Mostre » Omaggio a DORA BASSI

Dora Bassi

Omaggio a DORA BASSI

Ad un anno dalla scomparsa della celebre artista, le sale della galleria friulana Del Girasole ospitano la mostra curata da Gianfranco Ellero ed Enzo Bernava “Dora Bassi & Giuliano Borghesan”

di Giovanni Cozzarizza, il 06/09/2008

Il Centro Friulano Arti Plastiche e la Galleria Del Girasole di Udine rendono omaggio a Dora Bassi (Feltre 1921-Udine 2007), giusto ad un anno dalla morte della pittrice. La mostra, allestita fino al prossimo 25 settembre 2008, s’intitola precisamente “Dora Bassi & Giuliano Borghesan”, vediamo perché.

I motivi della mostra

Nel dicembre del 2006, proprio la Galleria Del Girasole, ospitò l’ultima mostra dell’artista (“La mia infanzia a Brazzacco”). Già segnata dal male incombente, la pittrice non poté incontrare, come soleva fare, il pubblico dei suoi estimatori. Promise, tuttavia che sarebbe tornata di lì a qualche settimana. Cosa che, seppure con gran fatica, fece poco dopo.

L’incontro tra Dora Bassi e il fotografo Giuliano Borghesan

Partecipò al convegno anche il grande fotografo Giuliano Borghesan, (Spilimbergo 1934), che come probabilmente si ricorderà, nel ’55, insieme a Italo Zannier, Toni del Tin, Aldo Beltrame, il fratello Gianni, Fulvio Roiter e Carlo Bevilacqua, fondò il Gruppo Friulano per una Nuova Fotografia. Uno dei maestri del neorealismo, dunque. Lo scambio di idee e meditazioni tra i due artisti, “fatto più di sguardi che di parole”, come ricorda Borghesan, ispirò il fotografo che ne fu colpito: “per la prima volta e unica nella mia vita, mi sarebbe piaciuto “entrare” nei suoi quadri … non per riprodurli dal baricentro, bensì per scomporli e ricomporli a modo mio, per interpretarli, insomma, e lei rispose che potevo fare tutto quello che avrei voluto e potuto”.

Tre mostre in una

Gianfranco Ellero ed Enzo Bernava, (benemeriti operatori e promotori di cultura tout-court), curatori dell’evento, hanno dunque pensato di presentare in mostra alcune tele delle Bassi, ispirate da versi di Pier Paolo Pasolini, ed una decina di immagini selezionate di Borghesan, realizzate su pannelli di vario formato. Il pubblico potrà in sostanza vedere tre mostre: le opere della Bassi, l’interpretazione digitale della rassegna del dicembre 2006 e gli scatti di Borghesan.

Uno scatto di Giuliano Borghesan

Le parole dei curatori Gianfranco Ellero ed Enzo Bernava

I curatori sono convinti che “…pur nelle sue ridotte dimensioni la mostra del Girasole è un evento culturalmente ed esteticamente importante, che si realizza al centro del Friuli”.

La gioia per l’avvio di questa rassegna è velata, tuttavia, da un velo di amarezza. Nella sua presentazione, infatti, Ellero colloca due note di sconforto (condizione propria, ritengo di poter dire, di chi cerca di dare impulso all’arte in Friuli maniera disinteressata).

Due sottolineature importanti sul rapporto tra il Friuli e l’arte

Il primo appunto è attribuito proprio a Dora Bassi, che ricorda il critico – era solita ripetere questo giudizio agrodolce: “nella mentalità dei friulani qualcosa di importante può accadere solo lontano dai confini del Friuli”.

La seconda viene proprio dalla penna di Ellero, laddove egli presagisce “ma la pittrice avrà ancora una volta ragione perché (la mostra n.d.r.) cadrà in una città come sempre smemorata o distratta”.

E’ un fatto che, nonostante l’indiscusso valore delle “produzioni”, si fa sempre fatica (non solo in Friuli) a portare nelle gallerie, e più in generale nei musei, un pubblico spesso distratto.

L’uomo contemporaneo é prigioniero d’un impianto di vita schizofrenico, condannato com’è da un sistema che afferma il primato dell’economia e della velocità. Egli è assorbito da un modello di sviluppo in cui le parole d’ordine sono: crescita, produzione e consumo. Situazione che, obiettivamente, non favorisce la ricerca di uno spazio-tempo da destinare alla riflessione, ad interrogarsi sul senso dell’esistenza.

E talvolta, anche chi va per mostre, ci va più per partecipare ad un evento mondano che per nutrirsi di cultura. Non si nutre, dunque, di cultura ma si limita a ad ingurgitarla, a consumarla; essendo così inesorabilmente destinato, tra l’altro, a rimanere culturalmente denutrito.

Speriamo che i friulani, questa volta, in un sussulto di orgoglio, smentiscano questi foschi pronostici.

Scheda Tecnica

  • Dora Bassi & Giuliano Borghesan
    fino al 25 settembre 2008
  • Curatori:
    Gianfranco Ellero, Enzo Bernava
  • Galleria Del Girasole
    Udine, Riva Al Castello 1
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 17-19.30; festivi, ore 9-12
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 338 2272870

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader