Mostre » ROMA VIVA O MORTA

Mario Schifano: senza titolo, anni Settanta

ROMA VIVA O MORTA

La s.t. foto libreria galleria di Roma prosegue la propria ricerca di immagini del passato con un nuovo progetto tematico dedicato alla Capitale: "Scene senza storia nella città eterna"

a cura di Redazione, il 06/05/2008

Nell'ambito di Fotografia Festival Internazionale di Roma, la sala 3 della s.t. foto libreria galleria di Roma ospita da giovedì 8 maggio “Roma viva o morta. Scene senza storia nella città eterna”, a cura di Matteo Di Castro. Dopo la mostra “Made in Italy before Reality. Fotografie ritrovate del Belpaese”, con la quale nell'ottobre scorso ha iniziato la propria attività espositiva, la galleria prosegue così il proprio percorso di ricerca sulle immagini del passato con un nuovo progetto tematico, dedicato alla Capitale: alle molteplici visioni sulla città esercitate, nel corso del tempo, da fotografi di matrice assai diversa.

Un ritratto senza età della vita quotidiana a Roma nell'arco di un secolo

Foto di moda e di scena, reportage di periferia e vedute monumentali, istantanee anonime e scatti di grandi autori, si affiancano e si alternano per comporre un ritratto senza età della vita quotidiana a Roma nell'arco di un secolo: dalla fine dell'Ottocento agli anni Settanta del secolo scorso.
L'idea di un evento espositivo in cui confluiscano una serie di rappresentazioni fotografiche della città, non è certo nuova. Lo stesso Festival FotoGrafia, oltre ad affidare ogni anno a un nuovo autore un progetto su Roma (per l’edizione del 2008 è stato scelto Gabriele Basilico), propone al Palaexpò una collettiva sul tema, curata da Marco Delogu.

Un progetto espositivo “in progress”, pieno di sorprese per il pubblico

Anonimo Università "La Sapienza", anni Settanta

Rispetto ad altri progetti tematicamente affini, sviluppati per lo più all'interno di spazi museali, “Roma viva o morta” non punta su una selezione predefinita di immagini, ma piuttosto sulla possibilità di trovare e proporre al pubblico delle opere singolari, se non uniche.
All'origine di questa scelta, c'è l'effettiva presenza, nelle collezioni di s.t., di un significativo nucleo di stampe fotografiche originali, quasi tutte vintage print, riconducibili ad autori quali Alinari, Franco Pinna, Antonio Sansone, Caio Garruba, Carlo Orsi, Pasquale De Antonis, Claudio Abate, Mario Schifano. Partendo dalle foto romane di questi e di altri autori, la mostra si sviluppa come una sorta di caccia al tesoro: un percorso di ricerca e un gioco combinatorio con l’obiettivo di arricchire ogni giorno, fino alla data di chiusura dell'evento, il menu delle opere esposte.

Una selezione delle immagini che privilegia un punto di vista fuori dal tempo su Roma

Da un canto, dunque, le pareti della sala 3 della galleria sono destinate a riempirsi via via di nuove foto; dall'altro il lavoro di reperimento, selezione e collocazione delle immagini, dagli esiti imprevedibili, diviene a sua volta contenuto del progetto.
A questa formula in progress del progetto espositivo, corrisponde una selezione delle immagini che, pur in un quadro tendenzialmente eclettico, tende a privilegiare un punto di vista fuori dal tempo sulla città. Non perché le fotografie stesse siano state realizzate al di fuori di un contesto determinato e storicamente identificabile, ma perché ciò che esse raccontano è una quotidianità senza azione.

L’assenza di qualunque implicazione progettuale, e tanto meno politica

Antonio Sansone: Magliana, anni Settanta

In molte delle immagini in mostra, semplicemente, non v'è traccia di presenza umana: le strade, le piazze, come gli spazi interni (un ufficio pubblico, una galleria d'arte, o l'università "La Sapienza") ci appaiono non animate. Anche quando delle figure entrano in scena, siano esse in posa o catturate inconsapevolmente dal fotografo (dai bambini che giocano con la mazza-fionda alla Magliana, alle coppie che ballano in una balera di periferia; dalle prostitute del Mandrione alle modelle sedute al Caffè Greco; dagli operai al lavoro, al Presidente Pertini nel suo studio al Quirinale) dal loro essere in campo risulta comunque assente qualunque implicazione progettuale, o tanto meno politica.

Esposti anche cartoline d'epoca e libri fotografici su Roma

La mostra, oltre alle fotografie originali, ospita anche una selezione di cartoline d'epoca e di libri fotografici, nuovi e da collezione, dedicati a Roma.
La sera dell'inaugurazione verranno inoltre proiettati l'indimenticabile invettiva-canzone di Remo Remotti "Me ne vado da Roma", remixata dai Recycle e montata dalla redazione da Blob, e uno slide-show di diapositive turistiche degli anni '60.

    Scheda Tecnica

  • “Roma viva o morta. Scene senza storia nella città eterna”
    Nell'ambito di Fotografia Festival Internazionale di Roma
    dall’8 maggio al 14 giugno 2008
    Inaugurazione: giovedì 8 maggio, ore 19
  • Fotografie di:
    Abate, Alinari, Becchetti, De Antonis, Garruba, Orsi, Pinna, Schifano et alii
  • Curatore:
    Matteo Di Castro
  • s.t. foto libreria galleria
    Roma, via degli Ombrellari, 25
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10.30-20
  • Info:
    Tel. e Fax (+39) 06 64760105
    info@stsenzatitolo.it
    s.t. foto libreria galleria

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 08/04/2008

FotoGrafia-Festival Internazionale di Roma

Si è aperta lo scorso venerdì per proseguire fino al 25 maggio 2008, la settima edizione di FotoGrafia-Festival Internazionale di Roma, realizzato con il sostegno del Comune di Roma, prodotto da Zoneattive, con la direzione artistica di Marco Delogu. Il Festival, che per il terzo anno consecut...

a cura di Redazione, il 08/04/2008

SPECIAL / FotoGrafia: spazio ai giovani

FotoGrafia si conferma sempre di più un Festival dedicato alla giovane fotografia emergente, offrendo un panorama delle esperienze artistiche contemporanee e delle ricerche più attuali attraverso un'attenta selezione delle proposte più interessanti e innovative. ...

a cura di Redazione, il 07/04/2008

SKIP LIFE

Inaugura domani, nelle sale espositive della Galleria Maniero, “Skip Life. Casi speciali di normalità nel divenire quotidiano”, la mostra di Fabrice de Nola – patrocinata dall’Ambasciata del Belgio a Roma – le cui fotografie rivolgono l’attenzione su alcuni oggetti d’uso, osservando la normali...