Special » SPECIAL / INVIDEO: il programma

“Edo no hana” di Manuele Bossolasco (2007)

SPECIAL / INVIDEO: il programma

Gli artisti, gli incontri e i seminari che animeranno la grande rassegna al via nel capoluogo lombardo

a cura di Redazione, il 11/11/2008

È un “menù” ricco e variegato, quello che si offre agli appassionati di videoarte e cinema di ricerca in occasione della XVIII edizione di INVIDEO (Milano, 12-16 novembre 2008).

La mostra personale di Zbigniew Rybczynski

Tra gli appuntamenti da non perdere, la personale di Zbigniew Rybczynski che sarà ospite a Milano per tutta la durata della Mostra, intervenendo più volte per illustrare le sue opere e che terrà una lectio magistralis allo IED.
Artista prolifico e versatile, Rybczynski ha realizzato film di animazione, video creativi, spot, sigle tv, clip musicali, inventando e sperimentando tecniche sempre diverse. Negli ultimi quindici anni ha abbandonato la regia per dedicarsi alla ricerca tecnologica ma la sua opera resta a tutt’oggi profondamente innovativa e la sua figura continua a essere uno dei maggiori punti di riferimento nell’ambito della ricerca visiva.
Le opere selezionate per INVIDEO coprono circa vent’anni di attività (1973-1990) con un focus particolare sui suoi video musicali.

Musica e immagine: i video di Rybczynski per John Lennon, Mick Jagger e tanti altri

Nell’ambito della retrospettiva e in continuità con l’attenzione che INVIDEO dedica annualmente al rapporto tra musica e immagini, verranno presentati 17 videoclip che Rybczynski ha diretto nel corso degli anni Ottanta per molti artisti, tra cui Simple Minds (“Alive and Kicking”), Pet Shop Boys (“Opportunities”), Lou Reed (“The Original Wrapper”), John Lennon (“Imagine”), Mick Jagger (“Let’s Work”), Supertramp (“I’m Begging You”), Alan Parson’s Project (“Stereotomy”), Art Of Noise (“Close to the Edit”).

La mostra di Pierre Coulibeau in collaborazione con il Centre culturel français de Milan

Altra importante personale quella dedicata al francese Pierre Coulibeau, cineasta e artista video fra i più affermati della scena internazionale. Ispirato da Pierre Klossowski e dall’immaginario estetico delle avanguardie novecentesche, Coulibeuf ha realizzato scenografie e coreografie per il teatro, ritratti di artisti celebri (da Marina Abramovich a Jan Fabre) e video in cui si intrecciano quotidianità, finzione e una rilettura originale dei processi creativi degli altri artisti.
L’evento è realizzato in collaborazione con il Centre culturel français de Milan dove, sabato 15 e martedì 18 novembre, verrà presentata una parte della personale dell’artista francese.

In Italia anche il giovane videoartista catalano Arturo Fuentes

“The Triumph of Laughter” di Piero Steinle (2008)

Nell’ambito della collaudata collaborazione con la scena artistica spagnola e come appendice dell’inaugurazione internazionale di Barcellona, INVIDEO porta in Italia l’opera del giovane videoartista catalano Arturo Fuentes. Nato a Barcellona nel 1979, Fuentes si rifà agli insegnamenti dei pionieri della videoarte come Name June Paik e alla loro idea di videocreazione come mezzo per l’invenzione di metafore visive. I suoi lavori mettono al centro l’uomo, le sue paure e i processi mentali di codificazione della realtà e utilizzano la libertà narrativa del video per elaborare possibili interpretazioni e risposte.

La partecipazione italiana: l’ampia selezione di opere di Theo Eshetu…

Molti gli italiani in programma. Tra questi Theo Eshetu, uno dei pionieri della videoarte italiana, che presenterà a Milano un’ampia selezione delle sue opere. Nato a Londra da padre etiope e madre olandese e residente in Italia dai primi anni Ottanta, Eshetu fa confluire nei suoi video questa mescolanza di lingue, culture e tradizioni. Tra i suoi lavori più noti, ”Questa è vita” (1986), omaggio alla cultura africana che mixa immagini di Malcolm X, Cassius Clay, James Brown, Jimi Hendrix e danze tribali su un assolo di batteria di Art Blakey.

…e l’omaggio di Francesco Leprino a Gillo Dorfles

Ancora dall’Italia, il video omaggio a Gillo Dorfles “Attraverso il tempo attraversato dal tempo…” di Francesco Leprino nella versione inedita di 63’. Ripreso a Milano, nei luoghi a lui più cari, a Genova, città dell’infanzia, e a Torino, Dorfles parla di architettura, suona il piano, dà giudizi taglienti sull’arte e commenta un intero secolo con lucidità e ironia. A punteggiare l’intervista, le voci di Arnaldo Pomodoro, Lea Vergine, Francesca Alfano Miglietti e Aldo Colonnetti.

Arricchita la proposta video dal Medio Oriente

Confermata e ampliata l’attenzione che, già da alcune edizioni, INVIDEO dedica al Medio Oriente con una ricca proposta di video dal Libano e da Israele. Dal Libano una selezione di opere inedite che testimoniano la capacità creativa dei film-maker di un paese in cui le condizioni di vita sono precarie e spesso minacciate. Da Israele un focus dedicato al Centro d’Arte Contemporanea di Tel Aviv e al festival “Video Zone”.

“Blink”: un’opera in progress per beneficenza

Un’altra imagine da “The Triumph of Laughter” di Piero Steinle (2008)

Tra i tanti appuntamenti da segnalare, la presentazione dell’opera in progress “Blink”. Il progetto, a cura di Terry Flaxton, coinvolge videoartisti di tutto il mondo, tra i quali autori del calibro di Cahen, Vasulka e Jeremy Welsh, chiamati a elaborare brevi opere in digitale a tema libero. Unica limitazione: ogni video deve essere realizzato da film-maker di paesi diversi e in ordine consequenziale, in modo da costituire una sorta di passaggio di testimone tra artisti. L’opera completa verrà raccolta in un dvd a tiratura limitata il cui ricavato sarà devoluto all’organizzazione umanitaria peruviana El Refugio.

Le videoinstallazioni di Piero Steinle e Roberto Bella/Carlo Riccobono

Spazio anche alle videoinstallazioni con Piero Steinle e Roberto Bella/Carlo Riccobono.
Piero Steinle presenta “Triumph of Laughetr (Il trionfo della risata)”, opera su tre monitor che immerge gli spettatori nell’esperienza coinvolgente e a tratti perturbante dello scoppio della risata.
Roberto Bella/Carlo Riccobono presentano, in anteprima per INVIDEO, “Passaggi di stato”, un’installazione interattiva sulla crisi del consumismo e sulle problematiche legate alla sovrapproduzione dei rifiuti.

I seminari di Zbgigniew Rybczynski e Sandra Lischi

Tra i tanti momenti di incontro e di confronto con gli autori, da non perdere il seminario con Zbgigniew Rybczynski in programma allo IED - Istituto Europeo del Design (via Sciesa 4 Milano) venerdì 14 novembre dalle 9 alle 13. Prenotazione obbligatoria allo (+39) 02 76115394.
Rivolto agli studenti delle scuole medie superiori il seminario di introduzione alla videoarte tenuto da Sandra Lischi, docente di audiovisivi all’Università di Pisa e co-direttrice di INVIDEO, in programma allo Spazio Oberdan (viale Vittorio Veneto 2 Milano) giovedì 13 novembre dalle 10.30.

Il PREMIO UNDER 35

Da ricordare, infine, il PREMIO UNDER 35, istituito lo scorso anno: 2.000 euro che verranno attribuiti a un giovane regista autore di uno dei lavori selezionati.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Bernd Noack, il 11/11/2008

INVIDEO 2008. Terre e cieli

INVIDEO 2008, XVIII edizione di una delle più importanti mostre a livello internazionale nell’ambito della videoarte e del cinema di ricerca, aprirà al pubblico dal 12 al 16 novembre allo Spazio Oberdan di Milano, mentre altri appuntamenti – in programma nei giorni 14, 15 e 18 novembre – si te...