Mostre » IN & OUT

La reinterpretazione di Desiderio e Roxy in the box di Adolf Hitler

IN & OUT

A Roma un progetto che si sviluppa attraverso tre piattaforme espositive degli artisti Desiderio, Roxy in the box e Giuseppe Verri, tra dissacrazione intelligente e ironia sarcastica

a cura di Redazione, il 27/05/2008

Giovedì 29 maggio alle ore 18,30, all’Abitart Hotel di Roma verrà inaugurata In & Out, un evento espositivo che riunirà tre progetti sotto la cura di Gianluca Marziani e Micol Di Veroli. In & Out si distribuisce tra l’esterno e gli interni del più eclettico e creativo albergo capitolino. Tre piattaforme espositive che si incrociano sotto l’idea del macroscopico, della sintesi espressiva dal cuore pop, dell’impatto estetico lungo temi di forte empatia collettiva.

Perché In & Out

In & Out perché si può stare dentro o fuori: in molti sensi e modi, con svariate possibilità individuali, secondo infinite attitudini e abitudini. In una società dove il dentro e il fuori si mescolano e creano gli ibridi detonanti del nostro tempo, l'unica forma di possibile dissenso sembra la consacrazione anormale della normalità.

I protagonisti di In & Out

"Vorrei sgonfiarmi"

Desiderio, Roxy in the box e Giuseppe Verri, pur nella difformità di stili e tecniche, si incontrano tra dissacrazione intelligente e ironia sarcastica, giocando oltre il comune senso del pudore, oltre il vincolo del realismo, oltre la retorica dei luoghi troppo comuni.

Piattaforma Uno: EstroBar con Desiderio e Roxy in the box

Nelle sale dell'EstroBar Desiderio e Roxy in the box reinterpretano con sterzate patafisiche il concetto di supereroe e superuomo. Il messaggio è netto, semplice ma non semplicistico: cosa succederebbe se un giorno Capitan America venisse trapiantato nel nostro bel paese ed al posto della sua calzamaglia a stelle e strisce si ritrovasse un fisico imbolsito ed una tutina tricolore con tanto di italico stivale?

Ed ancora, cosa succederebbe se l'invincibile Adolf Hitler venisse sgominato da una brigata di puffi poco ariani ma molto combattivi? Le risposte sono da ricercarsi dentro le opere dei due artisti che, tra colpi di sega e camicie inamidate, deridono il mito e scalfiscono la leggenda con l'intento di ricondurla alla portata di tutti. Una raffigurazione tragicomica che rispolvera la matrice popolare nascosta sotto ogni atto eroico, solleticando la fantasia con un pungente approccio caricaturale.

Piattaforma Due: esterno con Giuseppe Verri

Giuseppe Verri. La bocca della bugia

Ribaltare il luogo comune in un rinnovato e inaspettato luogo intimo ma facilmente accessibile. La Bocca della Bugia, richiamo arcaico al mascherone in marmo del I secolo, si trasforma in un gigantesco sedere in pietra leccese con foro di plausibile utilizzo scaramantico. Giuseppe Verri usa l’intelligenza intuitiva della citazione per reinventare una scultura da esterni con una materia antica e un impatto monumentale da venti quintali.

Così indicano le istruzioni per l’uso: “Inserisci la mano all’interno della bocca della bugia, se riesci a superare la profondità della stessa pronunciando una bugia , toccherai con mano la verità insita in ognuno di noi. Se al contrario inserirai la mano pronunciando una verità sarai sommerso di…”. Il diametro di 1.70 cm ci riporta all’originale Bocca della Verità, qui fisicamente ribaltata in un sedere con cui divertirsi ad inventare contenuti e significati.

In un quaderno che lasceremo a disposizione del pubblico, saranno raccolte le frasi che vengono ispirate da quel sederone, in modo da offrire ai fruitori una divertente e stimolante interazione con il “più bel sedere della città”.

Piattaforma Tre: foyer con Roxy in the box

Nel Foyer dell'hotel verrà presentata un'installazione “stellare” di Roxy in the box che coi suoi mini tondi pittorici, miscuglio ipercromatico di personaggi famosi e gente comune, affollerà il soffitto in modo permanente. Una costellazione di ritratti impattanti dalla fisionomia pop. Un soffitto che diventerà cielo in una stanza.

Scheda Tecnica

  • “In & Out”. Desiderio + Roxy in the box + Giuseppe Verri
    dal 29 maggio al 31 luglio 2008
    Inaugurazione: giovedì 29 maggio, ore 18.30
  • Abitart Hotel
    Roma, via Pellegrino Matteucci 10/20
  • Info:
    Abitart Hotel
    Tel. e Fax (+39) 06 4543191

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader