Concorsi » I vincitori del premio C-DESIGN

C-Sledge di Ognyan Bozhilov

I vincitori del premio C-DESIGN

La giuria del concorso “C-Design: Combine, Connect, Create” promosso da Citroën, grazie alla loro originalità e innovazione ha premiato i progetti di Ognyan Bozhilov, Roland Kaufmann e Valerio Stramaccioni

a cura di Redazione, il 09/05/2008

E’ giunto al termine il premio internazionale di idee “C-Design: Combine, Connect, Create”, promosso da Citroën, prestigioso marchio francese del settore automotive, con la selezione dei tre progetti vincitori, premiati nella splendida cornice del 31° piano del Grattacielo Pirelli sede della Regione Lombardia, importante opera architettonica del razionalismo italiano.

I tre vincitori: Ognyan Bozhilov, Roland Kaufmann e Valerio Stramaccioni

Dovendo reinterpretare e combinare tra loro 100 pezzi che formano la meccanica e la carrozzeria delle auto Citroën, trasformandoli in oggetti di uso quotidiano, i progettisti hanno proposto idee evolutive, innovative e di grande impatto visivo. Sono queste le motivazioni che hanno portato la giuria, presieduta da Ferruccio Laviani, a premiare, tra i 10 finalisti selezionati nella prima fase, Ognyan Bozhilov, Roland Kaufmann e Valerio Stramaccioni.

Il vincitore è Ognyan Bozhilov, con la slitta "C-Sledge"

L’originale slitta C-Sledge, disegnata da Ognyan Bozhilov (Bulgaria), è il progetto 1° classificato, a cui è stato assegnato un premio di 10.000 euro. Un oggetto visionario, ma anche funzionale, che utilizza diversi componenti delle auto Citroën, dalle portiere della C3 Pluriel ai sedili posteriori della C4 Picasso. La giuria ha selezionato questa idea come un “ready made”, che ricorda un prototipo di seduta-macchina di Achille Castiglioni o una poltrona-seggiovia di Franco Albini.

Citroën Drain di Roland Kaufmann

Roland Kaufmann, 2° classificato con "Citroën Drain" progetto per valorizzare l’arredo urbano

La valorizzazione dell’arredo urbano è, invece, al centro del progetto di Roland Kaufmann (Austria), 2° classificato, con un premio di 6.000 euro. Un prodotto già esistente, un semplice ma funzionale tombino, è stato reinterpretato sulla base del pattern grafico del marchio Citroën utilizzando il cerchio della C4. Citroën Drain rappresenta un dialogo nuovo fra ruota e strada capace di enfatizzare quanto il design sia importante all’interno delle nostre città.

Terzo l’italiano Valerio Stramaccioni col progetto "Ç-Parè"

L’italiano Valerio Stramaccioni ha invece conquistato il 3° posto, e un premio di 4.000 euro, con un progetto completo e funzionale: il Ç-Parè, un modo originale ed ironico di filtrare e scomporre lo spazio. Un valido elemento architettonico, sia per ambienti interni che esterni, realizzato riciclando i vetri delle auto. L’idea è quella di ottenere dei filtri che generino effetti ottici particolari grazie all’utilizzo di speciali pellicole.

Menzione speciale anche per altri due progetti

Ç-Parè di Valerio Stramaccioni

Si tratta della particolarissima Citroënette, una baguette ridisegnata dalla mano di Francesco Costacurta, che ha proposto il famoso simbolo culinario francese riprendendo la forma del logo Citroën. E una menzione speciale anche per il secondo progetto presentato da Roland Kaufmann: Citroën Kite. Il linguaggio Citroën applicato ad un giocattolo semplice e allegro come l’aquilone: leggerezza, dinamismo, innovazione e creatività. Entrambe le proposte, benché non coerenti con l’obiettivo dell’e-competition, hanno attirato l’attenzione dei giurati per il loro potere di comunicazione, che sintetizza in maniera straordinaria molti dei valori e del vissuto del marchio.

Citroën protagonista nel design e nell’innovazione

Citroën, sin dagli anni ’20, si è distinta nell’ambito del design e dell’innovazione grazie alla sua capacità di guardare avanti e di superare ogni limite proponendo progetti ambiziosi e innovativi, che superassero i confini del design automobilistico.

Il premio C-Design: Combine, Connect, Create è stato lanciato con l’obiettivo di portare l’auto al centro del pensiero e del lavoro di progettazione, proponendosi come sfida all’innovazione e alla creatività dei designer, che hanno stravolto il tradizionale ordine di fattori.

L’iniziativa si è così dimostrata per Citroën un vero momento di indagine e confronto con nuove idee, volte a ripensare i piccoli e grandi oggetti di design, in linea con la filosofia che da sempre contraddistingue il marchio Citroën.

Info

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 18/02/2008

Entra nel vivo C-Design: Combine, Connect, Create

Si è conclusa la prima fase del premio internazionale di idee C-Design: Combine, Connect, Create, promosso da Citroën, prestigioso marchio francese del settore automotive. L’iniziativa, lanciata con l’obiettivo di portare l’auto al centro del pensiero e del lavoro di progettazione, si è propos...

a cura di Redazione, il 18/11/2007

Citroën lancia il premio C-Design: Combine, Connect, Create

Citroën, prestigioso marchio francese del settore automotive, lancia la prima edizione del premio internazionale di idee C-Design: Combine, Connect, Create – deadline il 15 gennaio ’08 – con l’obiettivo di portare le proprie auto al centro del pensiero e del lavoro di progettazione. Creatività...