Eventi » The Gallery Apart: la nuova sede

The Gallery Apart: la nuova sede

Specializzata da anni nella produzione di mostre outdoor, la galleria romana inaugura uno spazio espositivo stabile nel cuore del distretto artistico della Capitale

a cura di Redazione, il 22/02/2008

Attiva dall’ottobre 2003 e con alle spalle una programmazione improntata al nomadismo e alla ricerca degli spazi di volta in volta più adatti ai singoli progetti d’artista, The Gallery Apart apre ora una sede stabile in via della Barchetta 11, angolo via Giulia, al centro del distretto di Roma che già ospita la gran parte delle gallerie capitoline.

Una “project room” e un punto di riferimento per gli appassionati

Pur confermando per il futuro la vocazione a produrre mostre outdoor, la nuova piccola sede, oltre che fungere episodicamente da “project room”, consentirà di accedere più facilmente alle produzioni precedenti e agevolerà il contatto con gli appassionati interessati ad approfondire il lavoro degli artisti rappresentati.

La mostra collettiva per celebrare l’evento

L’apertura del nuovo spazio espositivo sarà festeggiata con una mostra collettiva che comprenderà una selezione delle opere (una decina tra video, sculture, foto e dipinti) che gli artisti della scuderia hanno realizzato in occasione delle mostre finora prodotte e realizzate da The Gallery Apart. Sarà in effetti un vero e proprio “riassunto delle puntate precedenti”, con opere di Andrea Aquilanti, Gea Casolaro, Mariana Ferratto, Myriam Laplante, Fabrizio Passarella, Luana Perilli, Alessandro Scarabello, Luca Viccaro.

Da segnalare che la mostra resterà allestita anche per il “Freaky Monday”, evento collaterale di “The Road to Contemporary Art” - la prima fiera internazionale di arte contemporanea a Roma - con apertura straordinaria dalle 16 alle 24 di venerdì 29 febbraio.

Le mostre e gli eventi prodotti dal 2003

The Gallery Apart ha finora prodotto una decina fra mostre ed eventi: due personali di Fabrizio Passarella (“BollyMood”, curata da Gianluca Marziani presso lo Studio Andrea Gobbi, e “¡Ay mi corazón fileteado!” curata da Irma Arestizabal all’Istituto Italo-Latino Americano); due di Gea Casolaro (“Volver atrás para ir adelante” presso il Teatro India curata da Alessandra Maria Sette con un testo di Maria Rosa Sossai e “Visioni dell’Eur” presso la Casa del Cinema, quest’ultima riproposta a Milano presso Careof, curata da Raffaele Gavarro); due di Myriam Laplante (“Elisir” presso la Fondazione Volume! Con testi di Teresa Macrì e Lorenzo Benedetti, e la perfomance “Lupus in fabula” presso la Galleria nazionale d’arte moderna); e una personale ciascuno di Alessandro Scarabello (“Lifeinlines” presso Sala1, curata da Emanuela Nobile Mino), Andrea Aquilanti (presso il Teatro India curata da Alessandra Maria Sette con testi di Marco Izzolino, Marco Lodoli e la partecipazione di Filippo Timi) e Luca Viccaro (presso b>gallery curata da Raffaella Giudobono), nonché la collettiva “Why?” Con Mariana Ferratto, Luana Perilli e Luca Viccaro (presso la Fondazione Pastificio Cerere, curata da Cecilia Casorati).

    Info:

  • The Gallery Apart
    Roma, via della Barchetta 11 (angolo Via Giulia)
    Tel. e Fax (+39) 06 68809863
    info@thegalleryapart.it
    The Gallery Apart
  • Inaugurazione (sede e mostra collettiva):
    sabato 23 febbraio, ore 18
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 16-20 e su appuntamento

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader