Mostre » Carlo Previtali. MONDO MAGICO

Carlo Previtali, "Nereide"

Carlo Previtali. MONDO MAGICO

Natura, mito e metamorfosi nelle opere del visionario artista bergamasco in mostra a Brescia

a cura di Redazione, il 20/03/2008

Apre al pubblico venerdì 21 marzo, nella Sala Mostre del Comune di Brescia intitolata ai SS. Filippo e Giacomo, la mostra “Mondo magico: natura, mito e metamorfosi nella scultura di Carlo Previtali”, una personale di sculture e disegni dell’autore bergamasco che ha trovato nel mondo classico e della mitologia greco-romana la rivelazione delle proprie più profonde ragioni d’artista.

Una quarantina di sculture in ceramica e bronzo e altrettanti disegni

Curata da Domenico Montalto e organizzata dall’Associazione Culturale “La Parada” con il patrocinio del Comune di Brescia, l’esposizione riunisce una quarantina di sculture in ceramica e bronzo e altrettanti disegni, a raccontare come Previtali, attraverso le tematiche dell’antico, sia riuscito ad esprimere la propria lunare natura d’artista, tendente al visionario, al meraviglioso, all’onirico, al magico, all’esoterico, all’occulto, all’oscuro, all’alchemico, al carnevalesco, al grottesco e al macabro, secondo quella plurisecolare lezione “umbratile” dell’arte europea che va dall’Ellenismo al Manierismo tardocinquecentesco, dal Barocco al Grechetto e a Salvator Rosa, dalle incisioni di Callot alle “bautte” veneziane settecentesche, da Blake a Goya, dal simbolismo di Wildt fino al Surrealismo. Tutte suggestioni che l’artista ha saputo declinare in un linguaggio contemporaneo, personale e riconoscibile.

Uno scultore di teste, di volti e di fisiognomìe

Carlo Previtali, "Ninfa", 1984, terracotta, cm 45x26x27

Previtali è essenzialmente uno scultore di teste, di volti e di fisiognomìe, anche se nei suoi mondi notturni e incantati non mancano le opere a tutta figura: ninfe addormentate, Giani bifronti, bellissime Nereidi, Meduse decollate, Giuturne dal corpo liquefatto, icone d’un eterno femminino angelicato e magico.
E ancora: Bacchi melanconici coronati di pampini; fauni arguti; maschere grifagne del teatro greco e di quello giapponese del No; personaggi del mito di sangue come Marsia (lo scorticato vivo dal dio Sole, prefigurazione del cristiano san Bartolomeo) o di berniniana memoria come Apollo e Dafne, raccontati in uno splendido, monocromo dittico di candida maiolica; l’Ermafrodito, inquietante ma divino figlio di Ermes e di Afrodite; le tre ossute e spaventose Moire che detengono i nostri destini; i satiri che ritrovano il teschio di Polifemo, così enorme da somigliare a una caverna o a una montagna; e altri personaggi ancora.

Una tecnica ceramistica d’origine extraeuropea: il raku

Per dar vita a questo suo repertorio iconografico Carlo Previtali si è dedicato a una tecnica ceramistica d’origine extraeuropea, il raku, inventato nel Giappone medievale per produrre le stoviglie della cerimonia del tè: un sapiente dosaggio di calore e di ossigeno, di sali metallici e ossidi che creano peculiari effetti di cromatismo, in una “casualità” di superfici e di colori che l’autore si limita a governare, lasciando comunque un adito all’imprevisto, all’unicità del risultato finale.
Di qui i raffinati cromatismi della scultura di Previtali, dalle tonalità notturne, volatili, acquose, percorsi di sottili evibranti craquelures, ad esprimere un sentimento mitico dello stato di natura, della vita e delle sue potenze.

La mostra di Carlo Previtali è accompagnata da un catalogo (Lubrina Editore) con presentazione di Domenico Montalto.

    Scheda Tecnica

  • “MONDO MAGICO. Natura, mito, metamorfosi nella scultura di Carlo Previtali”
    dal 21 marzo al 13 aprile 2008
    Inaugurazione: giovedì 20 marzo, ore 18.30
  • Curatore:
    Domenico Montalto
  • Sala SS. Filippo e Giacomo
    Brescia, via Battaglie 61/1
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 15.30-19.30; lun, Pasqua e Lunedì dell’Angelo chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    Lubrina Editore
  • Info:
    Tel. (+39) 335 5633509 (Gi Morandini)

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 19/03/2008

Previtali, Carlo

Carlo Previtali è nato a Bergamo nel 1947 e vive e lavora a Grumello del Monte (Bergamo). Ha frequentato a Milano l’Accademia di Belle Arti di Brera dove nel 1975 si è diplomato alla scuola di scultura di Alik Cavaliere; successivamente si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. L...