Eventi » GIANNONI. Guerra - La cicogna | Guerra - La girandola

Gianfranco Giannoni, “Guerra - La cicogna”, 1999, acrilico su tela, cm 180x140

GIANNONI. Guerra - La cicogna | Guerra - La girandola

L’artista toscano donerà le due opere su tela al Comune di San Miniato, città in cui opera da oltre quarant’anni. Accompagnerà la cerimonia di consegna un catalogo curato da Filippo Lotti, con testi di Giovanni Conforti e Raffaella Grana

a cura di Bernd Noack, il 27/09/2008

La pinacoteca del Palazzo Comunale di San Miniato (Pisa) si arricchisce di due intense opere di Gianfranco Giannoni, pittore protagonista della vita culturale del centro toscano da oltre quarant’anni. I due dipinti, “Guerra - La Cicogna” e “Guerra - La Girandola”, saranno consegnati nelle mani del sindaco di San Miniato, Angelo Frosini, domenica 28 settembre alle 10.30 nella nuova sala del Consiglio Comunale. Nel corso della cerimonia sarà presentato anche il catalogo dell’evento curato da Filippo Lotti, con testi di Giovanni Conforti e Raffaella Grana.

I due acrilici su tela già stati esposti in tre personali di Giannoni

L’organizzazione è di “FuoriLuogo - Arte contemporanea”, in collaborazione con l’associazione culturale “La Ruga”, e del Comune di San Miniato. Le due opere - su tela (ciascuna 180x140 cm) - sono state realizzate da Giannoni nel 1999 con la tecnica dell'acrilico. Entrambi i quadri sono stati esposti in tre mostre personali: nel 2005 a San Miniato e nel 2007 a Ponte a Egola e a Lucca.

Le mostre in Italia e all’estero. Gli ultimi cicli pittorici ispirati alla cronaca

Gianfranco Giannoni dipinge da oltre quarant’anni a San Miniato, ma il suo curriculum espositivo è ricco di mostre in tutta Italia ed all’estero (Repubblica Ceca, Francia, Germania, Iran, Austria).
Negli ultimi anni sta lavorando a cicli pittorici che prendono spunto dalla cronaca; guardano alla realtà e al sociale, al pianeta, spinto dalla necessità di affrontare il caos e il male che lo circonda. Da qui la particolarità di un’arte immediatamente fruibile, perché in grado di parlare con l’evidenza dell’immagine e con la profondità del messaggio, capace di giungere agli animi più sensibili.

«Riflessioni sulla quotidianità e sull’antologia del vivere» (Filippo Lotti)

Le due opere donate al Comune di San Miniato, come detto datate 1999, appartengono al ciclo “Pagine” e sono «Riflessioni sulla quotidianità e sull’antologia del vivere, in questo inizio di secolo, che ci fanno ritrovare di fronte quello che volevamo lasciarci alle spalle. Il nostro viaggio quotidiano all’interno del labirinto di situazioni che si ripropongono ostinatamente». (Filippo Lotti)

«L’atteggiamento fermo e non indulgente verso tutto quello che pare vero ed invece è dannatamente falso» (Raffaella Grana)

Gianfranco Giannoni, “Guerra - La girandola”, 1999, acrilico su tela, cm 180x140

«Nelle sue opere, ironiche e spesso ammiccanti, critiche, ma anche comprensive, ritrovo le fragile ed instabile sicurezza dei nostri tempi – scrive Raffaella Grana, assessore alla cultura di San Miniato – e vi trovo un atteggiamento fermo e non indulgente verso tutto quello che pare vero ed invece è dannatamente falso. Di lui mi piace anche l’impegno civile, la critica mordace verso fatti e persone che non lo convincono, l’oltraggio vellutato e scherzoso, da maledetto toscano, che sa portare verso il mondo».

Così l’autore presenta le due opere: “La girandola”…

Sul quadro “La girandola”, lo stesso autore scrive: «Pensando alla guerra e al bambino che in ogni momento ha voglia di giocare ho dipinto una girandola che è strumento ludico, di distrazione. La girandola è surreale, sinonimo e simbolo di leggerezza che, qui nel dipinto, perde sporie di colore, di vita. Mentre il bimbo gioca, un soldato lo porta via dalla morte, lo salva. Per i bambini la guerra poteva sembrare, e sembrava, un gioco. Nel quadro una punta, la lancia ostile, strumento di guerra, una cosa pesante, di ferro, d’acciaio, che rappresenta il dramma della guerra, la scheggia che uccide e poi ombre che servono ad accentuare la morte, la distruzione della guerra perché la guerra è guerra. L’incoscienza dei bambini che giocano, ed è vita, con la guerra, che è morte».

… e “La cicogna”, anch’essa ispirata al dramma della guerra

Mentre su “La cicogna” lo stesso Giannoni ricorda che «inizialmente il quadro appena realizzato lo battezzai “L’aeroplano”. Poi, ricordando quello che mi raccontava mia madre sul passaggio della guerra dalle nostre parti, lo ribattezzai “La cicogna”. Un aereo di ricognizione americano che imperava sui cieli di San Miniato durante la guerra, popolarmente chiamato “cicogna”. Non so bene il perché di questo nome, forse perché era bianco, forse perché sembrava leggero. Sotto le macerie, c’è un mezzo busto, l’immagine distruttiva. Un’immagine metafisica, statica. C’è anche rappresentata una scarpa, perché, da quello che mi ricordo, visto in tv eccetera, quando si vedono distruzioni, disgrazie, c’è sempre l’immagine di una scarpa che rappresenta la vita spezzata di un uomo. Sembra che l’anima sia persa, ma ne resta la matericità-oggetto dell’indumento».

    Scheda Tecnica

  • Gianfranco Giannoni. “Guerra - La cicogna” e “Guerra - La girandola”
    Donazione dei due dipinti al Comune di San Miniato (Pisa)
    28 Settembre 2008, ore 10.30
  • Palazzo Comunale
    San Miniato (Pisa), Via Vittime del Duomo 8
  • Organizzazione:
    FuoriLuogo - Arte contemporanea & Associazione Culturale “La Ruga”
  • Catalogo in mostra:
    a cura di Filippo Lotti con testi di Giovanni Conforti e Raffaella Grana
  • Info:
    Tel. (+39) 333 38 92 402
    filippolotti@interfree.it
    Ufficio Cultura del Comune di San Miniato: Tel. (+39) 0571 406700

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader