Mostre » Chagall delle meraviglie, al via la grande retrospettiva con oltre 180 opere

Chagall delle meraviglie, al via la grande retrospettiva con oltre 180 opere

a cura di Redazione, il 09/03/2007

“Chagall delle meraviglie”: non poteva essere scelto titolo migliore per la grande retrospettiva dedicata al grande maestro russo Marc Chagall, che aprirà i battenti venerdì 9 marzo nelle sale del Complesso del Vittoriano a Roma. Oltre 180 capolavori tra dipinti, gouaches, disegni, sculture e incisioni provenienti da importanti musei pubblici e prestigiose collezioni private di tutto il mondo, dove spiccano il nucleo di opere arrivate dalla Russia e dalla Francia,chedocumentano il percorso umano ed artistico del pittore leggendone l’opera attraverso una serie di chiavi di interpretazione che evidenziano come il percorso di Chagall sia denso di richiami alla cultura e alla tradizione. Tra i pittori più indipendenti e innovatori del ’900, Marc Chagall con la sua opera evidenzia il risultato di una complessa e articolata stratificazione di esperienze e di scelte ideologiche e culturali che determinano un intrecciarsi reciproco di influssi a partire dalle avanguardie ’storiche’ fino alle correnti dell’arte contemporanea. Il già citato titolo della mostra – il suggestivo “Chagall delle meraviglie" – trae spunto dal nome dato, in un famosissimo saggio, da Louis Argon, l’intransigente teorico del Dadaismo e del Surrealismo che, per descrivere la lieve e meravigliosa poetica chagalliana non trova altro termine di paragone che la felice atmosfera del "Sogno di una notte di mezza estate" di Shakespeare. L’intendimento di questa importante retrospettiva – curata da Meret Meyer e Claudia Beltramo Ceppi Zevi, e che si avvale di un prestigioso Comitato Scientifico, è coordinata da Alessandro Nicosia e realizzata da Comunicare Organizzando – che la città di Roma dedica a Chagall, è quella di rivisitare la sua intera opera ricca di rimandi, influssi e anticipazioni rispetto all’arte futura, analizzando nell’interessante percorso espositivo, ad esempio,l’influsso che la tradizione figurativa delle icone, tipica della cultura ortodossa, ha su tutto il mondo figurativo di Chagall.



[Immagine: "La Passeggiata", 1917]


Il mondo ebraico e l’arte tradizionale russa costituiscono uno dei nuclei originari della poetica dell’artista. Nelle opere del periodo russo ritroviamo la rappresentazione di quelle masse umane che popolano i funerali e le processioni di Repin e la grande scuola del Realismo russo; il ricordo dell’artigianato russo traspare, inoltre, in quel colorato senso della decorazione all’origine dei suoi famosi mazzi di fiori. Sorgente meno nota dell’ispirazione di Chagall è, invece, il mondo di vignette popolari russe denominate Lubok, ampiamente diffuse fra i ceti popolari durante tutto l’Ottocento, in cui viene rappresentato in modo realistico, ma paradossale, un mondo fatto di animali parlanti, di personaggi che volano, di galli cavalcati da fieri cavalieri. Lo stesso mondo che anima, come un circo fatato, le opere di Chagall. Una ricca sezione della mostra, dedicata alla raffigurazione dei motivi religiosi, fa scoprire uno Chagall che passa senza evidenti distinzioni, dalla tradizionale iconografia ebraica – la rappresentazione di rabbini e sinagoghe – a quella biblica e a quella cristiana, avendo l’ardire di raffigurare, nel famosissimo trittico della Crocifissione, un Cristo vestito dei tradizionali abiti ebraici. Esposta per la prima volta la serie completa delle incisioni della Bibbia.   "Sfortunatamente il pubblico è lento ad accettare in pittura la stessa libertà che pure viene accettata, ad esempio, nel linguaggio tradizionale della poesia. Dovrà passare del tempo prima che l’opera di Chagall possa essere rivisitata con la piena maturità e profondità di giudizio di cui necessita. Molta della pittura che oggi viene esaltata sarà dimenticata quando le forme e i colori di Chagall daranno ancora gioia all’umanità. Allora si scoprirà che Chagall ha dato uno dei maggiori contributi alla realizzazione della libertà nell’arte." Lionello Venturi, 1945.

Biografia di Marc Chagall 

Scheda tecnica

Chagall delle meraviglie
dal 9 marzo al 1°luglio 2007

Curatori:
Meret Meyer, Claudia Beltramo Ceppi Zevi

Complesso del Vittoriano
Roma, Via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali)

Orario di apertura:
lun-gio, ore 9.30-19.30; ven-sab, ore 9.30-23.30; dom, ore 9.30-20.30

Biglietti:
Intero € 10; ridotto € 7.50

Catalogo:
Skira

Info:
Tel. (+39) 06 6780664

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader