Mostre » SKIP LIFE

Fabrice de Nola

SKIP LIFE

“Casi speciali di normalità nel divenire quotidiano”. Alla Galleria Maniero di Roma la nuova mostra fotografica del siciliano Fabrice de Nola

a cura di Redazione, il 07/04/2008

Inaugura l’8 aprile 2008 nelle sale espositive della Galleria Maniero, “Skip Life. Casi speciali di normalità nel divenire quotidiano”, la mostra di Fabrice de Nola – patrocinata dall’Ambasciata del Belgio a Roma – le cui fotografie rivolgono l’attenzione su alcuni oggetti d’uso, osservando la normalità del nostro attuale e prossimo quotidiano.

Skip life

Nei dispositivi digitali di riproduzione video il tasto skip serve a saltare da un blocco di dati all’altro. Il titolo gioca con le parole deviando dal significato di still life per indagare, attraverso alcuni oggetti, la continua ridefinizione della normalità nel teatro del quotidiano divenire: fino a qualche tempo fa solo i folli parlavano da soli per strada, oggi è normale vedere persone che apparentemente parlano da sole mentre comunicano da telefonino con piccoli microfoni e auricolari. Domani potremmo incrociare per strada qualcuno che gesticola vistosamente usando un dispositivo Neural Pro!

I motivi della mostra

La mostra si propone di scrutare gli effetti dell’accelerazione del presente sulla normalità, documentando certi aspetti delle trasformazioni (avvenute o in corso) a partire da alcune ricerche scientifiche e applicazioni tecnologiche nei settori delle infotecnologie, delle biotecnologie e delle nanotecnologie, con riscontri e proiezioni nel concreto del vissuto quotidiano.

Le principali esposizioni e collettive di Fabrice de Nola

Fabrice de Nola è nato a Messina nel 1964 da madre calabrese e padre fiammingo. Vive e lavora a Roma. Principali mostre personali e collettive: 2008: Boundbuzz, Studio Vigato, Alessandria, XV Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma. 2007: Paesaggi metropolitani, Museo Laboratorio dell'Università di Roma. 2003: Neural Pro, Palazzo Isnello, Palermo, La Scuola romana nel Novecento, Chiostro del Bramante, Roma, Arte italiana per il XXI secolo, Ministero degli Affari Esteri, Palazzo della Farnesina, Roma, Futuro italiano, Sede del Parlamento Europeo, Bruxelles. 2001: Le Muse inquietanti, Museo Pascali, Polignano (Bari), Dalla Mini al mini, Palazzo delle Esposizioni, Roma, Cantieri romani, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, (collezione permanente MACRO), Roma. 2000: Backdoors, Il Ponte Contemporanea, Roma. 1998: Inverse, Il Ponte Contemporanea, Roma, Lungo il muro del Gasometro, Galleria del Teatro India, Roma, Giganti, Foro Imperiale di Nerva, Roma. 1997: Giro d'Italia dell'Arte, Galleria L'Attico, Roma.

La mostra fa parte degli eventi legati a FotoGrafia-Festival Internazionale di Roma

L’evento espositivo fa parte del circuito di FotoGrafia-Festival Internazionale di Roma (4 aprile – 25 maggio 2008), promosso dal Comune di Roma e prodotto da Zoneattive, dal tema “Vedere la normalità. La fotografia racconta il quotidiano”.

Scheda Tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader