Mostre » Marcos Novak. TURBULENT TOPOLOGIES

Sopra e sotto, opere di Marcos Novak

Marcos Novak. TURBULENT TOPOLOGIES

La Fondazione Bevilacqua La Masa ospita a Venezia la prima personale di Markos Novak, artista e architetto ma anche uno dei maggiori teorici mondiali delle arti nell’epoca del cyberspazio

a cura di Valentina Redditi, il 11/09/2008

Inaugura venerdì 12 settembre a Venezia, negli spazi espositivi della Fondazione Bevilacqua La Masa a Palazzetto Tito, la prima personale di Markos Novak (1957, Caracas), oltre che artista e architetto, uno dei maggiori teorici mondiali delle arti nell’epoca del cyberspazio. La mostra, intitolata “Turbulent Topologies”, si terrà in concomitanza con la XI Mostra Internazionale di Architettura (11-21 settembre), ma resterà aperta al pubblico fino al 16 novembre.

La collaborazione con la Garanti Gallery di Istanbul

L’esposizione, che nasce in collaborazione con la Garanti Gallery di Istanbul, si inserisce come un tassello importante del programma che la Fondazione sta dedicando da anni alla teoria e alla pratica della cultura digitale.
Il titolo della rassegna allude a quanto lo spazio vissuto risulti essere un elemento fluido, sempre diverso da se stesso. L’esposizione sarà centrata su una grande installazione interattiva, con la quale Marcos Novak si collega alla sua teoria della “architettura liquida” sviluppata nei primi anni Novanta.

Le due sezioni della mostra

La mostra è divisa in due sezioni. La prima vicino all’ingresso è caratterizzata da una installazione interattiva; un grande cubo, munito di video camere in grado di catturare il movimento delle persone e di microfoni, è collegato ad un computer, a un impianto audio e ad un proiettore. Il visitatore è invitato ad entrare nel cubo tenendo dei sensori in mano e perlustrerà l’architettura invisibile seguendo la guida del suono e della visualizzazione.

La seconda parte della mostra presenta una serie di “sculture turbolente” elaborate da un software concepito per questo scopo. I modelli/sculture sono stati prodotti ad Istanbul così come il cubo, e ora, arrivando a Venezia vengono aggiunti nuovi modelli/sculture e nuovi espositori progettati e prodotti della Garanti Gallery per Palazzetto Tito.
Un flusso diviene turbolento quando è soggetto a vortici, a improvvise accelerazioni di correnti interne; così lo spazio che noi viviamo è normalmente soggetto a forze invisibili come i campi elettromagnetici e può essere alterato dalla nostra presenza.

Un nuovo modo di “abitare lo spazio”

L’opera introduce un’idea visionaria di design e scultura ma anche in scala più allargata un nuovo modo di “abitare lo spazio”. Si tratta così di immaginare una nuova architettura come risultato di interazione di forze invisibili, che partendo dalla progettazione nel virtuale possa emergere nel reale con caratteristiche innovative. Infatti, le possibilità sempre crescenti della progettazione virtuale e digitale permettono di collegare corpo e spazio, tecnologia e biologia, esperienza visiva e uditiva; tutto questo si può riassumere nell’idea di architettura trasmissibile in grado di collegarsi ad altri campi in modo ipermediale superando continuamente i suoi confini disciplinari; gli artisti e gli architetti del futuro progetteranno attraverso questi strumenti.

    Scheda Tecnica

  • Marcos Novak. TURBULENT TOPOLOGIES
    dal 13 settembre al 16 novembre 2008
    Inaugurazione: venerdì 12 settembre, ore 18.30
  • Curatori:
    Stefano Coletto e Pelin Dervis (in collaborazione con Garanti Gallery di Istanbul)
  • Exhibition design:
    Yesim Bakirkure, Ipsilon, Istanbul
  • Fondazione Bevilacqua La Masa - Palazzetto Tito
    Venezia, Dorsoduro 2826
  • Orario di apertura:
    mer-dom, ore 10.30-17.30
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Fondazione Bevilacqua La Masa
    Tel. +39 041 5207797 - Fax +39 041 5208955

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 03/09/2008

Novak, Marcos

Nato a Caracas nel 1957, Marcos Novak è uno degli artisti e teorici più visionari del momento; si definisce un trans-architetto. I suoi saggi, le interviste, i progetti sono stati tradotti in più di 20 lingue e sono apparsi in più di 70 paesi. Il suo lavoro rifugge intenzionalmente dalle categ...