P » Previtali, Carlo

Carlo Previtali, "Giuturna", 2002, ceramica raku, cm 40x35x25

Previtali, Carlo

a cura di Redazione, il 19/03/2008

Carlo Previtali è nato a Bergamo nel 1947 e vive e lavora a Grumello del Monte (Bergamo). Ha frequentato a Milano l’Accademia di Belle Arti di Brera dove nel 1975 si è diplomato alla scuola di scultura di Alik Cavaliere; successivamente si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. La sua attività d’insegnamento si è concentrata a Bergamo quale docente di discipline plastiche presso l’Istituto d’Arte “Andrea Fantoni”’, l’Accademia di Belle Arti “Carrara”, il liceo artistico di Bergamo e poi di Lovere (Bg).

Un’attività espositiva cominciata negli anni ‘60

Alle prime mostre degli anni Sessanta, hanno fatto seguito partecipazioni a concorsi, mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati e presenze alle più importanti fiere d’arte d’Italia. Fra le collettive più recenti si ricordano: “Tetralogia della natura” alla Galleria Marieschi di Milano; “Il corpo e lo sguardo” presso lo Young Museum, Centro Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Revere (Mn); “Viaggio attraverso la ceramica grottesca” al Decennale del Premio Internazionale di Vietri sul Mare (Sa); “XII Biennale d’Arte Sacra” organizzata dalla Fondazione Stauros Italiana Onlus a San Gabriele Isola del Gran Sasso (Tr); “La nave dei folli” al complesso dell’Oratorio dei Disciplini di Clusone (Bg).

Le mostre personali

Carlo Previtali, "Testa di fauno", 1988, cemento, cm 30x18x25

Tra le personali: “Il dramma della Passione di Cristo” a San Giovanni Bianco (Bg) e nello scurolo della Parrocchiale di Vedeseta (Bg); “Il mito e la maschera” alla Galleria ArsMedia di Bergamo; “Sculture” alla Galleria Pettinato di Roma e “Anime di terra” allestita presso la Libreria Bocca di Milano.

I riconoscimenti

Nel 2002 ha ricevuto il primo premio per la scultura alla II Rassegna di Arte Sacra “Pulchra Ecclesia” di Montichiari (Bs) e nel 2006 ha ricevuto il “Premio Ulisse” alla carriera conferito dalla Provincia di Bergamo.
Recentemente due opere dell’artista sono state acquisite e collocate rispettivamente nel Museo Interreligioso della Rocca di Bertinoro (Fc) e al Museo Stauròs d’Arte Sacra Contemporanea a S. Gabriele (Isola del Gran Sasso - Teramo).

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader