Mostre » Sebastiano Mauri. I BELIEVE IN GOD

Sebastiano Mauri, “Virgin Mary”, 2007, lambda print on plexiglass, cm 110x140 cm

Sebastiano Mauri. I BELIEVE IN GOD

Dopo essere stato presentato nel progetto “Latinolatino”, l’ultimo video dell’artista italo-argentino ritorna a Napoli come fulcro di una sua nuova mostra personale alla NOTgallery

a cura di Angelo Pinti, il 09/10/2008

Si intitola “I believe in God” la mostra personale di Sebastiano Mauri che inaugura venerdì 10 ottobre alla NOTgallery di Napoli. L’esposizione prende il nome dalla più recente opera del videoartista italo-argentino, presentata proprio nella città partenopea nell’ambito del progetto “Latinolatino” e fulcro della nuova mostra.

Una preghiera panteistica in cui Buddha si trasforma in Ganesh, Gesù in Pachamama e così via

Nel video, piccole figure di divinità girano su se stesse su un cangiante sfondo rosso. Non sono realmente immagini sacre, ma rappresentazioni votive popolari, souvenir di diverse religioni, materializzazioni mondane del concetto più alto che conosciamo: Dio.
Con la lentezza devozionale di una preghiera, ogni immagine si mostra e scompare per dissolvenza nella successiva, invitando lo spettatore ad immaginare chi ne segue i principi, venera le reliquie, idolatra la figura e ne osserva il messaggio. Una metamorfosi celestiale accompagnata da canti sacri di tutte le età e culture sovrapposti in un’unica preghiera panteistica: Buddha si trasforma in Ganesh, Gesù in Pachamama e così via.

Mille punti di vista dentro un unico canto fluido e universale

La superficie rotante del piedistallo sembra scolpirle nel tempo e fermarle per poi renderle di nuovo auliche. Instancabile ricercatore della causa all’origine delle cose, Sebastiano Mauri esplora con l’approccio di un antropologo la possibilità di identificarsi in qualunque religione e descrive la necessità di una propria divinità, necessariamente diversa per ognuno. Attraverso l’infinito ruotare di talismani, questi souvenir sono destinati a fondersi nei suoni assemblati per confondersi fra loro: mille punti di vista dentro un unico canto fluido e universale generato da mille credenze.
E piano piano i piccoli “idoli” sembrano tutti uguali, e, si fa corpo nel continuo roteare di immagini la dichiarazione dell’artista: il desiderio di rottura delle barriere che a volte ingenerano conflitti planetari, laddove si nega l’esercizio di un culto dal quale ci si sente maggiormente protetti.

Le fotografie di idoli/souvenir che accompagnano il video

Al video si accompagnano una serie di fotografie: ogni foto ritrae un idolo/souvenir diverso; nel caso delle fotografie però, lo scenario comune a tutte le immagini (il drappo rosso sullo sfondo) scompare; ogni scultura è ritratta sullo sfondo che le è più congeniale. Tuttavia, nonostante le diversità, sembra riconoscersi in ciascuna una radice comune: il punto di vista dell'artista che, attraverso l'uso di soggetti e sfondi diversi, luci e ombre differenti, riesce sempre a costruire una rappresentazione per così dire “spirituale”, probabilmente ricostruendo quella radice archetipica di tutte le immagini sacre.

In mostra anche sculture sacre realizzate dallo stesso Mauri

Fin qui soltanto rappresentazioni. Completano la mostra delle vere e proprie sculture sacre, presentate nella sala inferiore di NOTgallery, che funge qui non tanto da cripta, quanto da contenitore sacro delle reliquie. È qui che Sebastiano Mauri presenta alcune opere votive da lui stesso realizzate: miniature ricche di dettagli che riescono sorprendentemente a tradurre la pienezza spirituale che le immagini sacre tentano di trasmettere, ma che il gusto popolare traduce o in ricchezza di particolari o in preziosità di materiali che accostati l'uno all'altro assumono un tono decisamente kitsch. Al visitatore spetterà il compito di scegliere se ed a quale religione offrire la propria devozione e i “dovuti” riti.

Note biografiche di Sebastiano Mauri

Di origine Italo-Argentina Sebastiano Mauri ha vissuto e lavorato estensivamente tra l’Italia, New York e Buenos Aires. Si e’ laureato alla scuola di cinema della New York University e per i suoi cortometraggi ha vinto il Warner Brothers Award ed il Martin Scorsese Post-Production Award. I suoi lavori sono stati mostrati al MART (Museo d’Arte Contemporanea di Trento e Rovereto), MNAC (Museo Nazionale d’Arte Contemporanea di Bucarest), CACT (Centro per l’Arte Contemporanea del Ticino, Bellinzona), CCEBA (Centro Cultural de España de Buenos Aires), VIA FARINI (Milano), KSA:K (Centro per l’Arte Contemporanea, Chisnau), FAC (Fundacion de Arte Contemporanea, Montevideo), CCR (Centro Cultural Recoleta, Buenos Aires), Palazzo delle Papesse (Siena), alla Triennale di Milano, al Centre Pompidou di Parigi e saranno presenti alla Biennale di La Havana (Cuba) nel 2009.

    Scheda Tecnica

  • Sebastiano Mauri. “I Believe in God”
    dall’11 ottobre al 21 novembre 2008
    Inaugurazione: venerdì 10 ottobre, ore 19
  • NOTgallery
    Napoli, Piazza Trieste e Trento 48
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 16-20
  • Info:
    Tel. (+39) 081 0607028 - Fax (+39) 081 2140.986
    info@notgallery.com
    NOTgallery

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader