Mostre » KRIS MARTIN. Inter pares

Kris Martin, Mandi VIII, 2006, Gesso, Edizione + 1AP, 220 x 150 x 100 cm, Courtesy Sies + Höke, Düsseldorf. Photo: Achim Kukulies, Düsseldorf

KRIS MARTIN. Inter pares

Alla GAMeC di Bergamo una mostra personale del giovane artista belga che ha attirato su di sé l’attenzione internazionale grazie ad opere che riflettono i grandi interrogativi dell’esistenza

a cura di Valentina Redditi, il 28/05/2008

Da venerdì 30 maggio al 27 luglio 2008, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo ospita la personale “Inter pares” dell’artista belga Kris Martin, a cura di Alessandro Rabottini e parte della programmazione di Eldorado, la project room della GAMeC dedicata ai più interessanti artisti emergenti della scena internazionale.

Con la personale di Martin inaugura “Eldorado”, serie di mostre in onore di Arturo Toffetti

Con l’iniziativa dedicata a Kris Martin, si inaugura una serie di 20 mostre intitolata “Eldorado”, in onore di Arturo Toffetti, imprenditore e appassionato d’arte che ha vissuto a Bergamo. Grazie alla volontà della moglie non solo si è resa possibile la realizzazione dei progetti, ma al termine di ciascuno di essi una delle opere esposte entrerà a far parte della Collezione Permanente del museo che, dal 2000 ad oggi, si è arricchita di oltre trecento opere.

Un’arte che mescola poesia, rigore concettuale, memorie filosofiche e letterarie

Kris Martin, Still alive, 2005, Veduta dell'installazione al PS1, New York. Bronzo, placcato argento, scala 1:1 del cranio dell'artista, Edizione + 1AP, Courtesy Sies + Höke, Düsseldorf. Photo: Matthew Septimus

Dopo la sua partecipazione alla Biennale di Berlino del 2006 e la sua recente mostra personale al PS1 di New York del 2007, Kris Martin (Kortrijk, 1972; vive e lavora a Ghent, Belgio) ha attirato su di sé l’attenzione internazionale grazie alla singolarità della sua arte che mescola poesia, rigore concettuale e memorie filosofiche e letterarie.
Il suo lavoro riflette i quesiti esistenziali che ciascun essere umano nutre nel corso della propria esistenza e si serve di frequenti riferimenti alla religione, all’arte e alla letteratura per esprimere la costante meraviglia, la malinconia e l’aspirazione alla conoscenza che caratterizzano il nostro rapporto sia con la vita che con la morte.

Un sentimento di disillusa ironia verso la finitudine dell’esistenza umana

La varietà dei mezzi che costituiscono la sua pratica artistica – dalla scultura all’installazione, fino all’uso del sonoro, del testo e della fotografia – danno origine a opere che, se da un lato possiedono l’aura dell’oggetto magico, dall’altra tradiscono un sentimento di disillusa ironia verso la finitudine dell’esistenza umana. Nel lavoro di Kris Martin lo stupore commosso e il senso del sacro, infatti, si accompagnano sempre al sorriso malinconico dello scettico. Questa complessa stratificazione di sentimenti segna una profonda continuità con la tradizione visiva, filosofica e culturale belga alla quale Martin appartiene: tutte le sue opere, infatti, metabolizzano il misticismo della pittura di Jan van Eyck, la quotidianità straniante di René Magritte, l’ironia colta di Marcel Broodthaers e la teatralità esistenziale di Jan Fabre.

La pubblicazione d’artista realizzata con la rivista Mousse

La mostra di Kris Martin è completata da una pubblicazione d’artista ideata e disegnata da lui stesso e realizzata in collaborazione con la rivista Mousse, e che contiene un testo del critico inglese Martin Herbert (i cui scritti compaiono regolarmente su riviste internazionali come Artforum, Frieze, Modern Painter, Tate etc.) e una conversazione tra l’artista e Alessandro Rabottini, curatore della mostra.

    Scheda Tecnica

  • Kris Martin. “Inter pares”
    dal 30 maggio al 27 luglio 2008
    Inaugurazione: giovedì 29 maggio, ore 18.30
  • Curatore:
    Alessandro Rabottini
  • GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea
    Bergamo, Via San Tomaso 53
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 10-19; gio, ore 10-22; lun chiuso; aperto il 2 giugno
  • Biglietti:
    Intero € 4; ridotto € 2,50. Il biglietto dà diritto all’accesso a tutte le mostre
    Prenotazioni visite guidate gruppi e scuole:
    Tel. (+39) 338 6868231 (mar-ven, ore 10-12.30 e 15-17.30)
  • Servizi educativi:
    Tel. (+39) 035 399529
    giovanna.brambilla@gamec.it
  • Info:
    GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea
    info@gamec.it
    Tel. (+39) 035 270272 - Fax (+39) 035 236962

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 28/05/2008

SPECIAL / Inter pares: gli ambienti della mostra

I tre ambienti che costituiscono la mostra di Kris Martin concepita appositamente per la GAMeC di Bergamo (apertura al pubblico da venerdì 30 maggio) sono altrettante tappe di un viaggio interiore che tocca il bisogno umano di conoscenza e il senso di frustrazione che ad esso si accompagna, la...