agli artisti del gruppo della Transavanguardia. L’anno dopo allestisce una grande mostra al Kunstmuseum di Basilea dando inizio a un ciclo di esposizioni presentate negli anni successivi nei più importanti musei europei ed americani. Nel 1988 gi viene dedicata una grande sala personale alla Biennale di Venezia e nel 2005 presenta una mostra di sculture nel Museo Internazionale di Ca’Pesaro a Venezia.

Info

  • Studio “Antonio Dal Ponte”
    Rialto, San Polo 622, 30125 Venezia
    Tel. (+39) 041 5239315 – Fax (+39) 041 2417651
    studiodalponte@libero.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader