Mostre » FRANCO FONTANA. Presenze Assenze

Franco Fontana, Zurigo, Svizzera, 1981

FRANCO FONTANA. Presenze Assenze

Il grande fotografo modenese in mostra a Lecco con una serie di scatti dove la presenza dell’uomo è protagonista attraverso ciò che di più immateriale lo può rappresentare, vale a dire la sua ombra

a cura di David Bernacchioni, il 05/10/2008

Dopo tredici anni, il fotografo Franco Fontana (Modena, 1933) è tornato ad esporre alla Galleria Melesi di Lecco, con la mostra dal titolo "Presenze Assenze" che ha inaugurato ieri negli spazi di via Mascari 54. L’esposizione di fatto prosegue quel percorso riflessivo e conoscitivo sulla fotografia italiana che la galleria lecchese porta avanti già da alcuni anni e che ha visto sfilare altri significativi esponenti della fotografia d’autore italiana come Mario Giacomelli, Gianni Berengo Gardin, Francesco Radino, Aldo Tagliaferro, Luigi Erba.

Così la gallerista Sabina Melesi

«Trovo che il mezzo fotografico per esprimere arte sia di straordinaria efficacia. L’arte fotografica che ho ospitato in galleria è prodotta da artisti di riconosciuta qualità, fuori dalle mode del momento. Le opere di Franco Fontana, artista che con piacere ripropongo, rappresentano una "prima" sul tema delle Presenze Assenze e sono di terribile contemporaneità: i contesti urbani, l’imprevedibilità dei colori, le allusive assenze. La qualità e l’impatto sono garantiti.»

In mostra opere fotografiche realizzate da Fontana tra la fine del ’79 e gli inizi del 1980

Franco Fontana, Palazzo della Civiltà - EUR, Roma, Italia, 1979

Il taglio scelto per questa mostra privilegia una serie di immagini (stampate su carta Kodak Metal Professional) del ciclo "Presenze Assenze", realizzate tra la fine del 1979 e i primi anni ‘80 e costituisce la prima mostra personale dedicata a questo tema in uno spazio privato. Accompagna la mostra il catalogo oggetto con pensieri dello stesso Fontana e autori vari.

Le ombre di Franco Fontana

La storia di Franco Fontana ha inizio negli anni Sessanta, ma si caratterizza in modo personale solo più avanti quando "passa alle cose": «muri, materiali, oggetti, paesaggi, fino a una progressiva essenzialità del mio discorso, che penso coerente nella sua successione». E aggiunge: «desidero comunicare al lettore delle mie immagini una sensazione d'analisi di quello che mi circonda e che distrattamente non sappiamo cogliere. Tutto ha un suo modo di esistere se vi si trova un'anima, per me poter vedere la vita nelle sue forme e manifestazioni più svariate, è oggi, anche artisticamente, di straordinaria importanza».

Consequenziale con questo suo pensiero è tutta la sua produzione e in particolare quella proposta in questa mostra che va a segnare la presenza dell’uomo attraverso ciò che di più immateriale lo può rappresentare, vale a dire la sua ombra.

La fotografia come "scrittura della luce"

Una presenza quindi "virtuale", che è visibile ma non palpabile, presente solo in quanto mediata dalla luce e dalla sua assenza. E qui il senso della fotografia, come "scrittura della luce", appare quanto mai veritiero. I luoghi raccontati (le architetture, i muri, le strade, e i loro colori) vivono della freschezza del pensiero che li ha interpretati: «La visione magica del mondo - dice Fontana - è sempre in quello che si immagina più che in quello che si vede. La vita è anche sogno e fotografare in modo creativo è possedere questo sogno perché la magia e la bellezza sono dentro di noi.»

Franco Fontana, Lerici, Italia, 1981

Note biografiche di Franco Fontana

Franco Fontana nasce a Modena nel 1933 e inizia a fotografare nel 1961. Del 1964 è la pubblicazione del suo primo portfolio ("Popular Photography", testo di Piero Racanicchi) e nel 1965 tiene la sua prima personale a Torino, ma è nella mostra che propone a Modena nel 1968 che il suo lavoro comincia a caratterizzarsi in modo definito e decisamente personale. Da allora numerosissime sono state le esposizioni, ma anche i volumi dedicati alla sua fotografia, pubblicati in Italia ma anche in Francia, Germania, Svizzera, Spagna, America e Giappone. Collabora in Italia e all’estero con riviste e quotidiani e contribuisce con le sue immagini a dare un tocco di poesia a molte campagne pubblicitarie.

Scheda Tecnica

  • Franco Fontana. "Presenze Assenze"
    fino al 6 dicembre 2008
  • Galleria Melesi
    Lecco, via Mascari 54
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 16-19; altri orari su appuntamento
  • Info:
    Tel. (+39) 0341 360348 – Fax (+39) 0341 360348
    info@galleriamelesi.com
    Galleria Melesi

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader