Eventi » ANTIQUARI ALLA FORTEZZA DA BASSO

ANTIQUARI ALLA FORTEZZA DA BASSO

Prende il via a Firenze la seconda edizione della mostra-mercato dell’antiquariato, con quasi cento espositori da tutta Italia e dall’estero

a cura di Angelo Pinti, il 14/03/2008

Dal 15 al 24 marzo 2008, con la seconda edizione di “Antiquari alla Fortezza da Basso”, la cinquecentesca Fortezza da Basso innalzata da Antonio da Sangallo il “giovane” intorno al 1535 nel cuore vivo della Firenze rinascimentale su impulso di Alessandro de’ Medici (nipote di papa Clemente VII), si trasforma in uno straordinario scrigno “protetto” di oggetti antichi e preziosi.

Promossa e organizzata da The Fine Arts di Rivoli (Torino) in collaborazione con l’Associazione Antiquari Fiorentini, la mostra-mercato, patrocinata dal Comune di Firenze, Provincia di Firenze, Regione Toscana e Camera di Commercio di Firenze, ospiterà un centinaio di espositori provenienti da tutta Italia ma anche dall’estero (leggi l'elenco completo).

Attese alla Fortezza da Basso alcune fra le più importanti galleria d’Italia

Nel capoluogo toscano sono attese alcune fra le più importanti gallerie d’Italia con arrivi prestigiosi anche da Spagna, Belgio, Stati Uniti. In mostra mobili, dipinti, sculture, bronzi, avori, arazzi, vetri, ceramiche, porcellane, stampe, gioielli, libri d’arte ed altri pezzi di tutte le epoche e provenienze, dall’alta epoca al Novecento.

Fra le opere esposte si potrà ammirare anche un capolavoro dei della Robbia, un rilievo raffigurante una “Madonna col Bambino” in terracotta invetriata, databile intorno al 1490, appartenente alla produzione centrale di Andrea della Robbia, il nipote di Luca che, fra la fine del ‘400 e i primi decenni del secolo seguente, ebbe il merito di diffondere l’arte degli invetriati su larga scala con esiti protoindustriali.

Anche a Firenze una “location” ideale per pubblico ed espositori

«Con questa manifestazione – spiega Luigi Bellini – Presidente del Comitato organizzatore, a capo della Galleria e Museo privato Bellini, punto di riferimento su scala mondiale del mercato antiquario fin dal XVIII secolo – Firenze si allinea alle altri grandi capitali europee come Maastricht e Parigi, dove le mostre antiquarie vengono ospitate nei quartieri fieristici, location funzionale ideale per espositori e pubblico».

«Inoltre – prosegue Bellini – il fatto di avere il centro fieristico a due passi dalla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella e a cinque minuti dai monumenti e dalle vie dello shopping, è un “plus” vincente per l’accesso e la fruibilità della nostra manifestazione».

Una manifestazione che non fa concorrenza alla Biennale di Palazzo Corsini

La maggiore “accessibilità” al pubblico, anche a quello meno esperto ma interessato ad approfondire la conoscenza dell’antiquariato, è una scelta strategica che mira a completare l’offerta della prestigiosa Biennale dell’Antiquariato che si svolge a Palazzo Corsini, non a contrastarla. In effetti non può esserci concorrenza fra due manifestazioni di taglio così diverso: elitaria e paramuseale la Biennale, con pezzi di grandissimo valore; relativamente “popolare” la mostra-mercato della Fortezza da Basso, pensata per ampliare il mercato dell’antiquariato in Toscana.

Il concetto è stato sottolineato da tutti gli intervenuti alla presentazione ufficiale della seconda edizione della mostra-mercato, svoltasi ieri mattina alla Fortezza da Basso: oltre a Luigi Bellini, Mario Rossi (amministratore delegato di The Fine Arts), Patrizio Giaconi (presidente dell’Associazione Antiquari Fiorentini), Alberto Bruschini (amministratore delegato di Firenze Fiera) e Silvano Gori (assessore alle attività produttive e turismo del Comune di Firenze).

«Nel campo dell’antiquariato la Toscana ha una grande mostra, quella di Palazzo Corsini, ma quasi nient’altro», ha ricordato Mario Rossi. «Anche i collezionisti fiorentini si spostano fuori regione per fare acquisti: mancava dunque una mostra più “commerciale”, seppure di qualità».
Patrizio Giaconi ha invece richiamato l’attenzione sulle importanti iniziative collaterali che rappresentano la novità di quest’anno, oltre a sottolineare l’utilità per gli operatori locali di una manifestazione come “Antiquari alla Fortezza da Basso”. «Basti pensare – ha ricordato – che durante la prima edizione ci sono stati espositori provenienti da fuori che hanno fatto acquisti nelle botteghe fiorentine».

    Scheda Tecnica

  • “Antiquari alla Fortezza da Basso - II^ edizione”
    dal 15 al 24 marzo 2008
    Inaugurazione: venerdi 14 marzo, ore 20 (Fortezza da Basso - Padiglione Spadolini)
  • Fortezza da Basso
    Firenze (a 250 m dalla Stazione Centrale S. M. Novella)
  • Orario di apertura:
    giorni feriali, ore 15-20; ven, festivi e prefestivi, ore 10.30-20
  • Biglietti:
    Intero € 8; ridotto € 5
  • Patrocinio:
    Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Associazione Antiquari Firenze, APT Firenze, Consorzio Firenze Albergo, Confcommercio Firenze, Touring Club, Associazione Culturale SIARTE
  • Organizzazione:
    The Fine Arts Srl
    Rivoli (Torino), Palazzo Piozzo di Rosignano (Via Gallo 1)
    Tel. e Fax (+39) 011 9533134
    eis1@libero.it
    Palazzo Piozzo di Rosignano

    Segreteria organizzativa:
    Firenze, Lungarno Vespucci 6/r
    Tel. e Fax (+39) 055 211102

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Valentina Redditi, il 14/03/2008

SPECIAL / Antiquari: le iniziative collaterali

Le iniziative collaterali sono la grande novità di “Antiquari alla Fortezza da Basso”, giunta alla sua seconda edizione. Il programma è ricco e sostanzioso, e mira soprattutto a valorizzare il ruolo degli artigiani d’arte, non sempre adeguatamente riconosciuto, e il pubblico desideroso di “sap...

a cura di Redazione, il 24/03/2007

Antiquari alla Fortezza da Basso

Inaugura a Firenze la prima edizione di “Antiquari alla Fortezza da Basso”, mostra mercato dell’antiquariato in programma dal 24 marzo al 1° aprile 2007. ...