Mostre » BERTINA LOPES. La forza più grande di una rivoluzione è l’amore

BERTINA LOPES. La forza più grande di una rivoluzione è l’amore

Alla Fortezza da Basso di Firenze l’ultima mostra personale dell’artista originaria del Mozambico, ambasciatrice di pace e solidarietà nel mondo

a cura di Valentina Redditi, il 20/08/2008

La Fortezza da Basso di Firenze ospita, da sabato 23 agosto a domenica 7 settembre, l’ultima personale di Bertina Lopes intitolata “La forza più grande di una rivoluzione è l’amore”. Numerose sono le opere, fra le quali alcune mai esposte al pubblico e per la prima volta disponibili al collezionista, che saranno mostrate in occasione dell’appuntamento fiorentino. Quest’ultimo verrà ripetuto successivamente alla Galleria Tartaglia di Roma, città dove l’artista vive e opera da oltre 45 anni, dal 4 al 22 ottobre di quest’anno.

Un’artista sfuggita alle repressioni del regime di Salazar in Mozambico

Bertina Lopes è nata in Mozambico, da madre africana e padre portoghese, la prima mostra, a Maputo, è del 1956, ma 5 anni dopo è costretta a lasciare il paese a causa delle repressioni del regime salazariano. L’attività artistica di Bertina unisce idealmente uno dei Paesi più grandi dell’Africa all’Italia, ed è sinonimo di Pace e Solidarietà. Bertina Lopes è diventata ambasciatore di questi valori in molti paesi: dalla Germania all’ex URSS, da Cuba all’Angola, dalla Finlandia alla Svezia, dagli Stati Uniti alla Spagna, dalla Grecia al Brasile, dove ha esposto con grande successo.

Dal figurativo all’astratto, dalle tecniche tradizionali ai materiali nuovi ed eversivi

«L’amore è anche passione, – si legge catalogo della mostra – attraverso quel prisma passione erotica e viscerale, è il sentimento che tramortisce e trasforma è la rivoluzione per eccellenza che ti fa essere te e l’altro nel medesimo istante, e che è anche l’amore di una vita che dura, come nel suo caso, da più di quarant’anni.
E dunque, per Bertina, amore e passione sono sinonimi di rivoluzione ed evoluzione così come nelle tante fasi che hanno caratterizzato la sua arte, dal figurativo all’astratto, dalle tecniche tradizionali ai materiali nuovi ed eversivi».

L’aiuto ai più deboli, la lotta alla fame, il ripudio della guerra e di ogni violenza, l’emancipazione della donna

Con la sua arte il messaggio di Bertina irrompe con forza tra la gente, coinvolge lo spettatore, parla una lingua universale che trasmette valori universali. L’aiuto per i più deboli, la lotta alla fame, il ripudio della guerra, la rivolta contro ogni forma di violenza, l’emancipazione della donna, sono le tematiche che attraversano le sue opere e che segnano anche “La forza più grande di una rivoluzione è l’amore”.

    Scheda Tecnica

  • Bertina Lopes. “La forza più grande di una rivoluzione è l'amore”
    dal 23 agosto al 7 settembre 2008
    Inaugurazione: sabato 23 agosto, ore 17
  • Curatori:
    Pino Nazio, Luca Nitiffi, Riccardo Tartaglia
  • Fortezza da Basso, sala della Volta
    Firenze (a 250 m dalla Stazione Centrale S. M. Novella)
  • In collaborazione con:
    Galleria Tartaglia Arte - Roma
  • Aiuto allestimento:
    Monica Falco
  • Presentazione e testo critico:
    Claudio Crescentini, Giuliana Gardelli
  • Info:
    Galleria Tartaglia Arte
    Tel.e Fax (+39) 064884234
    gallerie@tartagliaarte.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader