M » Micheli, Guglielmo

Guglielmo Micheli, Carbonai in Maremma (particolare)

Micheli, Guglielmo

a cura di Redazione, il 18/03/2008

Nato a Livorno nel 1866, è uno degli allievi prediletto di Fattori. Dal punto di vista artistico nasce dunque macchiaiolo, maturando poi un proprio stile che lo conduce verso il naturalismo e una multiforme attività come pittore a olio, disegnatore, acquerellista e illustratore di libri, apprezzato in particolare per le marine.

Gli anni dei paesaggi maremmani e delle marine

Inizia a Livorno nello studio di Natale Betti e si iscrive all’Accademia di Firenze grazie a una borsa di studio della fondazione Bastogi. Con Plinio Nomellini e Mario Puccini frequenta dal 1886 anche la “Scuola libera di nudo” di Fattori. Nel 1890 sposa Guglielmina. È la nipote dello scultore Giovanni Paganucci, con cui in gioventù Fattori aveva condiviso a Firenze lo studio di via Nazionale. Sono gli anni in cui Micheli frequenta la Maremma dipingendo quel paesaggio e distinguendosi, appunto, anche come pittore di marine.

La sua scuola di pittura frequentata anche da Modigliani e Llewelyn Lloyd

Nel 1893 ottiene la nomina di assistente disegnatore del Regio Istituto tecnico di Livorno, città che torna dunque a essere il centro della sua attività. Nel 1897 trasforma lo studio di via delle Siepi in scuola di pittura frequentata, tra gli altri, da Amedeo Modigliani e Llewelyn Lloyd, Gino Romiti e Oscar Ghiglia. Negli ultimi anni di vita insegna in numerose scuole d’arte, Acqui Terme, Iglesias, Cortona, Sassari, Caltanissetta, Bari, Pisa, Arezzo. Muore nella natia Livorno nel 1926.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader