Special » SPECIAL / XIII Biennale di Scultura: il percorso espositivo

Aldo Mondino, “Le gemelle – Dumantai”, 2003, Marmo di botticino, cm 58x69x35. Proprietà dell’artista

SPECIAL / XIII Biennale di Scultura: il percorso espositivo

La rassegna di Carrara presenta un programma articolato che si snoda attraverso i luoghi che fanno della città un punto di riferimento internazionale per il mondo delle arti plastiche, oggi più di ieri rappresentate nella varietà delle loro forme espressive contemporanee

a cura di Valentina Braschi, il 24/07/2008

La XIII Biennale Internazionale di Scultura di Carrara, curata da Francesco Poli, presenta un programma ampio e articolato, con un percorso espositivo pensato, da un lato, per dare spazio alla varietà di forme attraverso cui si esprime la scultura contemporanea, e dall’altro per valorizzare i luoghi che fanno di Carrara un punto di riferimento imprescindibile per il mondo delle arti plastiche.
Di seguito, l’offerta culturale della XIII Biennale di Scultura (27 luglio - 28 settembre 2008) analizzata in dettagliato per sede espositiva.

A) CENTRO INTERNAZIONALE DI ARTI PLASTICHE

Tre sono le sezioni previste in questa che sarà la sede principale della Biennale:

Sezione 1: “Le nuove statue”
Questa sezione occuperà due dei quattro grandi spazi interni a disposizione. È una mostra che vuole documentare un aspetto rilevante e particolarmente interessante della nuova scultura, e cioè quello del rinnovato interesse per la rappresentazione di figure umane più o meno realistiche, deformate e reinventate (di taglia naturale, ingrandite, rimpicciolite), realizzate con materiali tradizionali (dal bronzo al gesso), sintetici o di altro genere (plastica, vetroresina, silicone, tessuti, elementi assemblati).

Spesso è utilizzata la tecnica del calco anche con l’aggiunta di vestiti, e i personaggi vengono collocati teatralmente in particolari contesti installativi. Gli artisti che realizzano queste “statue” più che all’elaborazione formale in senso convenzionale si interessano ai significati che intendono trasmettere in modo spiazzante e provocatorio rispetto alle ideologie e ai conformismi dominanti.

Paolo Schmidlin, “La nonna”, 2004, Bronzo dipinto, altezza 58 cm circa. Courtesy Marena Rooms Gallery

Sono stati invitati artisti italiani e stranieri, già molto noti e giovani emergenti: Maddalena Ambrosio, Stephan Balkenol, Nicola Bolla, Paolo Chiasera, Marco Del Re, Jan Fabre, Daniel Glaser & Magdalena Kunz, Anthony Gormley, Trevor Gould, Paolo Grassino, Robert Gligorov, Thomas Hirschhorn, Martin Honert, Shirazeh Houshary, Myriam Laplante, Luigi Mainolfi, Marzia Migliora, Aldo Mondino, Beatrice Pasquali, Perino&Vele, Lucio Perone, Luisa Rabbia, Maurizio Rabino, Juliao Sarmento, Paolo Schmidlin, Thomas Scutte, Diego Scroppo, Kiki Smith, Pia Stadbaumer, Luigi Stoisa, Jan Van Oost.

Sezione 2: “La scultura come corpo vivente”
Questa sezione propone lavori fotografici, video e videoinstallazioni di artisti che hanno utilizzato in modo specifico il proprio corpo o quello di altri come “materiale” per dar vita a opere considerate come vere e proprie opere plastiche, sia pure sui generis.
Saranno proposte opere di artisti molto affermati e giovani emergenti. Tutte le foto e i video provengono da una sola collezione (fra le più importanti a livello internazionale): la Collezione La Gaia di Cuneo.
Artisti invitati: Marina Abramovic, John Coplans, Regina Josè Galindo, Joan Jonas, Paul McCarthy, Tony Oursler, Ene Lilis Semper

Sezione 3: “La forza attuale del marmo”
È una sezione dedicata soprattutto a sculture realizzate in marmo e altre pietre, con lo scopo di presentare la produzione plastica più attuale con questo materiale (da parte di artisti di punta internazionalmente riconosciuti e di giovani di qualità), dimostrando che la scultura in marmo può continuamente rinnovarsi
senza perdere la sua energia espressiva in rapporto alla cultura contemporanea.
Anche in questo caso saranno presentate opere di artisti di grande rilievo e di giovani particolarmente interessanti.

Artisti invitati: Giovanni Anselmo, Davide Bertocchi, Domenico Borrelli, Louise Bourgeois, Gianni Caravaggio, Jessica Carroll, David Casini, Giacinto Cerone, Mat Collishaw, Gianni Colosimo, Tony Cragg, Lara Favaretto, Flavio Favelli, Marco Gastini, Richard Long, Luigi Mainolfi, Aldo Mondino, Hidetoshi Nagasawa, Nunzio, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Leonardo Pivi, Marc Quinn, Mario Rizzi, Remo Salvadori, Ettore Spalletti, Fabio Viale, Y Zhou, Gilberto Zorio, Italo Zuffi.

Mario Rizzi, “Monumento al rifugiato ignoto”, 2003, Onice, 111,5x59x15 cm. Courtesy Collezione Maria Teresa Telara, Carrara. Foto Antonio Cozza

B) ACCADEMIA DI BELLE ARTI

1) “Omaggio a Giulio Paolini”
L’aula magna dell’accademia ospiterà una articolata installazione di opere di Giulio Paolini intitolata “Aula di Scultura”.

2) Mostra collettiva di giovani artisti
In una serie di aule saranno esposte opere di giovani artisti provenienti da alcune tra le più importanti accademie europee. L’esposizione sarà curata dai docenti dell’accademia.

C) CHIESA DEL SUFFRAGIO

“Omaggio a Mario Merz”: saranno collocate nella chiesa alcune grandi installazioni realizzate dall’artista.

D) SPAZIO ESPOSITIVO CITTADINO

“Omaggio a Louise Bourgeois”: quattro sculture in marmo (“Eye Benches”) saranno installate in uno spazio espositivo della città. Alcune piccole sculture saranno presentate nella sezione “La forza attuale del marmo”.

E) MUSEO DEL MARMO

In occasione della Biennale il Museo del Marmo sarà rimesso in ordine (con una nuova sezione multimediale progettata dallo Studio Azzurro) per inserirlo a pieno titolo nel percorso espositivo, valorizzando il più possibile il suo patrimonio documentario e artistico.

F) SCULTURE E INSTALLAZIONI NELLA CITTA’

Gianni Colosimo, “Ai caduti per l’arte”, 2008, Lastra di marmo del Belgio incisa, 120x90x5 cm. Collezione Zoì Sofia Colosimo

Sculture e installazioni di vari artisti saranno collocate all’esterno, in modo da formare un sorprendente percorso espositivo all’aperto, che deve vitalizzare in modo creativo il contesto urbano.
È prevista l’installazione di un certo numero di opere di artisti affermati e di giovani artisti emergenti: Salvatore Astore, Botto & Bruno, Sergio Cervietti, Riccardo Galleni, Giacomo Manzù, Luciano Massari, Eliseo Mattiacci, Matteo Peducci & Mattia Savini, Saverio Todaro, Filippo Tincolini, Jelena Vassiljev, Luca Vitone.

G) CIRCUITO DEI LABORATORI DI SCULTURA

Tutti i principali laboratori di scultura attivi a Carrara proporranno al loro interno una scelta di sculture di artisti che hanno lavorato o stanno lavorando con loro.
In questo modo si potrà predisporre un vero e proprio circuito espositivo che porterà i visitatori a comprendere e conoscere dal vivo anche i processi di realizzazione delle sculture.
Nel periodo di maggior affluenza di pubblico sarà organizzato un servizio di navette per la visita guidata ai laboratori.

H) PARCO DELLA PADULA

Il Parco di scultura della Padula, che ospita installazioni di Sol LeWitt, Mario Merz, Anne e Patrick Poirier, Luigi Mainolfi, Dany Karavan, Claudio Parmiggiani, Hamilton Finlay, Robert Morris, farà parte del percorso della Biennale.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di David Bernacchioni, il 24/07/2008

XIII Biennale Internazionale di Scultura di Carrara

La tredicesima edizione della Biennale Internazionale di Scultura di Carrara, prestigioso appuntamento dedicato al variegato panorama contemporaneo delle arti plastiche, apre al pubblico domenica 27 luglio in numerosi luoghi espositivi della città toscana, e abbraccerà tutta l’estate fino al 2...