Eventi » ANDREA BLUM

Andrea Blum, Landscape in the palace

ANDREA BLUM

In occasione dell' 11a Biennale di Architettura di Venezia 2008, Caterina Tognon per stART inaugura la mostra dell’artista newyorkese dal titolo “Home on the street / Landscape in the Palace”

a cura di Valentina Redditi, il 10/09/2008

Curata da Chiara Bertola, inaugura giovedì 11 settembre a Venezia la nuova mostra dell’artista statunitense nativa di New York City Andrea Blum. L'esposizione si articolerà in due parti: la prima, la video-installazione “Home on the street” (Casa di strada), sarà presentata nella piazza antistante la sede veneziana dell’associazione culturale stART, promotrice dell’esposizione, mentre nella seconda parte la Blum proporrà ai visitatori l'intervento artistico dal titolo “Landscape in the Palace” (Paesaggio nel Palazzo), pensato appositamente per il salone delle feste di Palazzo Da Ponte di Venezia, seconda sede espositiva di stART.

La prima parte dell’esposizione: “Home on the street” (Casa di strada)

Home on the street (Casa di strada) è una video-installazione sulla piazza davanti alla sede espositiva di campo San Maurizio. L’artista proietta disegni di strutture abitative essenziali, case economiche o piccoli spazi di vita urbana. Utilizzando pareti che si aprono e si chiudono, che salgono, girano e scivolano, sfrutta appieno qualunque spazio come vitale; in particolare mostra le funzioni elementari di un operatore freelance che lavora a domicilio. Si tratta essenzialmente di identificare le quattro zone del ciclo vitale dell'essere umano in cui svolgere le minime esigenze del vivere, dormire, mangiare e lavorare.

Andrea Blum, Love Hotel

I motivi del progetto esterno

Esponendo questi progetti nello spazio esterno e pubblico del campo veneziano, la Blum rappresenta uno dei suoi principali elementi progettuali: “Le consuetudini della vita in casa si trasferiscono in strada. Come camminiamo, parliamo, mangiamo, ci riposiamo, tutto viene messo in vendita sulla pubblica piazza. Viviamo la casa come fosse uno zaino che portiamo con noi per tutta la giornata: in strada, a teatro, in metropolitana, al centro commerciale. Ci trasciniamo dietro pareti, sedie, librerie ed effetti personali.”

La seconda parte, “Landscape in the Palace” (Paesaggio nel Palazzo)

Landscape in the Palace (Paesaggio nel Palazzo) è un intervento artistico pensato appositamente per il salone delle feste di Palazzo Da Ponte, seconda sede espositiva di stART.
L'artista dialoga con il modello architettonico del palazzo veneziano settecentesco utilizzando le spaziature delle pareti come cornice per i suoi disegni. Per ogni campitura sui muri e su ogni spazio sovrapporta, inserisce visioni di strutture architettoniche 'smontate' e avvolte in un paesaggio evanescente e romantico, a ricordare le rovine dei “capricci settecenteschi”.

Entrati nel salone, dopo l’iniziale e rassicurante impatto visivo, l'atmosfera di armonia data dai disegni alle pareti, montati come carta da parati, si incrina e si frantuma in immagini di architetture decostruite, di ambienti alieni, che inducono disagio e straniamento.

Andrea Blum, Untitled

L’arte di Andrea Blum nelle parole della stessa artista:

«…Il mio lavoro si colloca a metà strada tra scultura, architettura e design. Benché scultrice di formazione, dal 1983 ho trovato più interessante riflettere sulle politiche del bisogno, desiderio e condizione sociale che sono rimaste al centro della mia pratica artistica. Il lavoro assume varie forme e dimensioni: progetto spazi pubblici, biblioteche, piccole strutture architettoniche, spazi abitativi, di lavoro e stanze da letto. Produco mobili, non proprio di “alto design” ma che, piuttosto, offrono un mezzo per isolare il corpo all’interno del suo ambito sociale. Rifletto circa la possibilità di utilizzare l’arredamento quasi fosse una camera d’aria capace di isolare le azioni del corpo e i singoli comportamenti. Aspetto il momento in cui il modo di abitare la propria casa viene esibito in pubblico…»

Andrea Blum, attualmente in mostra a Parigi col progetto “Birdhousecafe”

Nata a New York City, ha studiato al Boston Museum of Fine Arts/Tufts e all’Art Iinstitute of Chicago. Ha realizzato progetti permanenti in California, Ohio, Minneapolis, Wisconsin e Boston, così come in Francia, Olanda e Inghilterra. Ha partecipato alla Biennale di Venezia del 2005 con il progetto “Gardens & Fountains”; tale opera, motivo ricorrente nel suo lavoro, era situata nel cuore dei Giardini della Biennale e pensata come una scenografia per l’interazione sociale.

A Parigi presenta nel marzo 2008, alla galleria In Situ di Fabienne Leclerc, due sculture in cui il linguaggio dell'architettura e del design si confronta direttamente e fisicamente con il mondo della natura. E’ ora in mostra alla Fondazione Maison Rouge di Parigi il progetto 'Birdhousecafe', grande voliera in cui il visitatore può entrare e sostare.
(Per saperne di più: Sito web dell'artista)

Andrea Blum, Wall paper

L’associazione culturale stART

Caterina Tognon, gallerista, Paola Tognon, curatrice freelance di arte contemporanea e Gabriele Pimpini, architetto, iniziano a Venezia nel 2005 il lavoro di stART. Questa associazione culturale opera rapporti diretti e di scambio con istituzioni, enti pubblici e privati, secondo un sistema associativo no-profit che permette relazioni propositive con artisti e operatori culturali.

stART, con i suoi “special project”, si occupa di arti visuali, dedicandosi in particolare agli aspetti di interelazione tra arti visive, architettura, arti applicate e design contemporanei.
(Per saperne di più: Sito web di stART)

Scheda tecnica

  • Andrea Blum. Home on the Street / Landscape in the Palace
    dal 12 settembre al 1 novembre 2008
    Inaugurazione: giovedì 11 settembre, ore 22-24
  • Curatore:
    Chiara Bertola
  • stART
    Campo San Maurizio
    Venezia, San Marco 2671
  • Palazzo Da Ponte
    Venezia, Calle del Dose, San Marco 2746
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10-13 e 15-19.30
  • Info:
    Tel. (+39) 041 5207859
    info@startcontempo.org
    stART

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader