Eventi » Al via il MOUNTAIN PHOTO FESTIVAL

MPF - Seamus Murphy, Afghanistan, Mostra Afghanistan

Al via il MOUNTAIN PHOTO FESTIVAL

“Open your mountains”. Dal 22 agosto al 21 settembre Aosta apre alla prima edizione del festival fotografico che ha come filo conduttore la Montagna

a cura di David Bernacchioni, il 19/08/2008

Apre i battenti venerdì 22 agosto 2008 ad Aosta il Mountain Photo Festival – iniziativa che ha come obiettivo generale l’inserimento di Aosta in una rete internazionale di eventi culturali legati dal filo conduttore della Montagna – curato da Alessandro Ottenga con la direzione artistica di Lorenzo Merlo in collaborazione con Contrasto (Milano) e realizzato grazie all’Assessorato al Turismo e all’Assessorato all’Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d’Aosta e al Comune di Aosta.

Le parole del curatore Alessandro Ottenga

«Lo spirito del Mountain Photo Festival può essere riassunto nello slogan ‘Open your mountains’ una sorta di invito al confronto, al dialogo e allo scambio culturale, con l’obiettivo di avviare un percorso di riflessione artistica sulle tematiche di attualità che coinvolgono i territori di montagna di tutto il mondo».

MPF - Chris Steele Perkins, Road works and Fuji near Kawaguchiko, Japan, 1999 - Magnum Photos, Contrasto

Dal 22 agosto al 21 settembre un programma ricco di eventi

Tra il 22 di Agosto e il 21 di Settembre Aosta vivrà dunque un mese di grandi esposizioni accompagnate da momenti di incontro con gli autori, presentazioni, workshop, animazione artistica e culturale e serate a tema.

Tra i numerosi protagonisti al festival, Chris Steele Perkins, Marc Riboud, John Vink, Prabuddha Das Gupt

Il programma espositivo prevede mostre antologiche di autori come Chris Steele Perkins, Marc Riboud, John Vink, Prabuddha Das Gupt, solo per citarne alcuni, in un percorso socio-culturale dedicato alle montagne del mondo, alle loro genti e alle loro culture.

Aosta diverrà un vero e proprio museo “aperto”

Sull’esempio di festival consacrati quali Arles e Perpignan, la città di Aosta verrà interpretata come museo “aperto”, in cui la cultura dell’immagine viene offerta al cittadino e al visitatore in abbinamento al patrimonio archeologico e monumentale della città.

Il suggestivo percorso espositivo

Il percorso espositivo coinvolgerà così alcuni dei principali siti storico-archeologici di Aosta, dalle Porte Praetoriane alla Basilica Paleocristiana di San Lorenzo; dalla Cattedrale alla Villa romana della Consolata, rivelando la consistenza, il valore e lo straordinario stato di conservazione del patrimonio culturale del capoluogo valdostano.

MPF - Sandor Dobos, San'Jose, 2006 - Mostra Mountain tales

Un mese “contenitore”, permeabile ed il più possibile aperto ad ogni contaminazione (teatrale, letteraria, cinematografica, enogastronomia, ecc) che sia in grado di “raccontare” quel complesso fil rouge che si dipana tra storia e futuro della montagna.

Al festival, tra incontri coi fotografi, mostre e workshop

Fra gli appuntamenti che faranno da corollario alle esposizioni fotografiche, da segnalare il weekend di inaugurazione (22-24 agosto) in cui sarà proposto agli appassionati e al grande pubblico un fitto programma di incontri con i fotografi coinvolti nel Festival, nonché i weekend del 13 e del 20 settembre, in cui alcune mostre faranno da spunto per una serie di eventi dedicati al Giappone e alla Bolivia.
A completare il programma del Festival, dal 29 al 31 agosto si svolgerà un workshop dedicato ai giovani sul tema “Montagna e desertificazione”.

Monique Jacot al Castello di Verrès con la mostra “Con gli occhi della mia infanzia”

MPF - Monique Jacot, Andrée Rossier, Flendruz, Regione del Vaud - Mostra Con gli occhi della mia infanzia

Nell’ambito del progetto Interreg IIIA ALCOTRA Italia-Francia (Alpi) “Dimension Montagne”, il Mountain Photo Festival e il BREL hanno realizzato un progetto artistico comune dedicato al tema de “L’immagine come testimonianza”. Fino al prossimo 31 ottobre 2008 il castello di Verrès ospiterà la mostra fotografica di Monique Jacot intitolata “Con gli occhi della mia infanzia”, selezione di immagini tratta dal lavoro “Les femmes de la terre” – progetto realizzato tra il 1984 e il 1999 per documentare le condizioni di vita delle donne nelle campagne e nelle fabbriche.

L’esposizione si propone come un progetto nel progetto dedicato in particolare ai temi della montagna e dell’infanzia; rivivendo i ricordi della sua gioventù, l’autrice ci propone immagini “a metà tra il reportage e il confidenziale”, immagini sempre attuali, capaci di restituirci uno spaccato di ruralità e di quotidianità tipico di qualsiasi territorio di montagna.

Scheda Tecnica

  • “MPF - Mountain Photo Festival”
    dal 22 agosto al 21 settembre 2008
    Inaugurazione: venerdì 22 agosto
  • Coordinatore:
    Alessandro Ottenga
  • Direttore artistico:
    Lorenzo Merlo
  • Sedi (Aosta):
    Castello di Verrès
    Saletta espositiva dell’ex Albergo Alpino
    Porte Pretoriane
    Chiostro di Sant’Orso
    Basilica San Lorenzo
    Chiostro della Cattedrale
    Villa romana della Consolata
    Piazza Severino Caveri
    Saletta espositiva del Comune di Aosta
    Area funeraria presso Porta Decumana
  • Segreteria organizzativa:
    ago consulting s.a.s.
    Tel. (+39) 0165 263988
  • Catalogo:
    Edito da Contrasto
  • Info al pubblico:
    MPF - Mountain Photo Festival

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Valentina Braschi, il 19/08/2008

SPECIAL / Il workshop di fine agosto del Mountain Photo Festival

Tra i numerosi appuntamenti del Mountain Photo Festival di Aosta (22 agosto – 21 settembre 2008), l’ultimo fine settimana di agosto, da giovedì 28 a domenica 31, il programma prevede l’interessante e suggestivo workshop fotografico di Luca Andreoni – tra gli autori più attivi della fotografia ...