Eventi » Per MONGARTE le opere di Medhat Shafik

Uno degli allestimenti curati da Medhat Shafik

Per MONGARTE le opere di Medhat Shafik

Giunta alla sua terza edizione, la rassegna “Mongarte. Racconti plurimi del Riciclaggio” è dedicata quest’anno all’opera dell’artista egiziano Medhat Shafik, Leone d'Oro alla Biennale di Venezia nel 1995

a cura di David Bernacchioni, il 20/09/2008

“Lo Scarabeo”, questo il titolo della mostra dello scultore egiziano Medhat Shafik (El Badari - Assiut, 1956), protagonista a partire da oggi, sabato 20 settembre, della terza edizione della rassegna “Mongarte. Racconti plurimi del Riciclaggio” allestita negli spazi della Chiesa del Suffragio, della Cappella Paolotti, di Palazzo Ripa, di Palazzo Nardini e per le strade di Sogliano al Rubicone (Fc) fino al prossimo 8 dicembre 2008.

Mongarte nel segno della continuità

Anche per l’edizione 2008, la rassegna intende continuare l’importante connubio tra “Arte & Riciclaggio” iniziato negli anni passati con le mostre delle scultrici italiane Anna Santinello (2006) e Gabriella Benedini (2007), al fine di proseguire nell’indagine dei nuovi modi di fare arte oggi e di promuovere l’interesse per le diverse espressioni artistiche.

Al centro del progetto il mongo, “materiale di scarto recuperato”

Come sempre, è il “materiale di scarto recuperato” (mongo) il ganglio centrale della rassegna, che lo scultore ha intitolato Lo Scarabeo, animale sacro per gli egiziani, su cui realizzerà le installazioni per questa edizione.

Shafik presenta opere site specific realizzate in diversi materiali, dal sale al vetro alla carta nepalese

Un altro allestimento realizzato dall'artista egiziano

In occasione di Mongarte 2008, Shafik presenta opere dal diverso significato, appositamente pensate per i luoghi che le ospiteranno e che useranno materiali diversi come il sale, il vetro e la carta nepalese, quali simboli di nascita, spiritualità, cammino. La suggestione di questi assemblaggi unici, composti da materiale di “scarto”, sarà per il visitatore un viaggio ideale, a cavallo tra la cultura occidentale e quella millenaria dell’artista, accomunate dai materiali “universali”, utilizzati come singolare veicolo di comunicazione.

Medhat Shafik, Leone d'Oro alla Biennale di Venezia del 1995

Medhat Shafik è nato nel 1956 a El Badari, in Egitto. Dal 1977 vive e lavora tra Il Cairo e Milano, dove si è diplomato nel 1980 in pittura e nel 1985 in scenografia all’Accademia di Brera. Il suo lavoro ha ricevuto nel corso degli anni molteplici premi e riconoscimenti, tra i quali il Leone d’Oro alla Biennale Internazionale di Venezia del 1995 ed il Grand Prix della IX Biennale Internazionale de Il Cairo del 2003. Numerose le mostre sia personali che collettive in Italia e all’estero, così come i Musei che ospitano le sue opere, tra cui si ricorda il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Marsala, la Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, il Museum of Egyptian Modern Art.

Varie le recensioni su quotidiani e periodici italiani ed esteri, a cura di importanti nomi della critica sia nazionale che internazionale, e le partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici in tutto il mondo.

In programma anche una serie di eventi collaterali

Anche per questa edizione, si organizzeranno una serie di importanti eventi collaterali e numerose iniziative interdisciplinari, attività didattiche e visite guidate per scuole e famiglie, che verranno attivate parallelamente alla mostra.

Accompagna la rassegna il catalogo pubblicato da Il Vicolo Editore

La rassegna verrà documentata in un catalogo edito per i tipi de Il Vicolo Editore che conterrà, oltre ai testi istituzionali, il testo della curatrice, un testo critico di Claudio Spadoni e la riproduzione di tutte le opere oggetto dell’esposizione. Parallelamente alla mostra verranno attivati dei laboratori didattici, curati dalla Cooperativa “La Finestra”.

Chi promuove l’iniziativa

Il progetto, voluto e promosso dalla Sogliano Ambiente - importante Società di Servizi specializzata in gestione dei rifiuti e cogenerazione, fondata nel 1996 - in sinergia con l’Amministrazione Comunale di Sogliano al Rubicone, è curato da Marisa Zattini ed è organizzata da Il Vicolo-Sezione Arte di Cesena.

Scheda tecnica


  • Medhat Shafik. “Lo Scarabeo”
    (Nell'ambito di “MONGARTE. Racconti plurimi del Riciclaggio”. Terza edizione 2008)
    dal 20 settembre all’8 dicembre 2008
    Inaugurazione: sabato 20 settembre, ore 17
    (Teatro Comunale “Elisabetta Turroni” (Piazza Mazzini) di Sogliano al Rubicone - FC)
  • Curatore:
    Marisa Zattini
  • Sedi varie di Sogliano al Rubicone (Fc)
    Chiesa del Suffragio, Cappella Paolotti, Palazzo Ripa, Palazzo Nardini e per le strade del Borgo cittadino
    Sogliano al Rubicone (Fc)
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Orario di apertura:
    mar-dom, 9.30-12.30 e 16-19.30; lun chiuso
  • Catalogo:
    IL VICOLO Editore, con testo critico di Claudio Spadoni
  • Promozione:
    Società Sogliano Ambiente - Comune di Sogliano - Assessorato alla Cultura
    Assessore Luciana Berretti
  • Allestimento:
    Augusto Pompili
  • Organizzazione:
    IL VICOLO - Sezione Arte
    Via Carbonari, 16 - 47023 Cesena
    Tel. (+39) 0547 21386 – Fax (+399 0547 27479
    arte@ilvicolo.com
  • Info:
    Assessorato alla Cultura
    Silvano Brandinelli - Simona Sambi
    Tel. (+39) 0541 817311/817328 - Fax (+39) 0541 948866
    cultura@comune.sogliano.fc.it
    Comune di Sogliano
    IAT - Isabella Pacini 335 6097313

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader