Eventi » IGOR MITORAJ. Ferro

IGOR MITORAJ. Ferro

Il maestro polacco torna a Massa Marittima, città che nel 2003 gli conferì la cittadinanza onoraria, per una grande mostra con decine di opere in ferro e su carta

a cura di Redazione, il 15/03/2008

Igor Mitoraj fa ritorno a Massa Marittima con una nuova grande mostra dal titolo “Igor Mitoraj. Ferro”. L’esposizione, allestita nelle sale di Palazzo dell’Abbondanza, resterà aperta al pubblico fino al 15 giugno ed è organizzata dal Comune di Massa Marittima con il coordinamento scientifico di Maurizio Vanni.

Per il grande artista polacco si tratta di un ritorno nella città toscana, che nel 2003 gli ha conferito la cittadinanza onoraria, in occasione del suggestivo allestimento in cui la piazza del Duomo costituì la scenografia per una splendida mostra di sculture in bronzo e, nel Museo Archeologico, di abiti, gioielli e bozzetti realizzati da Mitoraj per la rappresentazione della Manon Lescaut al Festival Pucciniano.

Esposti 13 sculture in ferro e circa 40 disegni inediti

La nuova mostra si pone come un vero e proprio evento dedicato e pensato per la città delle colline metallifere: 13 sculture in ferro e circa 40 disegni inediti realizzati dall’artista proprio per l’occasione. Con il titolo “Ferro” si è voluto proprio rimandare alla peculiarità delle miniere della zona che producevano pirite dalla quale si estraeva ferro. Questo materiale incuriosisce Mitoraj perché può indagarlo in modo libero senza dover finire il lavoro con patine o cromie particolari.

Il ferro per Mitoray: il gusto di cimentarsi con un materiale antico

Il ferro è il metallo in assoluto più utilizzato dall’umanità: le prime prove del suo uso provengono dai Sumeri e dagli Egiziani che, già 4.000 anni prima di Cristo. Mitoraj è attratto dalla sfida di cimentarsi con un materiale antico, quasi primordiale: in lui c’è la volontà del confronto, ma anche dello scontro per piegare e disciplinare la materia alle sue forme.

I disegni: lavori anticonvenzionali che nascono dalla libertà del gesto

Il disegno, nel corpus delle opere di Mitoraj, corrisponde a un’espressione artistica completamente indipendente, una disciplina che permette una grande libertà del gesto e un rapporto del tutto nuovo fra tratto, luce e superficie. Il supporto, solitamente carta povera, permette un contatto ancora più immediato con la propria interiorità. Ne scaturiscono lavori anticonvenzionali realizzati in modo relativamente rapido che richiamano, pur essendo completamente autonomi, la libertà esecutiva e il particolare rapporto materia-luce dei lavori in ghisa del maestro.

La sede espositiva: Il nuovo Palazzo dell’Abbondanza

La mostra sarà ospitata presso il Palazzo dell’Abbondanza, la struttura che il Comune di Massa Marittima ha inaugurato nel 2007, dopo un lavoro di recupero con la finalità di creare una sala congressi e uno spazio espositivo per mostre che riattribuisse all’edificio stesso la valenza di palazzo pubblico. Da agosto dello scorso anno il Palazzo è divenuto con continuità la sede ufficiale degli eventi artistici della nostra contemporaneità. Da Robert Combas, a Vincenzo Borella, a Vincenzo Balsamo. La programmazione degli eventi prevede anche la mostra di Giuliano Ghelli da agosto a ottobre.

    Scheda Tecnica

  • “Igor Mitoraj. Ferro”
    fino al 15 giugno 2008
  • Palazzo dell’Abbondanza
    Massa Marittima (Grosseto), Via Goldoni
  • Orario di apertura:
    mar-ven, ore 16-19; sab-dom, ore 10-13 e 16-19; lun chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 0566 902289
    Comune di Massa Marittima

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader