Zoom » Piero Guccione

Piero Guccione. “Dal giudizio di Michelangelo”, 1999, pastello su carta, cm 52x44

Piero Guccione

L'antologica voluta da Sgarbi al Palazzo Reale di Milano

a cura di Valentina Redditi, il 10/07/2008

Nata da un progetto di Vittorio Sgarbi, è in corso al Palazzo Reale di Milano (fino al prossimo 21 settembre 2008) la mostra “Piero Guccione – Opere 1963/2008”, artista tra i massimi esponenti in assoluto della figurazione contemporanea, non solo nazionale. L’esposizione ripercorre attraverso le ottanta opere proposte, la carriera e il cursus espressivo di Guccione, nel suo evolversi come un tragitto di andata e ritorno, logistico e intellettuale, dal luogo natale a quello dell’iniziazione culturale, e viceversa.

L’esposizione, organizzata da Torcular, presenta lavori realizzati nelle tecniche predilette dell’olio su tela e del pastello su carta, ripercorre quasi per intero, dal 1963 ai nostri giorni, la carriera e il cursus espressivo di uno dei più importanti protagonisti della scena artistica italiana degli ultimi cinquant’anni.

Guccione, gli anni della Nuova Figurazione

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, inizia il suo percorso espositivo dagli anni romani, quando il siciliano Guccione, nato a Scicli (RG) nel 1935, dopo la formazione all’Accademia delle Belle Arti e in parallelo al coinvolgimento in alcune missioni archeologiche nel Sahara, si afferma subito come uno degli uomini di punta della Nuova Figurazione locale, fra impegno sociale, fedeltà all’arte mimetica, autonomia lirica e dimensione esistenziale, guardando sia a Renzo Vespignani, con il quale condivide la militanza nel gruppo ‘Il Pro e il Contro’ (1961-64, insieme a Attardi, Aymonino, Calabria, Guerreschi, Gianquinto, Farulli, Ferroni, i critici Micacchi, Del Guercio, Morosini), sia a Renato Guttuso, di cui è assistente all’insegnamento, ma del quale non condivide le medesime inclinazioni espressioniste.

Piero Guccione. “L’ombra e l’ibisco su fondo grigio”, 1994, pastello su carta, cm 50x65

I Muri, i Balconi, i Giardini, le Finestre, le Attese

Tipici della cifra di Guccione di questi anni, fondata su un grande magistero tecnico, ma dal taglio modernamente innovativo, sono i Muri, i Balconi, i Giardini, le Finestre, le Attese, con gli oggetti che diventano il correlativo tangibile della condizione psicologica, poeticamente assorta, di chi li evoca; soprattutto i paesaggi “modernizzati”, inclusi, piuttosto impropriamente, nell’iconografia della Pop Art italiana, con scenari naturali di sapore antico, memori dell’eredità classica, che vengono contaminati dai segni ingombranti della civiltà industriale.

Il ritorno a Scicli nel 1979

Nel 1979, seguito da Sonia Alvarez, Guccione torna a Scicli, dai cui dintorni non si sarebbe più mosso, e dove sarebbe diventato di riferimento a uno specifico gruppo di artisti (fra gli altri, Sonia Alvarez, Franco Sarnari, Franco Polizzi, Carmelo Candiano, Giuseppe Puglisi, Giuseppe Colombo, Giovanni La Cognata, Piero Roccasalva, Gugliemo Puzzo, Salvatore Paolino, Piero Zuccaro), accomunati da analoghe finalità espressive.

Piero Guccione. “Erice”, 1963, olio su tela, cm 86x67,5

Una continua ricerca espressiva

La natura, mitica, eterna, mediterranea, rappresentata nell’intento di cogliere il passaggio dallo stato di contemplazione al sentimento dell’assoluto, diventa il tema dominante dell’arte di Guccione. Se, fino ai primi anni Ottanta, Guccione è ancora interessato a esplorare i confini fra realismo e astrazione, nei successivi si concentra su una natura sempre più rarefatta nelle geometrie essenziali che le inquadrature, da obiettivo fotografico, accentuano al massimo, esaltando, per esempio, il significato simbolico dei carrubi, residui di tempeste nei pastelli della serie Dopo il vento d'Occidente, o delle linee d’orizzonte, che sfumano le differenze fra entità supreme come il mare, prediletto dall’artista, il cielo, la terra.

I riferimenti culturali di Guccione

E’ diventato il Romanticismo ottocentesco di Friedrich e di Leopardi, fra senso nordico del sublime e mediterraneo dell’infinito, il principale referente culturale di Guccione, ispirando per i suoi paesaggi siculi, immersi in silenzi metafisici che la presenza dell’uomo può solo intaccare, inesauribili varianti, tipologiche, cromatiche, liriche, ma tutte riportabili ad un’unità originaria, un bisogno interiore di purezza primordiale.

Nel contempo, Guccione non abbandona la riflessione sulla storia dell’arte, confrontandosi direttamente, nella serie dei d’après, con alcuni celebri capolavori, fra gli altri, dell’amato Michelangelo, di Masaccio, Caravaggio, Giorgione, Vermeer, Signorelli, Le Nain; né il carattere filosofico della sua arte gli impedisce di cimentarsi con applicazioni diverse della sua poetica, in particolare con l’illustrazione e la scenografia.

Didascalie delle immagini visibili dalla homepage:
Piero Guccione, “L’ombra e l’ibisco su fondo grigio” (particolare), 1994, pastello su carta, cm 50x65
Piero Guccione, “Aereo sulla città” (particolare), 1966, olio su tela, cm 92x106
Piero Guccione, “Nel porto di Messina” (particolare), 1993-96, olio su tela, cm 85x73

Scheda Tecnica

  • "Piero Guccione. Opere 1963/2008"
    fino al 21 settembre 2008
  • Ideazione:
    Vittorio Sgarbi
  • Palazzo Reale
    Milano, piazza Duomo 12
  • Orario di apertura:
    lun, ore 14.30-19.30; mar, mer, ven, sab e dom, ore 9.30-19.30; gio, ore 9.30-22.30
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Organizzazione:
    Torcular, Milano
    torcular@torcular.it
  • Catalogo:
    Skira, con testi critici di Vittorio Sgarbi
  • Info:
    Tel. (+39) 02 884.50150 – 884 56796
    Comune di Milano

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di David Bernacchioni, il 07/07/2008

SPECIAL / Piero Guccione, tra istinto e contemplazione

«Nel mio lavoro, di solito, il significato non è la molla che fa scattare l’immagine né la gioia di inseguirla. È la seduzione dell’oggetto l’elemento primario: la sua pregnanza fisica e figurale che in genere mi spinge a tentarne l’interpretazione e a darne visione… Le mie scelte sono quasi s...

a cura di Redazione, il 02/07/2008

Guccione, Piero

Piero Guccione è nato a Scicli, in provincia di Ragusa, il 5 maggio 1935. Ha studiato all'Istituto d'Arte di Catania e all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove si e trasferito nell'ottobre del 1954. Dal 1958 al 1969 ha partecipato alle missioni paletnologiche nel Sahara li...