Mostre » Magnus pirata dell’immaginario. L’omaggio di Bologna all’arte di Roberto Raviola

Magnus pirata dell’immaginario. L’omaggio di Bologna all’arte di Roberto Raviola

a cura di Redazione, il 10/03/2006

Capitale storica della nona arte, Bologna ospita da mercoledì 14 a domenica 18 marzo la prima edizione di “BilBOlbul. Festival Internazionale di fumetto”, che vedrà la partecipazione di numerosi autori italiani e internazionali invitati al festival con le loro opere (*), e un ricco programma di mostre, incontri, presentazioni, sessioni di dedicaces, proiezioni dedicate a cinema e fumetto (con importanti anteprime). Ma l’evento speciale della manifestazione, che è a cura dell’associazione culturale Hamelin, sarà senz’altro la mostra antologica dedicata a Roberto Raviola (1939-1996), in arte Magnus, il grande disegnatore bolognese la cui opera ha segnato la storia del fumetto. L’esposizione si intitola “Magnus. Pirata dell’immaginario” e intende indagare l’arte di Raviola in relazione all’immaginario collettivo. È Magnus stesso a definirsi “pirata” dell’immaginario e tutto il suo percorso artistico è prima di tutto contrassegnato dal piacere e dalla sfida di attraversare territori diversi, quasi spinto dal desiderio di creare una grande opera dove fossero presenti trasversalmente tutti i generi, le ambientazioni, i topoi narrativi.
La mostra è composta da più di 300 opere, molte delle quali mai mostrate al pubblico, grazie alla preziosa collaborazione degli eredi Raviola insieme a Giovanni Romanini, Alessandro Pastore e altri collezionisti di tutta Italia. Suddivisa in otto sezioni che ripercorrono cronologicamente il suo lavoro e corrispondono a otto nuclei fondamentali della sua poetica, la rassegna ospita le tavole dei personaggi che hanno accompagnato Magnus nel suo fecondo percorso di artista: dalla prima produzione con Kriminal, Satanik, Alan Ford e Maxmagnus, alle opere della maturità come Lo sconosciuto, I Briganti, 110 pillole, Milady e il Texone, albo speciale di Tex Willer, considerato il suo testamento artistico. Una delle sezioni di “Magnus. Pirata dell’immaginario” è poi tutta dedicata alle fasi di lavoro dell’autore: dalla stesura della sceneggiatura, allo studio dei personaggi e ambienti, ai bozzetti, così da mostrare come la lenta elaborazione di un metodo creativo laborioso e personale fosse un momento fondamentale per l’autore.
Accanto alla mostra si collocano due giornate di studio (15 e 16 marzo, all’Accademia di Belle Arti) a cui parteciperanno alcuni tra i più stimati studiosi ed esperti di fumetto, ma anche artisti nazionali ed internazionali chiamati a riportare la loro testimonianza sul grande disegnatore. Tra i vari relatori anche Antonio Faeti, Vittorio Giardino, Loriano Macchiavelli, Aleksandar Zograf. Prevista inoltre l’uscita di un volume illustrato di saggi critici, con lo stesso titolo della mostra.
Il progetto grafico e l’allestimento sono a cura di rauch design.  

(*) L’elenco completo degli autori: Bellstorf, Canicola, Catacchio, Colaone, Costantini, 18 artisti per il Corsaro Nero, Feuchtenberger, Flashfumetto, Futuro Anteriore 2006, Gipi, Magnus, Mattioli, Mattotti, Modan, Mutti, Ortolani, Parisi, Peeters, Scarpa, Scòzzari, Self Comics, Toffolo, Turunen, Vinci, Zograf.
 
 

Scheda tecnica

“Magnus. Pirata dell’immaginario”
dal 14 al 18 marzo 2006
Inaugurazione: giovedì 15 marzo, ore 18.30

Pinacoteca Nazionale
Bologna, Via Belle Arti 56

Orario di apertura:
marì-dom, ore 9-19

Info e programma completo:
Sito della manifestazione
info@bilbolbul.net
bilbolbul@hamelin.net

Hamelin associazione culturale
Bologna, via Zamboni 15
Tel (+39) 051 233401 - Fax (+39) 051 2915120
info@hamelin.net
Hamelin

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader