Eventi » MARK KOSTABI. Celebration

Mark Kostabi, “Frame Up”, 2007, olio su tela, cm 50x50

MARK KOSTABI. Celebration

Alla Galleria Tondinelli di Roma una mostra dell’artista e compositore californiano per celebrare il 20° anniversario della sua “factory”: la Kostabiworld

a cura di Redazione, il 21/04/2008

In occasione del suo 8° anniversario, la Galleria Tondinelli presenta dal 23 aprile una mostra dedicata a Mark Kostabi, artista e compositore, californiano di nascita, diviso nella sua attività tra New York e Roma.
“Celebration” il titolo della mostra, perché cade proprio nei 20 anni di attività del Kostabiworld, la sua factory che si trova a New York ed è organizzata con criteri di efficienza industriale.

In mostra 14 tele dipinte ad olio e 8 serigrafie del periodo 1990-2007

L’esposizione, curata da Maria Stella Càstano e Floriana Tondinelli, presenta circa 22 opere, tra cui 14 olii e 8 serigrafie create tra il 1990 e il 2007 che danno una completa panoramica dell’arte di Kostabi e mettono in evidenza i due mondi dell’artista: l’America anni ‘60 e la tradizione italiana.

È presente in mostra anche il Kostabi compositore. Infatti il sottofondo musicale che accoglierà il visitatore è firmato dall’artista. Si tratta del suo secondo CD “Songs for Sumera”.
Celebrazione romana, dunque, per Kostabi che, dai più grandi musei americani quali il Metropolitan e il Guggenheim – passando per Roma al Museo Nazionale d’Arte Moderna nel 2006 e al Chiostro del Bramante – approda alla Galleria Tondinelli.

Kostabi "figlio" di Warhol, ma stilisticamente molto diverso dal padre della Pop Art

Mark Kostabi, “Everything but the ticket”, 2007, olio su tela, cm 130x100

Kostabi, nato nel 1960 e arrivato a New York nel 1982, è figlio della nuova concezione dell’arte introdotta da Andy Warhol, quella di un’arte democratica, per tutti. Dal punto di vista stilistico Warhol e Kostabi hanno poco in comune, anche se sono entrambi artisti legati alla figurazione. Se Warhol usava il supporto fotografico, le tecnologie tipografiche, le repliche di un’immagine anche in una stessa opera, Kostabi ama la tradizione.

La modernità e insieme la “classicità” dell’artista californiano

Adotta spesso la prospettiva rinascimentale, non utilizza supporti meccanici e pratica una pittura ispirata ai grandi esempi del passato: il chiaroscuro di Caravaggio, lo sfumato del Perugino, il surreale di Magritte, la melanconia di De Chirico, riportandoli nelle sue opere comunque così diverse dalle fonti d’ispirazione.

Se Warhol è iconico, Kostabi è narrativo e nel suo continuo rinnovarsi nelle figure e nelle composizioni ricorre sempre a uno stesso tipo di figura: un manichino dalla silhouette bianca dotata di spessore volumetrico.

Asessuata, senza volto, senza capelli, può far pensare al manichino di De Chirico o, da un certo punto di vista, in maniera corretta e riveduta, ai pupazzi di Keith Haring. Kostabi è anche l’autore del bellissimo bronzo dedicato a Papa Giovanni Paolo II e donato al Comune di Velletri, in Provincia di Roma. Bronzo che presenta tre angeli che sembrano trasportare lietamente in cielo il Papa più amato.

    Scheda Tecnica

  • Mark Kostabi. “Celebration”
    dal 23 aprile al 12 maggio 2008
    Inaugurazione: mercoledì 23 aprile, ore 18.30-20.30 (presente l’artista, che eseguirà suoi brani al pianoforte)
  • Curatori:
    M. Stella Càstano, Floriana Tondinelli
  • Galleria Tondinelli
    Roma, V. Quattro Fontane 128/a
  • Orario di apertura:
    lun-sab, ore 10.30-12.30 e 16-19
  • Info:
    Tel. (+39) 06 4744300 – (+39) 339 2314606
    info@galleriatondinelli.it
    Galleria Tondinelli

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader