Mostre » Autori di gioielli. Gioielli d’autore

Mario Pinton, spilla, oro, rubino, 1995

Autori di gioielli. Gioielli d’autore

Le cosiddette arti applicate divengono tout court Arte. Ha aperto i battenti a Padova la mostra “Gioielli d’Autore. Padova e la Scuola dell’oro”

di Giovanni Cozzarizza, il 06/04/2008

Da non confondersi con manifestazioni di prodotti seriali o industriali, al contrario la “Padua’s Gold School” rappresenta un fenomeno unico in Europa ed è conosciuta e apprezzata a livello mondiale come fucina di artisti che si servono d’oro, argento e pietre preziose per esprimere la loro creatività come fu anche per Calder, Fontana, Klein. Melotti e Rauschenberg.
(Leggi anche “La Scuola di Padova: testimonianze dal mondo”)

In mostra i lavori dei “Maestri di Padova” e dei loro allievi

Questa mostra - promossa da Comune e Regione – dunque, celebrerà con un grande evento anche mediatico, Mario Pinton, Francesco Pavan, Giampaolo Babetto e li farà meglio conoscere anche al pubblico italiano, spesso ultimo nell’individuare e riconoscere i valori e la qualità di realtà “domestiche”.

Lucia Davanzo. Costruzione, collana, oro, argento ossidato, pasta di corallo - 2004

Saranno esposti lavori dei “Maestri di Padova” e degli allievi Cecchetto, Davanzo, Franzin, Marchetti, Marcolongo, Maurizio, Paganin, Pasquale, Piazza, Reveane, Rigovacca, Visintin, Vita, Zanella, Zorzi. Si tratta di gioielli-scultura destinati certo all’esibizione ma anche al collezionismo, basati sulla purezza delle forme, la misura della materia, l’equilibrio delle proporzioni e su di una tenace sperimentazione di nuove tecniche e materiali. Non a caso, come ogni vera forma d’arte, molte di queste meraviglie sono già patrimonio di decine di musei in tutto il mondo.

Opere dove il vero elemento prezioso è la creatività

Le trasparenze di pietre, spesso non preziose, assieme a vetri, legni, resine, smalti, terre e pigmenti, abilmente trattati, fanno esplodere, nei tempi più recenti, l’entusiasmo del colore, per molti anni trattenuto o risolto sobriamente con l’attento accostamento di metalli diversi, o giocando tra oro e legno, o ancora utilizzando il niello, riscoperto, dopo secoli, proprio da questi maestri. Ai metalli nobili, spesso trattati in splendide textures, vengono poi aggiunti plastiche, resine, stoffe e tessuti, materiali “poveri”, ma scelti e utilizzati con equilibrio, sotto la regia di misurate composizioni, dove regna il senso del ritmo e dell’armonia, dove il vero elemento prezioso è la creatività, l’interpretazione, il concetto, il vissuto, l’emozione e la fantasia.

Paolo Marcolongo. Verso il mare: anello, cristallo, oro - 2001

In esposizione oltre 500 pezzi

Un centinaio di vetrine espositive accoglierà più di 500 pezzi, di cui molti inediti, gioielli-scultura creati dagli anni cinquanta del Novecento ad oggi. L’evento espositivo nasce come itinerante e, dopo Padova, sarà proposta in numerose sedi museali italiane e straniere. Ogni opera esposta è veramente un grande-piccolo capolavoro d’ingegno e creatività.

Scheda Tecnica

  • “Gioielli d’Autore. Padova e la Scuola dell’oro”
    fino al 3 agosto 2008
  • Curatori:
    Mirella Cisotto Nalon, Annamaria Spiazzi
  • Palazzo della Ragione
    Padova
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 9-19; chiuso i lunedì non festivi e 1, 6, 7, 8 maggio 2008
  • Biglietti:
    Intero € 8; ridotto € 5
  • Catalogo:
    Allemandi
  • Info:
    Tel. (+39) 049 2010067
    serviziomostre@comune.padova.it
    Padova Cultura

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader