Eventi » Arte Contemporanea per i rifugiati, una mostra e un’asta a favore dell’Unhcr

Arte Contemporanea per i rifugiati, una mostra e un’asta a favore dell’Unhcr

a cura di Redazione, il 02/11/2006

Anche quest’anno l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha dato vita all’iniziativa “Arte Contemporanea per i rifugiati”, che ha il preciso scopo di raccogliere fondi per aiutare le popolazioni disagiate del mondo. L’edizione 2006 ha come titolo “Diamo alle donne la forza di ricominciare” ed è rivolta a finanziare un programma di sussistenza, cure mediche e istruzione rivolto a circa 7.200 donne e bambini colombiani rifugiati in Ecuador e 15.000 persone della comunità ecuadoriana. Per supportare questo progetto, il 28 novembre saranno battute nell’asta milanese di Christie’s opere donate da 18 artisti di valore assoluto come Carla Accardi, Giovanni Anselmo, Enrico Castellani, Mario Ceroli, Jannis Kounellis, Giuseppe Maraniello, Eliseo Mattiacci, Maurizio Mochetti, Maurizio Nannucci, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Gianni Piacentino, Arnaldo Pomodoro, Remo Salvadori, Salvo, Giuseppe Uncini, Emilio Vedova, Gilberto Zorio. Le opere messe all’asta saranno precedentemente protagoniste di una mostra, curata da  Danilo Eccher, che si terrà alle Terme di Diocleziano di Roma fino al 20 novembre.
Da oltre 40 anni in Colombia è in corso una guerra civile, immersa in un colpevole silenzio della comunità internazionale e dei media, che genera come triste risultato il numero più alto di sfollati nell’emisfero occidentale. Complessivamente sono più di 3 milioni le persone costrette a fuggire dalla loro terra, di cui circa 30 mila hanno trovato rifugio in Ecuador. Per la maggior parte sono bambini e donne rimaste senza i loro mariti, senza casa e senza mezzi di sussistenza. Queste donne costrette ad assumere il ruolo di capofamiglia, spesso sono vittime di stupri e abusi, e spinte dal bisogno cercano assistenza e protezione in Ecuador, dove arrivano in condizioni disperate. L’integrazione in questo paese presenta delle limitazioni e spesso accade che le rifugiate colombiane vengano discriminate e sfruttate.
I fondi raccolti nelle passate tre edizioni hanno permesso di finanziare progetti come l’acquisto di latte terapeutico per 400mila bambini in quattro paesi africani, la fornitura di acqua potabile in campi profughi in Etiopia che ospitavano oltre 80mila rifugiati sudanesi e far fronte all’Emergenza Darfur.

Scheda tecnica

Arte Contemporanea per i rifugiati
“Diamo alle donne la forza di ricominciare"

Mostra:
fino al 20 novembre 2006
Terme di Diocleziano
Roma, Viale Enrico De Nicola 79

Asta:
Martedì 28 novembre 2006
Milano, Palazzo Clerici
Orario: dalle 15 alle 19

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader