Mostre » ANDREA MANTEGNA. L’opera grafica completa

La Madonna con il bambino, 1480-85, bulino e puntasecca

ANDREA MANTEGNA. L’opera grafica completa

La galleria “L’Arte Antica” di Torino celebra cinquant’anni di attività con una mostra che dal 15 maggio presenta l’intera produzione di stampe del maestro rinascimentale

a cura di Redazione, il 13/05/2008

Cinquant’anni di attività da festeggiare per la storica galleria L’Arte Antica di Torino. Cinquant’anni di appassionata ricerca nel mondo delle stampe e delle incisioni originali che hanno reso i locali di via Volta meta privilegiata dei collezionisti piemontesi e non solo, e che testimoniano una passione per l’arte senza incertezze.
Per celebrare questo importante anniversario Silverio Salamon ha scelto di presentare in una mostra importante ed esclusiva, che inaugura giovedì 15 maggio, le stampe originali del maestro padovano Andrea Mantegna, geniale pittore e incisore del Rinascimento italiano.

Il genio padovano fu il primo grande artista a dedicarsi all’incisione

Mantegna, intorno al 1470, fu il primo artista di genio ad interessarsi all’incisione, una tecnica nata in Germania intorno al 1430. Le prime incisioni a lui attribuite nascono da un confronto con lavori che presentano forti affinità con opere nordiche, giunte a Venezia intorno alla metà del Quattrocento: il grande formato delle sue stampe e la complessità dell’iconografia e della composizione differenziano queste stampe da opere di carattere puramente devozionale.

Esposte tutte le opere di Mantegna realizzate con bulino e puntasecca

La sepoltura, inizio decennio 1470-80, bulino e puntasecca

Nel catalogo ragionato presentato dall’Arte Antica sono raccolte e presentate tutte e sette le stampe realizzate da Andrea Mantegna tra il 1470 e il 1485 e autenticate da Kristeller e da Hind: la “Madonna con il bambino”, “La Sepoltura”, i due “Baccanali”, “La battaglia degli dei marini, parte sinistra e destra”, e a chiudere il ciclo “Gesù tra i santi Andrea e Longino”. A queste sette opere, note da tempo, sono state attribuite altre cinque incisioni, di grande rarità, e successivamente ancora altre due, che compaiono in questa mostra dal carattere unico. Il completissimo catalogo che accompagna l’esposizione descrive e riproduce però anche queste a completamento dell’opera grafica incisa del Mantegna.

Si tratta di opere che presentano i lavori con il bulino e con la puntasecca dell’artista, che affinava la sua tecnica di incisore sperimentando nuove forme di chiaroscuro con una resa in bianco e nero della realtà. L’importanza che l’artista attribuiva ai suoi esperimenti nell’incisione è dimostrata dal gran numero di disegni realizzati per le stampe.

Silverio Salamon e la lunga e appassionata ricerca delle singole stampe

Per presentare il corpus di tutta l’opera grafica del Mantegna, Silverio Salamon ha lavorato vent’anni. Una lunga e appassionata ricerca delle singole stampe, alcune delle quali sono meno rare di altre, ma che comunque rappresentano nel loro complesso una delle più eccezionali presentazioni di lavori di incisione dei maestri del Quattrocento.

Il catalogo con la parte storico-critica dal professor Giovanni Romano

Gesù risorto tra i Santi Andrea e Longino, 1504, bulino e puntasecca

Il catalogo ragionato di 64 pagine è curato per la parte storico-critica dal professor Giovanni Romano, che è anche uno dei curatori della prossima Mostra su Mantegna che si svolgerà al Museo del Louvre di Parigi e del suo collaboratore Stefano De Bosio. La parte tecnica è curata da Silverio Salamon. Il catalogo rappresenta così un vero e proprio studio sull’opera grafica dell’artista, con approfondimenti storici e critici dell’opera incisa dal grande padovano.

Andrea Mantegna: breve profilo biografico

Nato a Isola di Carturo (oggi Isola Mantegna, Padova) 1431 e morto a Mantova nel 1506, Mantegna fu allievo dello Squarcione e si formò in un ambiente culturale molto fecondo per l'apporto degli artisti toscani che vi erano allora attivi: Paolo Uccello, Andrea Castagno e Donatello. Fino al 1460 quando Mantegna si trasferì a Mantova come pittore di corte per Ludovico III Gonzaga, realizzò capolavori come il Polittico di S. Luca, la Pala di S. Zeno e l'Orazione nell'Orto. Nel lungo periodo in cui Andrea Mantegna rimase a Mantova decorò la cappella del Castello di S.Giorgio di cui oggi rimane solo il trittico con l'Adorazione dei Magi, la Circoncisione (Firenze, Uffizi) e la Morte della Vergine (Madrid, Prado). Negli ultimi anni Mantegna cercò di indirizzarsi verso una ripresa degli scorci audaci e delle forme violentemente definite dal disegno e realizzò molte opere attraverso le quali esercitò un profondo influsso sulla pittura rinascimentale.

    Scheda Tecnica

  • "ANDREA MANTEGNA. L’opera grafica completa"
    dal 15 maggio al 28 giugno 2008
    Inaugurazione: giovedì 15 maggio 2008, ore 18
  • L’Arte Antica
    Torino, Via Volta 9
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10-12.30 e 16-19,30; dom e lun chiuso
  • Info al pubblico:
    Tel. (+39) 011 5625834
  • Ufficio Stampa:
    LAS CHICAS press office
    C.so Regina Margherita 87 / Via Rossini 25 - 10124 TORINO
    Tel. (+39) 011 3189580 – Tel. e Fax (+39) 011 3199871
    laschicas@adfarm.it
    ADFARMANDCHICAS SRL

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader