Eventi » ALLARMI 2008

Alessia Zuccarello, 7vite-7, Still da video, 2 DVD, 2007

ALLARMI 2008

La Caserma De Cristoforis di Como vedrà svilupparsi all’interno dei suoi mille metri quadrati la quarta edizione di “Allarmi”, un’unica grande mostra con oltre 50 artisti, 3 curatori, 3 temi e 3 percorsi

a cura di Redazione, il 26/05/2008

Allarmi 2008 - 3 percorsi per un’unica grande mostra

La quarta edizione di Allarmi - inaugurazione giovedì 29 maggio - si presenta quest’anno con alcune novità che ne sottolineano la crescita: dividere il percorso espositivo per temi, scelti e sviluppati dal comitato scientifico incaricato, sotto la direzione artistica dell’ideatrice di Allarmi, Cecilia Antolini.

I 3 curatori Ivan Quaroni, Alessandro Trabucco e Alberto Zanchetta

All’interno degli oltre mille metri quadrati, messi a disposizione dall’Esercito Italiano nella Caserma De Cristoforis di Como, i tre curatori – Ivan Quaroni, Alessandro Trabucco e Alberto Zanchetta – svilupperanno tre progetti, ognuno contraddistinto da un diverso colore: rosso, blu e giallo.

Laurina Paperina. bubo malefix Vs south park, smalti, spray e biro su carta - 100x70 cm - 2007 courtesy l'artista e Galleria Perugi

Tre temi tra installazioni, assemblaggi, sculture, dipinti, video e fotografie

Per la prima volta in Italia un’unica mostra affronterà tre temi equamente divisi nello spazio per offrire al pubblico un innovativo e ampio spaccato delle tendenze artistiche contemporanee tra installazioni, assemblaggi, sculture, dipinti, video e fotografie. Ma non è tutto. Oltre a confermarsi una vetrina di rilievo per le giovani promesse, Allarmi 2008 darà per la prima volta spazio a una serie di singolari confronti con artisti di fama internazionale, come Murakami, Manetas, Hernandez, instaurando un dialogo che sottolinea la complicità e la qualità delle scelte dei curatori.

Altra novità è la collaborazione tra l’arte contemporanea e il design, come sottolineato dall’intervento di diverse aziende del settore (B&B, Desalto, Porro, Serralunga, Zanotta) nel percorso espositivo di “Astero”.

Percorso Rosso

“Weirdie, freaky, crazy Pop”: le influenze della cultura di massa nell’arte contemporanea, a cura di Ivan Quaroni

“L'ipotesi critica riguarda l'insorgere di nuove forme di Pop, influenzate profondamente dalla cronaca, dal folclore, dalla letteratura popolare, dal cinema fantastico e, ovviamente, da fumetto, illustrazione e videogame. La specificità del nuovo Pop consiste, oltre che nella capacità di esprimersi attraverso linguaggi immediatamente decodificabili, nel ricorso a forme inedite di retro cultura. Un tema centrale è la sospensione tra fabulistico e realistico, tra sublimità e deformità, tra grazia e orrore, entro una dimensione di relativismo nevrotico e caotico che inveri le tesi di Hans Sedlmayr sulla Perdita del Centro”.
Gli artisti:
Silvia Argiolas, Vanni Cuoghi, Oliver Dorfer, Sarah Geraci, Massimo Gurnari, Elena Monzo, Laurina Paperina, Elena Rapa, Michael Rotondi, Paola Sala, Giuliano Sale, Spider, Giuseppe Veneziano a dialogo con opere di Ana Bagayan, Catalina Estrada, Elizabeth McGrath e Takashi Murakami.

Stefania Romano. Con il respiro di alice, 2007 C-print, 30x40 cm, Courtesy Antonio Colombo

Percorso Blu

“L’uno è il molteplice”: l’identità personale e le sue molteplici forme nel contesto attuale, a cura di Alessandro Trabucco

“Il concetto di identità sta cedendo sempre più il posto all'idea di entità, con la conseguente perdita del senso intimo di personalità e individualità. Il singolo cede di fronte all'avanzamento del molteplice e dello stereotipato. Identità debole, identità forte. La selezione degli artisti vuole rappresentare una riflessione sulla contemporaneità quale complesso e problematico rapporto tra la vita relazionale reale e la sublimazione della realtà per mezzo della tecnologia, tra il mondo realmente esperito e vissuto nella sua completezza e quello immaginato e reinventato da esigenze di differente natura, tra il proprio bagaglio culturale e la difficoltà di integrazione con altre realtà sociali”.
Gli artisti:
Gazira Babeli, Marco Manray Cadioli, Pierluca Cetera, Veronica Dell’Agostino, Todd Deutsch, Alessandro Di Giugno, Laura Fantacuzzi, Francesco Garbelli, Michelangelo Galliani, Miltos Manetas, Barbara Nahmad, Silvia Negrini, Stefania Romano, Elettra Ranno, Simone Schiesari, Paolo Schmidlin, Gabriele Silvi, Nicola Vinci, Alessia Zuccarello.

Percorso Giallo

“Astero”: le fluttuazioni del senso e della forma (in uno sconfinamento che è coincidenza, contiguità, complicità) tra opere d’arte e di design, a cura di Alberto Zanchetta

Simone Racheli. Poltrona, legno, cartapesta e cera, 2006, Courtesy Paolo Maria Deanesi Gallery

“Astero è il tentativo di introdurre nello spazio del vissuto un’esperienza estetica legata a una memoria fisica degli oggetti. Dal rendez-vous tra opere d’arte e di design prende forma un itinerario eterogeneo, una collezione effimera quanto bizzarra; ogni stanza sarà convertita in una camera delle meraviglie atta a rinfocolare il demone dell’analogia oltre che il sentimento di curiosità e stupore dello spettatore (così come la meraviglia passa attraverso gli oggetti, allo stesso modo la collezione è un sapere che passa attraverso gli oggetti) secondo uno spirito «di adattamento» e «di arredamento» che non cerca accostamenti in stile ma più verosimilmente in cantiere. Relazione/reazione con cui si intende far interagire i linguaggi dell’arte - in un’etimologia estesa, o di slittamento cognitivo”.
Gli artisti:
Riccardo Baruzzi, Riccardo Benassi, Pierluigi Calignano, Andrea Chiesi, Nicolas Deshayes, Flavio Favelli, Paolo Grassino, Diango Hernández, Hubert Kostner, Simone Lucietti, Nero, Gioacchino Pontrelli, Giordano Pozzi, Simone Racheli, Andrea Renzini, Nicola Toffolini. Special guest Aldo Cibic.

Le opere saranno in rapporto dialettico con oggetti di design firmati da Chris Howker, Arik Levy, Piero Lissoni, Carlo Mollino, Denis Santachiara e opere grafiche di Nobuyoshi Araki, Jim Dine, Jenny Holzer, Jonathan Monk, Tomas Saraceno.

Scheda Tecnica

  • "ALLARMI 2008"
    dal 30 maggio al 22 giugno 2008
    Inaugurazione: giovedì 29 maggio, ore 18.30-21
  • Caserma De Cristoforis
    Como, piazzale Monte Santo 2
  • Orario di apertura:
    mar-ven, ore 14-18.30; sab e dom, ore 11-19.30; lun chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Ufficio Stampa e organizzazione
    Associazione Culturale Erodoto
    Como, Via Dante Alighieri 133
    Tel. (+39) 031 2494446 - Mob. (+39) 347 7627106
    acerodoto@gmail.com
  • Sito web di Allarmi

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader