Mostre » TUSCAN SUN FESTIVAL: oltre la musica…

Arman, “Downtown concerto”

TUSCAN SUN FESTIVAL: oltre la musica…

A Cortona si festeggiano le arti visive in un intrigante confronto con il pentagramma: in programma una mostra collettiva con grandi nomi dell’arte contemporanea, una personale di Sibylla Szaggars e un workshop interattivo dedicato alla tecnica dell’affresco

a cura di Bernd Noack, il 29/07/2008

L’edizione 2008 del “Tuscan Sun Festival”, in programma dal 2 al 10 agosto a Cortona (Arezzo), riserverà ampio spazio anche al mondo delle arti visive con una serie di iniziative che comprendono due mostre e un laboratorio rivolto al pubblico. Le due esposizioni, una collettiva di grandi nomi dell’arte contemporanea e una personale della pittrice Sibylla Szaggars, resteranno aperte oltre la chiusura del Festival, fino a mercoledì 27 agosto, mentre il terzo evento in programma, un “laboratorio di affresco” tenuto da Julia Perry, si svolgerà nei giorni 4 e 6 agosto.

“LA FORMA DEL BELLO”: grandi artisti visivi a confronto sul tema della Musica

Artisti famosi, di due diverse generazioni, si confrontano sul tema della Musica, secondo un progetto ideato dal critico d’arte Fabio Migliorati e realizzato con il contributo di due prestigiose gallerie d’arte contemporanea che operano in Toscana: Next Art Gallery (Arezzo/Bergamo) e Barbara Paci Art Gallery (Pietrasanta).

In mostra anche opere di Mimmo Paladino, Sandro Chia, Arman, Mark Konstabi e Marco Lodola

Nella prestigiosa sede di Palazzo Casali si confrontano 18 artisti, affermati ed apprezzati dalla critica e dal mercato, dialogando sull’Arte più alta, la più impalpabile in quanto della stessa sostanza delle idee: la Musica. Alle pareti, in mostra opere di: Mimmo Paladino, Sandro Chia, Fernandez Arman, Mark Kostabi, Giuseppe Chiari, Marco Lodola, Massimo Pulini, Serge Mendjisky, Lidia Bachis, Paolo Serra, Klaus Karl Mehrkens, Andy, Afterall, Agostino Rocco, Alessandro Faralli, Alessandra Gasparini, Simona Fedele, Veronica Fonzo.

Nel progetto espositivo la Musica è concepita come alfabeto universale e nel contempo come espressione di energia interiore ed intersoggettiva; musicale è anche l’impostazione della creatività, del dipinto e della scultura, offerta in due maniere: direttamente (strumenti e spartiti), indirettamente (paesaggi e figure). La materia e il colore segnano il ritmo quale senso del tempo, per definire il bello con l’uso sapiente della pausa, ossia del silenzio: simbolo universo, misura della realtà, capacità di svelare il potere della bellezza.

La maggior parte degli artisti partecipa con opere create per l’occasione

Il curatore è riuscito ad ottenere da gran parte degli artisti invitati opere appositamente create per il Tuscan Sun Festival, circostanza che rende l’esposizione particolarmente interessante per la diversa prospettazione del medesimo tema da parte di artisti di correnti storiche (neorealismo, transavanguardia, fluxus, neofigurazione italiana…) e di grandi “solisti” dell’arte contemporanea.

“THE SHAPE OF COLOUR”: la mostra personale di Sibylla Szaggars

Lidia Bachis, “The Director”

L’arte contemporanea è anche al centro di THE SHAPE OF COLOUR, ospitata nella suggestiva Chiesa di S. Agostino, mostra che presenta le opere di Sibylla Szaggars, nata ad Amburgo ma da tempo attiva negli Stati Uniti. «Questi dipinti sono invenzioni non figurative e non hanno alcun peso simbolico. Il mio desiderio è creare un’intensa sensazione ottica e celebrare le eccitanti ‘forme’ dei colori», sostiene l’artista.

Pur approcciandosi all’arte del dipingere con la naturalità e la spontaneità dei bambini, la sua pittura possiede una maturità definita “post-impressionista” come Gauguin e Van Gogh di cui ha studiato il lavoro e le tecniche. Si trasferisce a Londra nei primi anni ‘80. Nei primi anni ’90 si sposta negli Stati Uniti dove matura un profondo interesse per la cultura dei nativi Americani e scopre la potenza delle aride “mesas” dell’Arizona, dove si trasferisce per un periodo, di cui percepisce l’intimo legame con la vita, la terra, il mondo. Il risultato in termini artistici è infatti una numerosa serie di quadri caratterizzati da una forte valenza spirituale.
Attualmente residente nello Utah, Sybille Szaggars lavora nello studio-laboratorio situato nella località di Sundance e ha finora esposto in Germania, Inghilterra, Stati Uniti, Perù e Giappone.

“IL LABORATORIO DI AFFRESCO” con la pittrice Julia Perry

Arte da guardare ma arte anche da realizzare: durante il Tuscan Sun Festival, infatti, si può anche partecipare ad un workshop interattivo rivolto a tutti, principianti e curiosi, “Il laboratorio di affresco”. In due occasioni, il 4 e il 6 agosto alle ore 10, Julia Perry, pittrice e restauratrice, rimasta incantata dal fascino artistico della nostra terra in cui ha studiato e vive dal 1985, descrive e insegna le tecniche per creare un affresco. Durante il workshop ciascun allievo può realizzare un piccolo affresco, che può anche portare a casa, basato su un motivo italiano. Tutti i materiali sono inclusi e per coloro che devono viaggiare l'affresco realizzato può essere perfino messo in valigia.

    Scheda Tecnica:

  • Tuscan Sun Festival / Il Festival del Sole
    dal 2 al 10 agosto 2008
    Cortona (Arezzo)
  • EVENTI IN PROGRAMMA:
  • “La Forma del Bello”. Mostra collettiva
    dal 2 al 27 agosto 2008
    Palazzo Casali (Cortona - Arezzo)
    Curatore: Fabio Migliorati
    Orario di apertura: ore 10-18

    Sibylla Szaggars. “The Shape of Colour”
    dal 2 al 27 agosto 2008
    Chiesa di Sant’Agostino (Cortona - Arezzo)
    Orario di apertura: ore 10-18

    “Il laboratorio di affresco”
    4 e 6 agosto 2008
    Curatore: Julia Perry
    Orario di apertura: ore 10-18
  • Programma dettagliato:
    Tuscan Sun Festival
  • Prevendita biglietti:
    Terretrusche Ticketing: Tel. (+39) 0575 606887
    lun-ven, ore 9-13 e 14.30-18.30
    Festival del Sole
  • Info:
    Tel: (+39) 0575 62767
    info@tuscansunfestival.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader