Eventi » INTERNAZIONALE 1908-2008. Il Nerazzurro è arte

Mimmo Paladino, “Oceania”, 1996, incisione

INTERNAZIONALE 1908-2008. Il Nerazzurro è arte

L’esposizione celebra il primo centenario di fondazione della ‘Beneamata’, attraverso 60 opere di artisti italiani e stranieri contemporanei che, in modo consapevole o solo accidentale, si sono espressi col colore nerazzurro

a cura di Bernd Noack, il 14/10/2008

Una mostra che celebra il primo centenario di fondazione della “Beneamata” – come amano definire la propria squadra di calcio i tifosi interisti – attraverso una rassegna di opere di grandi artisti internazionali caratterizzate dall’uso dei colori nero e azzurro, appunto i colori del club presieduto da Massimo Moratti.
È questa l’idea di “INTERNAZIONALE 1908-2008. Il Nerazzurro è arte”, esposizione che inaugura giovedì 16 ottobre alla Galleria Bellinzona di Milano e resterà aperta al pubblico fino al 7 dicembre 2008.

In mostra anche opere di Miró, Chagall, Christo e Paladino

Marc Chagall, “Dessin pour la Bible”, 1960, litografia

La rassegna, curata da Luca Melloni e Oreste Bellinzona, presenta 60 opere di artisti italiani e stranieri contemporanei – da Marino a Tàpies, da Rouault a Miró, da Chagall a Licini, da Christo a Frangi, da Hartung a Rebeyrolle, da Paladino a Cragg, da Calder a Rainer che, in modo consapevole o solo accidentale, hanno espresso la loro creatività attraverso l’uso del colore nerazzurro.

Le opere di Nicola Villa dedicate ai campioni della storia nerazzurra

Per l’occasione, il giovane artista Nicola Villa ha creato una cartella di otto monotipi nerazzurri, cui si affiancheranno alcune opere su tela, dedicate agli eroi della storia nerazzurra.

Una storia dell’arte minima nata dalla comune passione dei due curatori

Il progetto è nato dalla comune passione dei due curatori – l’uno, titolare di un’agenzia di promozione di eventi culturali, l’altro, gallerista – per uno sport e una squadra – come appunto il calcio e l’Inter – e si è sviluppato cercando di disegnare, a grandi linee, una storia dell’arte minima, caratterizzata dalla dominanza di due colori – il nero e l’azzurro – che si fondono per crearne uno solo. In questo modo, la passione per il football si sposa con la grande arte del Novecento.

«Essere interisti vuol dire essere allenati al bello» (Luca Melloni)

Dennis Oppenheim, “Heavy dog kiss”, 1993, scultura

«Oreste e io – sottolinea Luca Melloni – abbiamo sempre pensato in nerazzurro, quindi nessuno stupore nello scoprire che questo rapporto virtuoso tra i due colori (quello del cielo e quello della notte) producesse opere belle. Essere interisti vuol dire essere allenati al bello, a volte anche a momenti bui, ma alla fine è molto più affascinante tenere agli indiani che ai cowboy».

Il catalogo in coedizione Clp-Galleria Bellinzona con tante “chicche”

Accompagna l’esposizione un catalogo (coedizione Clp-Galleria Bellinzona) con testi dei due curatori, una serie d’interviste a interisti di generazioni diverse e a Lella Confalonieri, presidentessa de ‘La spina nel fianco’, il club di interisti che lavorano a Mediaset, realizzate da Diego Minonzio, oltre agli apparati biobibliografici e alle schede delle singole opere curati da Flavio Arensi e Francesco Garrone.

    Scheda Tecnica

  • “INTERNAZIONALE 1908-2008. Il Nerazzurro è arte”
    dal 16 ottobre al 7 dicembre 2008
  • Curatori:
    Luca Melloni, Oreste Bellinzona
  • Galleria Bellinzona
    Milano, via Volta 10
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 16-19.30; giovedì fino alle 21
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    coedizione Clp-Galleria Bellinzona
    info@clponline.it
  • Info:
    Galleria Bellinzona
    Tel. (+39) 02 6598631
    info@galleriabellinzona.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader