Special » SPECIAL / Gli artisti di “Ortus Artis e Fresco Bosco”

Sergio Picciaredda, Pool, 2008, stampa su pvc, cm. 150x200

SPECIAL / Gli artisti di “Ortus Artis e Fresco Bosco”

Le opere proposte nella manifestazione rimarranno in esposizione permanente, collocate all'interno della Certosa di Padula a creare un vero e proprio museo di arte contemporanea nei luoghi sacri dei monaci certosini

a cura di Redazione, il 04/09/2008

Francesco Arena con l'installazione Nicchie con aureole utilizza il luogo originariamente impiegato come rimessa per gli attrezzi agricoli, trasformandolo in deposito per aureole che, orfane del proprio riferimento, illuminano se stesse conservate in casse-reliquiari.

Chiara Camoni, Flavio Favelli, Marcello Cinque

Chiara Camoni con Appunti per una scultura propone un crocifisso in stucco a grandezza naturale, da posizionare a terra, che racchiude una doppia possibilità, un ribaltamento di spazio e di senso. Pavimento#1 è il titolo dell'opera di Flavio Favelli, rifacimento di un modulo di cm. 250x200 del pavimento in marmo inserito nel parco che riprende i motivi del lastricato della Certosa. Marcello Cinque realizza due sculture di roccia bianca con spugna imbevute di cemento, dal titolo Fiori-muschio.

Lorenza Lucchi Basili, Spazio Ottanta, Barcellona, 2008, stampa cromogenica su dibond, cm. 150x100

Matteo Fraterno, Giancarlo Neri, Pietro Costa

L'installazione di Matteo Fraterno nasce dall'idea di contrapporre lo spazio della neviera, anticamente adibito a conservare il ghiaccio, al calore di materiali quali sabbia e lava che riempiono una profondità di circa 10 metri: su una scala posta alla sommità della neviera un soprano intona l'originale canto napoletano "Scalinatella". Giancarlo Neri trasforma il paesaggio in mappa e la mappa in territorio con Voi siete qui, una sorta di grande cartello posizionato in una radura.

Siamosiete, installazione al neon di Pietro Costa, include 6 contenitori luminosi disposti tra gli alberi del giardino, sui temi dell’identità e della colpa; l'artista sceglie oggetti comuni, come i bidoni di plastica della spazzatura, per sottolineare il contrasto tra il sacro e profano nell’arte, nella religione e nelle nostre scelte morali.

Franco Silvestro, Bartolomeo Migliore, Francesco Bocchini

Franco Silvestro presenta una serie di figure in ceramica di dimensioni naturali per affrontare il tema del sociale nelle zone più calde dell'Italia del sud, mentre Bartolomeo Migliore, attraverso le parole Burning Humus scritte in latta a formare un cerchio di 2 metri di diametro nel terreno, racconta il paesaggio urbano della zona.

La storia della Certosa crea lo sfondo per l'opera di Francesco Bocchini che con Condominio infinito, una sua tipica scaffalatura in ferro illuminata all'interno, racconta la storia di frati e uomini illustri che nel tempo hanno abitato questo suggestivo luogo di preghiera.

Lucia Lamberti, Executive Target, 2008, tempera olio e acrilico, cm. 130x180

Le sculture nel parco di Krzystof Bednarski, Giuseppe Capitano, Pietro Fortuna e Lawrence Carroll

Tra le sculture posizionate nel parco si segnalano: Victoria non finita del polacco Krzystof Bednarski, un’opera composta da blocchi di gas beton che raffigura una gigantesca mano chiusa con le due dita alzate nel tipico segno di vittoria, con le due falangi non completate; la monumentale figura in marmo di Giuseppe Capitano; la colonna di metallo di Pietro Fortuna, di circa 3 metri di altezza con fasce laterali che formano una sorta di diapason. L'australiano Lawrence Carroll creerà un’opera site specific in una cella della Certosa.

Alla Certosa un vero e proprio museo di arte contemporanea

Le opere rimarranno in esposizione permanente incrementando la già cospicua collezione: fotografie, opere pittoriche e installazioni saranno infatti collocate all'interno della Certosa a creare un vero e proprio museo di arte contemporanea nei luoghi sacri dei monaci certosini.

Gabriele Basilico, Lucia Lamberti, Shai Frish Peri, Paolo Picozza

Gabriele Basilico propone una suggestiva fotografia della città di Beirut, già parte del ciclo fotografico presentato alla Biennale di Venezia 2007. Di Lucia Lamberti è stata scelta la tela Executive Target, del 2008, che rientra nel ciclo dal titolo "A un braccio di distanza", una serie ispirata da soggetti cinematografici rielaborati attraverso tecniche tradizionali.

Paolo Picozza, Studio per la foresta di ghiaccio, 2007, smalto e carta velina su carta bitumata, cm. 200 x 560

L'artista israeliano Shai Frish Peri ha realizzato un'installazione a muro costituita da una superficie assemblata con componenti elettriche, mentre Paolo Picozza ha dipinto una tela di grandi dimensioni con bitume e carta incollata sulla superficie.

Sergio Picciaredda, Lorenza Lucchi Basili, Gianfranco Baruchello, Mary Zygouri

La fotografia di Sergio Picciaredda, Pool, rispecchia una visione soggettiva della realtà, colta nell'intimo di molti dettagli. Spazio ottanta, Barcellona restituisce un'immagine accattivante della città spagnola: Lorenza Lucchi Basili rappresenta habitat contemporanei affidandosi alle condizioni di percezione al momento dello scatto.

Gianfranco Baruchello presenta il video Il bosco, in cui una passeggiata diventa lo spazio sensibile dell'immaginazione: il bosco è anche il risultato di un’opera di cura, manutenzione e recupero di un sito storico, ovvero la strada etrusca che congiungeva l’antica Veio a Sacrofano. Un altro interessante video viene proiettato: Symbiosis, dell’artista greca Mary Zygouri, fa parte del progetto “Fattening Cells” e riflette sul delicato tema del rapporto tra l’Autorità e la Massa.

Francesco Acone, Mesopotam, 2007, carta fotografica su alluminio dibond, cm. 112 x 200

Luca Campigotto, Raffaela Mariniello, Francesco Acone, Mauro Di Silvestre, Luca Padroni

Luca Campigotto, Raffaela Mariniello e Francesco Acone, che presenta Mesopotam, fanno rivivere gli antichi spazi della Certosa attraverso poetici scatti fotografici, mentre Mauro Di Silvestre e Luca Padroni espongono opere pittoriche.

Le performances di Umberto Scrocca, Domenico Mennillo-Lungrabbe, Guidarello Pontani

Di eccezionale spessore anche le performances in programma: lo spettacolo di Electronic cafè di Umberto Scrocca propone Self-Portrait of Salvador Dali, un video-documentario sulla vita dell’artista surrealista raccontata da Orson Welles, mentre Domenico Mennillo-Lungrabbe è il protagonista di La Maison de Rêve, rielaborazione di un progetto architettonico-musicale del compositore La Monte Young. Questa performance dà vita a una vera e propria “stanza nel verde”, nella quale abitano un uomo e una donna, animata da un tessuto sonoro costante (musica melodica “trattata” e musica elettronica).

La classe morta è il titolo dello spettacolo di Guidarello Pontani in cui attori in carne e ossa chiameranno, come per un vera interrogazione, altri attori scomparsi da tempo. La classe, ossia lo spazio scenico, si animerà improvvisamente attraverso colloqui, monologhi e gesti fantastici: artisti, attori, registi, poeti, scrittori e altri personaggi significativi degli ultimi decenni prendono così forma trasportando lo spettatore tra spazio e tempo, in un luogo frequentato soltanto dagli dei.

Ortus Artis, rivisitazione contemporanea dei giardini di due celle della Certosa

Ortus Artis è dedicata alla rivisitazione dei giardini di due celle della Certosa. È un momento di incontro tra paesaggio e architettura, tra natura e arte; al tempo stesso, è un'occasione di confronto e sviluppo delle posizioni più attuali nel campo dell'architettura del paesaggio contemporaneo nazionale e internazionale. Per questa edizione si realizza il progetto della cella n.26, ideato dagli studenti dell'università di Dresda, che con l’opera Dereconstruktion hanno vinto "Ortus Artis 2006 - IV Workshop internazionale del paesaggio e del giardino contemporaneo".

L’ateneo tedesco si è così affermato sugli altri istituti partecipanti, studiando un progetto in cui è stata riscontrata una sensibilità universale che non rinuncia al dialogo con la natura. La cella n.26 è una delle due recuperate dalle alluvioni di fine ‘800, in cui, grazie a scavi recenti, erano state rinvenute le tracce sia della cella stessa che del muro di cinta.

Certosa di Padula, chiostro

Ortus Artis, anche un concorso on-line per la rilettura del giardino della cella n.25

Il fertile terreno di Ortus Artis ha fatto inoltre nascere l’innovativo concorso on-line per la rilettura del giardino della cella n.25. Il gruppo di architetti di paesaggio Archi-pelagus ha vinto con il progetto Riflessioni, in cui l'essenzialità dello spazio diventa uno spunto alla riflessione sull'esistenza, un mezzo per trascendere la dimensione materiale e innalzarsi verso quella spirituale. Gli ambienti interni della stessa cella, recuperati e riutilizzabili grazie agli interventi di restauro conservativo della Soprintendenza, ospitano le opere di fotografia che arricchiscono la collezione di opere contemporanee già raccolte in Certosa.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Valentina Redditi, il 04/09/2008

ORTUS ARTIS E FRESCO BOSCO

A partire dal 5 settembre 2008 il complesso monumentale della Certosa di San Lorenzo a Padula (Sa) con il suo secolare parco diventa lo sfondo per la manifestazione ideata e curata da Achille Bonito Oliva dal titolo “Natura e Arte in Certosa: Ortus Artis e Fresco Bosco”. Un evento straordinari...