Mostre » IGORT. Baobab e altre versioni

IGORT, Guapo (part), 2008, acquerello su carta

IGORT. Baobab e altre versioni

Il grande illustratore e creativo sardo Igort presenta in esposizione a Bologna, insieme ad una cinquantina di lavori, anche dodici acquerelli inediti più alcune tavole originali tratte dalla sua ultima creazione, il romanzo grafico Baobab

a cura di Bernd Noack, il 21/09/2008

Ha inaugurato ieri a Bologna, negli spazi di La Forni Galleria d’Arte, la mostra “IGORT. Baobab e altre versioni”, dedicata al celebre Igort – illustratore di fama internazionale (i suoi libri sono stati tradotti in 15 paesi e i suoi fumetti sono stati pubblicati dalle più importanti riviste internazionali), ma anche musicista, sceneggiatore, conduttore radiofonico, editore – che presenterà negli spazi bolognesi una cinquantina di lavori, 12 acquerelli inediti più alcune tavole originali tratte dalla sua ultima creazione, Baobab, romanzo grafico edito da Coconino Press.

All'inaugurazione la voce di Igort illustrerà "Baobab, l'età dei sogni"

Igort, autentico creativo, sorprendentemente poliedrico, capace di utilizzare le espressioni artistiche più disparate eppure sempre ed inequivocabilmente fedele a se stesso, il giorno dell’inaugurazione attraverso un Reading, con la sua stessa voce introdurrà i presenti nel mondo fantastico del fumetto d'autore con la lettura di "Baobab, l'età dei sogni". Romanzi grafici dell'autore, editi da Coconino Press, saranno disponibili al FORNIBOOKSHOP.

Igort, tra i più raffinati autori dell'avanguardia fumettistica

Igort Igor Tuveri (questo il suo vero nome) nasce a Cagliari nel 1958. Si è trasferito non ancora ventenne a Bologna, dove ha iniziato la sua carriera professionale come autore di fumetti. Attualmente vive e lavora a Parigi.

Le sue prime storie sono pubblicate sulla rivista "Il pinguino", da lui fondata con altri, alla quale parteciparono anche Giorgio Carpinteri e Lorenzo Mattotti. Nel corso degli anni Ottanta i suoi fumetti appaiono sulle pagine delle più prestigiose riviste internazionali ("Linus", "Alter", "Frigidaire", "Metal Hurlant", "L'echo des Savanes", "Vanity", "The Face"). In breve viene considerato uno dei più raffinati autori dell'avanguardia fumettistica.

L'entrata della Galleria Forni di Bologna (fonte immagine: sito web della galleria)

Nel 1983 fonda Valvoline

Nel 1983, insieme a Brolli, Carpinteri, Iori, Kramsky e Mattotti, è fondatore di Valvoline, un gruppo di autori che scombussola le regole del fumetto d'avventura tradizionale. I suoi lavori arrivano in America e Giappone. Nel corso di una frenetica attività fonda numerose riviste tra le quali (oltre al "Pinguino") ricordiamo, "Dolce vita", "Fuego", "Due", "Black".

I suoi disegni diventano tessuti, abiti, tappeti, serigrafie, sculture

Dagli anni Novanta pubblica regolarmente in Giappone creando la serie Amore, ambientata in Sicilia, e Yuri, entrambe edite dalla casa editrice Kodansha. La sua attività si estende, partecipa a edizioni speciali delle prestigiose Magazine House Tokyo, Hon Hon Do e altre.
Lo chiama per una collaborazione il musicista premio oscar Ryuichi Sakamoto. Frattanto i suoi disegni diventano tessuti, abiti, tappeti, serigrafie, sculture, giocattoli ecc. Collabora con Studio Alchimia, Swatch, Alessi, Memphis ecc.

Nel 1994 espone alla Biennale di Venezia

Nel 1994 espone i suoi lavori alla Biennale di Venezia. Ha al suo attivo una carriera di musicista. Incide, dal 1978, una decina di album e lavora come autore e conduttore radiofonico (Radio città del Capo-Popolare network e radio 2 RAI). Nel 2000 fonda e dirige la casa editrice Coconino Press.
Il suo romanzo a fumetti: "5 è il numero perfetto" è pubblicato in 15 paesi e sta per diventare un film. Frattanto lavora alla serie Baobab, scrive opere di narrativa e sceneggiature per il cinema.

Scheda tecnica

  • “IGORT. Baobab e altre versioni”. Mostra di tavole e acquerelli inediti
    fino al 3 ottobre 2008
  • Galleria Forni
    Bologna, via Farini 26
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 9.30-13 e 16-19.30; lun e festivi chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. +39 051 231589 – Fax +30 051 268097
    forni@galleriaforni.it
    Galleria Forni

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader