Mostre » MASSIMO DI GAETANO

Massimo Di Gaetano, olio su iuta, 2008, cm 160x120

MASSIMO DI GAETANO

La Galleria Rosati di Latina ospita una mostra personale dell’artista romano, con oltre venti opere che rappresentano la sua ultima produzione

a cura di Redazione, il 22/05/2008

Prenderà il via sabato 24 maggio, negli spazi espositivi della Galleria Rosati di Latina, una mostra personale di Massimo Di Gaetano che presenta al pubblico l’ultima produzione dell’artista, romano di nascita ma pontino d’adozione.
Reduce dai successi di critica e pubblico ottenuti nel corso della 78ª edizione della storica mostra “Cento Pittori Via Margutta”, svoltasi a Roma dal 30 aprile al 4 maggio scorsi, Di Gaetano, che ha iniziato a dipingere da bambino sotto la guida della madre, anche lei pittrice, ha scelto di esporre per l’occasione diverse tele e alcuni acquerelli realizzati in quest’ultimo periodo.

Opere spesso di grandi dimensioni, aventi per soggetto il litorale pontino

Massimo Di Gaetano, olio su tela, 2006, cm 50x70

Oltre venti, in tutto, le opere, spesso di dimensioni significative, presenti in rassegna. Lavorati con tecniche, materiali e supporti diversi che integrano e completano il lavoro dando vita ad un prodotto più elaborato e definito (dalla tela di iuta o di cotone grezzo ad applicazioni di garza, ma anche cuciture e strappi spesso utilizzati in maniera disordinata), i quadri ritraggono soggetti semplici e facilmente riconoscibili che sono parte essenziale del paesaggio. Il mare, le dune, la spiaggia e la vegetazione che caratterizza il litorale pontino e, più in particolare, Sabaudia campeggiano però sulla tela non tanto come mere riproduzione di questi luoghi, da cui comunque l’artista trae la propria ispirazione, quanto come fedele esternazione dei suoi stati d’animo.

Paesaggi come stati d’animo, dopo il periodo astratto e quello neo-espressionista

Massimo Di Gaetano, olio su iuta, 2008, cm 50x70

La stessa scelta del soggetto, dunque, non va letta come il “ritorno all’ordine” dopo anni caratterizzati dal periodo astratto prima e da quello neo-espressionista poi, ma la possibilità per l’artista di coniugare l’esperienza maturata nell’uso della materia pittorica con la necessità di esprimere i propri sentimenti evidenziando l’aspetto fortemente simbolico dei paesaggi, riprodotti sulle tele con colori ad olio il cui uso è stato spesso integrato con quello dei pastelli.

«Dipingo senza riferimenti fotografici per il terrore di essere descrittivo»

«La mia fonte d’ispirazione - ha voluto precisare Di Gaetano, commentando alcune opere - è il litorale pontino. Del resto ho lavorato come “guardiano del faro” e per diversi anni ho prestato servizio al Circeo. Nelle dune, però, non riconosco un soggetto esterno e lontano, un modello solo da riprodurre, ma la maniera migliore per raccontare me stesso. Del resto se da sempre dipingo in studio e senza riferimenti fotografici è proprio perché ho il terrore di essere descrittivo».

In attesa di fermarsi dopo gli impegni delle ultime esposizioni e tornare a lavorare un po’ con tele, pennelli e colori, però, Massimo Di Gaetano non si è voluto sbilanciare troppo sui prossimi “progetti creativi”. «Come artista amo mettermi in discussione e sperimentarmi continuamente, sia per quanto riguarda le tecniche sia per quanto riguarda le tematiche”, ha confidato brindando alla mostra e aggiungendo ancora: “Staremo a vedere fin dove mi condurrà l’ispirazione».

    Scheda Tecnica

  • “Massimo Di Gaetano”. Mostra personale
    dal 24 maggio all’8 giugno 2008
    Inaugurazione: sabato 24 maggio, ore 18
  • Galleria Rosati
    Latina, Via Cesare Battisti 9
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni (compresi domenica 1 e lunedì 2 giugno), ore 9-13 e 16-20
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Te. (+39) 0773668891
    paola_pacchiani@yahoo.it (Paola Pacchiani)
    Sito web di Massimo Di Gaetano

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 20/05/2008

Di Gaetano, Massimo

Massimo Di Gaetano nasce a Roma nel dicembre del 1959 da genitori siciliani, ma si trasferisce presto a Latina dove tuttora risiede. Ancora bambino, sollecitato dall’amore per l’arte trasmessogli dalla madre, anche lei pittrice, e sotto la sua guida, inizia a disegnare e a dipingere. Nel 1978 ...