Mostre » ALTERNANZE. Di Erminia Boldrin e Anna Lauria

Un acrilico su tela di Erminia Boldrin (cm 60x90)

ALTERNANZE. Di Erminia Boldrin e Anna Lauria

A Padova una doppia mostra personale presenta i risultati delle ultime ricerche delle due artiste, la cui forte diversità e complementarità si rispecchia nelle soluzioni scelte per l’allestimento

a cura di Redazione, il 04/10/2008

Apre da oggi al pubblico, presso l’Osteria Barabba di Padova, la mostra “Alternanze. Di Erminia Boldrin e Anna Lauria”, curata da Paola De Troia. Primo episodio di un felice connubio tra due artiste fortemente diverse e complementari, la mostra espone i risultati delle ultime ricerche di entrambe.

Due mostre intense, in grado di vivere autonomamente

La disposizione degli spazi del Barabba ha permesso di separare, anche visivamente, il lavoro di Erminia Boldrin da quello di Anna Lauria, dedicando a ciascuna un’intera sala. Separate fisicamente, le opere delle due artiste creano due piccole mostre molto intense e unitarie, in grado di vivere autonomamente.

Ogni opera di Erminia Boldrin come piccola evoluzione del “dripping”

La pittura di Ermina Boldrin è fluida e nasce come evoluzione del dripping. L’artista lascia sgocciolare del colore sulla tela e, muovendola, genera delle volute che si imprimono come tante sfumature di tonalità diverse. Ordinata/disordinata, Erminia Boldrin persegue da tempo questa tecnica di cui ogni opera è una piccola evoluzione. È un’arte che si trasforma e muta grazie a evoluzioni minime e variazioni quasi impercettibili. Molti dei suoi quadri qui esposti sono di grandi dimensioni e suggeriscono forme marine: seppie, fondali, onde e spume, ma anche pianeti o astri. Accanto alla serie di quadri dominati dal blu, in questa mostra si è scelto di esporre anche opere dai colori accesi, dall’arancio al viola fino al verde.

Anna Lauria, “Metamorfosi”

La variegata produzione di Anna Lauria accomunata dalla “matericità”

Il tratto distintivo che percorre tutte le opere di Anna Lauria è invece la matericità. Colore molto pastoso e tinte forti dominano i suoi quadri creando un trait d’union in una produzione invece variegata dal punto di vista formale. Sempre alla ricerca di nuovi risultati, Anna Lauria esplora di continuo forme diverse alla ricerca di sviscerare nel profondo un tema di volta in volta nuovo. In mostra sono esposti alcuni esempi di “Mandala” e “Metamorfosi”, oltre a una serie di “Polittici” che molto concedono alla vena astratta. Le sfumature oro che illuminano questi quadri sono il frutto di una sua personale scoperta e nascono dall’uso di spezie nell’impasto dei colori creati in modo squisitamente artigianale.

    Scheda Tecnica

  • “Alternanze. Di Erminia Boldrin e Anna Lauria”
    dal 4 ottobre al 4 novembre 2008
  • Curatore:
    Paola De Troia
  • Osteria Barabba
    Padova, Via Vicenza 47
  • Orario di apertura:
    lun, mar, gio, ore 7.30-24; mer, ven, sab, ore 7.30-2; dom chiuso
  • Info:
    Tel. (+39) 049 8716845

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader