Eventi » Desiderio da Settignano, una grande mostra al Bargello di Firenze

Desiderio da Settignano, una grande mostra al Bargello di Firenze

a cura di Redazione, il 20/02/2007

“La scoperta della grazia nella scultura del Rinascimento” è il titolo della grande rassegna che il fiorentino Museo Nazionale del Bargello dedica a Desiderio da Settignano, con apertura al pubblico a partire da giovedì 22 febbraio. L’evento è organizzato in collaborazione con altre due grandi istituzioni, il Museo del Louvre (dove la mostra si è tenuta fino allo scorso 22 gennaio) e la National Gallery di Washington (dove si sposterà il 1° luglio dopo la tappa al Bargello), ed è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino, Firenze Musei e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.
Nel pieno Quattrocento fiorentino, l’opera di Desiderio da Settignano (1429 circa – 1464) costituisce uno dei momenti più alti della creatività nel campo della scultura del Rinascimento.
Assieme ad altri artisti della sua generazione – come ad esempio Antonio Rossellino – Desiderio caratterizza il suo linguaggio formale come uno “stile dolce”, che unisce un sensibile trattamento della materia alla dolcezza delle figure e alla forza delle espressioni in uno straordinario catalogo di opere, realizzate principalmente in marmo.
Come e più di Donatello, Desiderio raggiunge nella lavorazione del marmo – ed in particolare nella resa del rilievo “stiacciato” – un livello di perfezione raramente eguagliato.
Nell’ambito di una produzione autografa necessariamente ristretta a causa della morte precoce dell’artista, il Museo Nazionale del Bargello ha la fortuna di possedere nelle sue collezioni un cospicuo gruppo di opere desideriane, di differenti tipologie, che annoverano anche la celebre statua del San Giovannino Martelli, che, secondo gli studi più attuali, è frutto della collaborazione tra Donatello e Desiderio e la dimostrazione del loro profondo legame artistico, testimoniato anche dal Vasari.
La riunione delle opere del Bargello con le sei opere di Desiderio conservate nelle collezioni del Louvre consente di costruire un nucleo rappresentativo e di suprema qualità artistica, attorno al quale sviluppare la prima esposizione monografica dedicata a questo artista straordinario e
particolarmente noto per alcuni “generi” in cui eccelse tra i contemporanei: come i busti di bambini e i bassorilievi di virtuosistica raffinatezza, sia di soggetto sacro, come le Madonne col Bambino, che profano, come i Ritratti dei Cesari. Al progetto originario per una mostra da tenersi a Parigi e a Firenze, che prevedeva inizialmente la cooperazione e lo “scambio” dei due musei – con pochi altri prestiti da collezioni pubbliche italiane ed europee – si è poi aggiunta come terzo partner la National Gallery of Art di Washington, che a sua volta possiede alcune opere di Desiderio, tra le più rappresentative e squisite.
A questo punto, la rassegna desideriana ha acquistato la fisionomia di una irripetibile occasione di vedere riunite pressoché tutte le opere di questo raro scultore. L’esposizione si articola in diverse sezioni tematiche che sviluppano tutti i generi della scultura desideriana, ed è accompagnata da un catalogo che presenta contributi di numerosi storici dell’arte italiani, francesi e anglosassoni, i quali permettono di fare il punto su un artista tanto squisito quanto controverso e misterioso, a cui da quarant’anni non viene dedicato alcuno studio monografico.

Scheda tecnica

“Desiderio da Settignano. La scoperta della grazia nella scultura del Rinascimento”
dal 22 febbraio al 3 giugno 2007

Museo Nazionale del Bargello
Firenze, Via del Proconsolo 4

Orario di apertura:
mar-dom, 1°, 3° e 5° lunedì del mese: ore 8.15-18. Chiuso il 2° e il 4° lunedì del mese ed il 1° maggio.

Biglietti:
Intero €. 7,00 (comprensivo dell’ingresso al museo); Ridotto €.3,50 per i cittadini della UE tra i 18 e i 25 anni. Gratuito per i cittadini della UE sotto i 18 e sopra i 65 anni.
Gruppi scolastici: prenotazione gratuita ed obbligatoria (€ 3 ad alunno), Tel. (+39) 055 290112
Il biglietto della mostra consente la visita gratuita al “Monumento Marsuppini” nella Basilica di Santa Croce e al “Tabernacolo del sacramento” nella Basilica di San Lorenzo nei rispettivi orari di apertura.

Catalogo:
5 Continents Editions, Milano
Musée du Louvre Éditions, Parigi (nelle tre lingue di edizione: francese, italiano, inglese)

Info:
Sito della mostra
Sito del Polo Museale Fiorentino
Tel. (+39) 055 2654321

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader