Mostre » IL ROSSO E IL NERO

Davide Nido, “Fluido ne.ro.sso”, 2008, tecnica mista su tela, cm. 60x60

IL ROSSO E IL NERO

Alla Galleria Silvano Lodi & Due di Milano una mostra collettiva ideata da ArsLife.com e curata da Paolo Manazza e Alessandro Visca: un viaggio “Dall’ideologia degli anni ’70 alla pittura contemporanea italiana” che invita ad andare oltre i conflitti e a riappacificarsi sulle ali dell’arte

a cura di David Bernacchioni, il 24/09/2008

Inaugura giovedì 25 settembre, negli spazi della Galleria Silvano Lodi & Due di Milano, a due passi dal Duomo, “Il Rosso e il Nero. Dall’ideologia degli anni ’70 alla pittura contemporanea italiana”, mostra collettiva curata da Paolo Manazza e Alessandro Visca. Con questa rassegna, che presenta opere di 24 artisti contemporanei, i due intellettuali propongono una lettura critica della Milano degli anni ’70 per andare oltre i conflitti di quegli anni e riappacificarsi, in modo “poetico e leggero” come loro stessi amano affermare, sulle ali dell’arte. È questo l’intento che anima gli artisti proposti dall’esposizione.

La collettiva, ideata da ArsLife.com e prodotta dalla Galleria Silvano Lodi & Due, ubicata nel cuore di Milano, è realizzata in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Milano “Palazzo Sormani” - Centro Stendhaliano e con il patrocinio della Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia e della Provincia di Milano.

Manazza e Visco, due intellettuali su sponde opposte uniti dall’amicizia

Paolo Manazza, il rosso. Alessandro Visca, il nero. Due giornalisti e intellettuali, da diversi anni uniti da amicizia. Nonostante il percorso giovanile su sponde opposte, Manazza e Visca hanno negli ultimi anni scoperto di avere un comune patrimonio culturale e riflessioni morali ed etiche per molti versi simili. Tema supremo, motivo conduttore, che unisce uomini e pensieri: la cultura. E così accade anche nelle suggestioni visive.

Paolo Manazza,”Red/Black in the Universe”, 2008, olio su tela, cm. 131x180

Il tema cromatico dei due colori, con al centro l’omaggio ad Alberto Burri

La mostra espone le opere selezionate, e per la maggior parte inedite, di 24 artisti contemporanei italiani sul tema cromatico de “il rosso e il nero” che hanno il loro ideale cardine nell’omaggio al grande maestro Alberto Burri, focus centrale dell’esposizione. Dall’esperienza decennale di Renata Boero si passa attraverso le ricerche pittoriche di Alessandro Busci, Rosalinda Celentano, Raffaele Cioffi, Roberto Coda Zabetta, Francesca Crocetti, Leonida De Filippi, Mimmo Di Marzio, Enzo Esposito, Giovanni Frangi, Luciana Gallo, Jonathan Guaitamacchi, Federico Guida, Paolo Manazza, Alberto Martini, Michelangelo Jr., Barbara Nahmad, Davide Nido, Alessandro Papetti, Luca Pignatelli, Michela Pomaro, Alessandro Spadari, Alessandro Verdi, Dany Vescovi.

La filosofia politica di Stendhal fornisce l’idea, l’afflato teorico e poetico della mostra

Sin dal titolo “Il Rosso e il Nero”, la mostra dichiara il suo nume ispiratore: lo scrittore Stendhal, profondamente innamorato di Milano. L’aspetto della filosofia politica, sotteso ma sempre incredibilmente vivido nell’autore francese, è lo spunto che fornisce l’idea, l’afflato teorico e poetico della mostra. Poiché, come scrive Stendhal, «la politica è una pietra attaccata al collo della letteratura. In mezzo agli interessi dell’immaginazione è come un colpo di pistola in mezzo a un concerto. È un rumore straziante, senza essere energico. Non s’accorda col suono di nessun strumento».

Il gesto sulla tela come liberazione dai Valori politici, estetici, morali

Da qui, attraverso la riflessione sull’ideologia che permea la società del XIX secolo come quella contemporanea, si inoltra il percorso espositivo: principalmente rosse e nere sono le tonalità sulle quali vertono le opere esposte, per un’integrazione tra arte ed idee, mai casuale.
Paolo Manazza commenta: «Sul fronte artistico e culturale credo ci sia una certa analogia tra la nostra epoca e quella della fine anni Quaranta negli Stati Uniti. Queste parole - scritte da Harold Rosenberg nel suo celebre saggio critico “The American Action Painters” del 1952 - valgono oggi più di allora: “Molti pittori erano ‘marxisti’, avevano cercato di dipingere la Società. Altri avevano cercato di dipingere l’Arte, il che è quasi la stessa cosa. Il grande momento è venuto quando hanno deciso di dipingere…semplicemente Dipingere. Il gesto sulla tela è stato un gesto di liberazione dai Valori politici, estetici, morali”».

Barbara Nahamad, “U. Meinhof”, 2006, olio e smalto su tela, cm. 110x90

Recuperare passione e creatività degli anni ’70 per tornare a sperimentare nell’arte

Alessandro Visca afferma: «quando si parla degli anni Settanta si cita quasi esclusivamente il terrorismo e gli anni di piombo. In realtà, quello fu solo il capitolo finale di una stagione molto più ricca e interessante. I giovani impegnati politicamente sia a destra che a sinistra si trovarono a mettere in discussione le vecchie impostazioni ideologiche con una carica di passione e creatività che oggi è difficile immaginare. È importante recuperare le immagini di quelle esperienze e passioni per ritrovare la voglia di sperimentare in terreni più liberi come quello dell’arte».

Una rilettura pittorica e poetica sulle rovine del conflitto ideologico

Il legame tra queste istanze rende possibile formulare compiutamente un’ipotesi per una rilettura pittorica e poetica, sulle rovine del conflitto ideologico e politico che ha connotato la Milano degli anni Settanta e che invece auspica una reinterpretazione bipartisan e anti-conflittuale.
E ciò in un momento, come quello attuale, in cui Milano torna ad essere fulcro e baricentro della scena culturale italiana, con l’importante evento dell’Expo 2015, cui idealmente la mostra, attraverso le opere esposte, guarda.
L’esposizione delle opere è accompagnata da alcuni pannelli con citazioni prese dal celebre romanzo “Il rosso e il nero”.

Leonida De Filippi, “Paesaggio urbano”, 2006, smalto su tela, cm. 100x120

Il catalogo edito dalla Galleria Silvano Lodi & con testi dei curatori

“Il Rosso e il Nero”, ideata da ArsLife.com e prodotta dalla Galleria Silvano Lodi & Due, ubicata nel cuore di Milano, è realizzata in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Milano “Palazzo Sormani” - Centro Stendhaliano e con il patrocinio della Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia e della Provincia di Milano.
Accompagna la mostra un esaustivo catalogo edito dalla Galleria Silvano Lodi & Due con testi di Paolo Manazza e Alessandro Visca.

Leggi il testo di Paolo Manazza
Leggi il testo di Alessandro Visca

    Scheda Tecnica

  • “Il Rosso e il Nero. Dall’ideologia degli anni ’70 alla pittura contemporanea italiana”
    dal 26 settembre al 14 novembre 2008
    Inaugurazione: giovedì 25 settembre, ore 19
  • Ideazione:
    ArsLife.com
  • Curatori:
    Paolo Manazza, Alessandro Visca
  • Galleria Silvano Lodi & Due
    Milano, Via San Primo 6 (a pochi passi dal Duomo)
  • Orario di apertura:
    lun-ven, ore 10-19; sab su appuntamento
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    edito da Galleria Silvano Lodi & Due, con testi di Paolo Manazza e Alessandro Visca
  • Info:
    Galleria Silvano Lodi & Due
    Tel. (+39) 02 799151 - Fax (+39) 02 799225
    silvano@gallerialodi.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 31/03/2008

VICEVERSA: I dipinti di un critico presentati dagli artisti

I critici che dipingono e gli artisti che fanno i curatori. Questo divertente ribaltamento dei ruoli ha all’attivo decine di casi in tutto il mondo, Stati Uniti in testa. In Italia è la prima volta che accade ufficialmente. Paolo Manazza, esperto di economia dell’arte, scopritore di neo-talent...

a cura di Redazione, il 22/12/2006

Paolo Manazza indaga sulle finalità dell’arte dopo l’11 settembre

Diversamente dal consueto, impieghiamo questo spazio per segnalare non una mostra o un evento artistico, bensì un libro, che crediamo possa interessare molti lettori perché affronta un tema intellettualmente complesso ma affascinante, e lo fa con acume e chiarezza in meno di ottanta pagine di ...