M » Martelli, Alessandro

Alessandro Martelli

Martelli, Alessandro

a cura di Redazione, il 20/06/2008

Alessandro Martelli nasce a Roma il 10 giugno 1911. Consegue il diploma presso il Regio Museo Artistico di Roma e nel 1932 entra in contatto con i pittori futuristi dell’epoca. Stringe un sodalizio artistico con Domenico Belli ed Augusto Favalli e sotto la sigla BFM i tre artisti svolgono numerosi lavori pubblicitari anche per alcune case cinematografiche come Universal, Fincine e Lux Film.

L’esperienza col Gruppo degli Aeroscultori

Negli anni 30 partecipa insieme al Gruppo degli Aeroscultori alla Mostra Coloniale di Napoli e alla Esposizione dei XXXV anni presso la Galleria Pesaro di Milano. Nel 1938 si occupa della decorazione dei Padiglioni nella Mostra del Dopolavoro di Roma.

La nascita di O.R.S.A

Si specializza nell’attività di grafica pubblicitaria fondando alla fine degli anni 40, lo studio O.R.S.A (Organizzazione Reclamistica Studio Artistico) in Roma.

L’Esposizione d’Arte Internazionale

Parallelamente alla grafica non trascura mai l’altra passione, la pittura, partecipando con quattro opere “La pittura nel piccolo formato”, 1953 presso la Galleria Pinci, Roma.

I grandi committenti di Martelli

Negli anni 50 e 60 realizza importanti Manifesti Pubblicitari e cura gli Allestimenti di Mostre per le più importanti Istituzioni italiane ed internazionali tra cui: Ice, Enit, Alitalia, Anmil, Cisl, Fipe, Inam ,Inail, Ina, Ministero dell’Agricoltura, Ambasciata degli Stati Uniti a Roma, l’Expo di Bruxelles, la Società Autostrade ed il Governo della Tunisia.

Nel ’52 vince il 1° Premio al Concorso Nazionale per la Propaganda dell’Italia

Alessandro Martelli

Partecipa a numerosi Concorsi vincendo nel 1952, il 1° Premio al Concorso Nazionale per la Propaganda dell’Italia all’estero indetto dall’Enit e ottiene per ben quattro edizioni del Concorso Anmil (1952, 1956, 1962, 1963) il riconoscimento per il miglior Manifesto Murale.
Parte dei suoi Manifesti fanno oggi parte della prestigiosa Raccolta Salce presso il Museo Civico di Treviso.

Nel 1975 gli viene affidata la cattedra di Grafica Pubblicitaria alla Scuola di Arti Ornamentali di Roma

Per essersi distinto nell’attività di comunicazione visiva grazie ai numerosi premi ricevuti e per la partecipazione ad importanti progetti nazionali ed internazionali, nel 1975 ottiene la cattedra di Grafica Pubblicitaria presso la Scuola di Arti Ornamentali di Roma nella quale insegnerà per sei anni.

Le partecipazioni espositive degli anni ‘70

L’artista che parallelamente alla professione di pubblicitario ha sempre continuato a dipingere, partecipa negli anni ’70 ad alcune mostre collettive tra cui quella per il Primo Trofeo Pittorico, 1970 presso il Palazzo delle Esposizioni a Roma e alla Collettiva presso Galleria d’Arte Contemporanea Idra nel 1973.

L’attività di scultore

Negli anni 80, oltre alla pittura, riprende a dedicarsi ad una vecchia passione di gioventù, la scultura, da cui deriveranno anche numerose opere di arte orafa. Continuerà a dipingere fino alla fine della sua vita.
Muore a Roma il 15 novembre 2001.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader