Mostre » PAOLO ANNIBALI. Opere

Paolo Annibali. La commozione dei giorni, 2007, terracotta dipinta

PAOLO ANNIBALI. Opere

A Roma un’esaustiva lettura di tutta la produzione del maestro dell’arte sacra contemporanea attraverso le sue opere più significative

a cura di Redazione, il 13/02/2008

Venerdì 15 febbraio 2008 alle ore 18, presso l’area espositiva del Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro a Roma, prestigiosa sede del Pio Sodalizio dei Piceni, inaugurerà la mostra personale dello scultore Paolo Annibali, dal titolo "Paolo Annibali. Opere".

In mostra sculture in bronzo e in terracotta, bozzetti e studi preparatori

Si tratta di un’esposizione importante di questo maturo artista contemporaneo, confinato finora nella provincia, che presenterà un cospicuo insieme di sculture in bronzo e in terracotta, bozzetti e studi preparatori, dando un’esaustiva lettura di tutta la sua produzione attraverso le opere più significative, di carattere religioso e laico. Un artista degno di una sede quale quella del Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, che da qualche anno ha ripreso ad utilizzare gli ambienti restaurati e il chiostro rinascimentale per l’organizzazione di importanti mostre e manifestazioni culturali anche a carattere nazionale, oltre quelle riguardanti le Marche e la Comunità di Roma.

Paolo Annibali, protagonista dell’arte sacra contemporanea

Paolo Annibali. Fine stagione, 2006, terracotta dipinta

Paolo Annibali si dedica alla scultura laica narrando storie quotidiane attraverso i suoi personaggi introversi e apparentemente solitari, fotografando attimi di riflessione nello scorrere rapido della vita. Ma è anche, e soprattutto, uno dei protagonisti dell’arte sacra contemporanea, in piena sintonia con il gusto estetico della Chiesa che fin dalla sua nascita ha affidato alla bellezza estetica il compito di manifestare la Bellezza morale e spirituale.

Non un divo dell’arte in cerca di gratificazione visiva, ma un artista sapiente in cerca del significato. Uno scultore che si fa sensibile interprete dei fatti cristiani attraverso eleganti figure di madonne, angeli, santi, e crea una scultura leggibile densa di riferimenti che invita a riflettere, raffigura l’ansia dell’eterno tipica dell’uomo e la strada a cui Dio ci vuol condurre, induce al raccoglimento, aiuta la preghiera. Vale a dire, Paolo Annibali fa arte dedicata al trascendente lontano da spettacolarizzazioni e da vuoti modernismi che poco centrano con la fede, ma anzi con le sue figure concrete e umanissime, risponde perfettamente alla primaria esigenza pastorale della Chiesa di comunicare con l’intera comunità di fedeli.

Insieme al catalogo Skira, la mostra è accompagnata da una video intervista al maestro

La mostra sarà accompagnata dalla pubblicazione di un catalogo edito da Skira, in cui sono inseriti, tra gli altri, contributi critici del Mons. Carlo Chenis, vescovo della diocesi di Civitavecchia-Tarquinia e docente straordinario presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Pontificia Salesiana, e di Flaminio Gualdoni (Leggi il suo testo), docente di storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e una delle figure di maggior rilievo della critica d’arte contemporanea.

Ad accogliere il visitatore anche la proiezione di un video contenente un’intervista al Maestro Annibali e un ampio excursus sul suo modo di lavorare.

Scheda Tecnica

  • “Paolo Annibali. Opere”
    dal 16 febbraio al 15 marzo 2008
    Inaugurazione: venerdì 15 febbraio, ore 18
  • Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro
    Roma, p.zza San Salvatore in Lauro 15
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 10-13 e 16-19; dom pomeriggio chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    Skira
  • Info:
    Tel. (+39) 0731 213685 – Fax (+39) 0731 201907
    Ass. Culturale Noicultura
    Corso Matteotti, 46 – 60035 Jesi (AN)

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 11/02/2008

Annibali, Paolo

Paolo Annibali (San Benedetto del Tronto, 1958) ha dedicato la propria carriera artistica prevalentemente alla realizzazione di opere d’arte di destinazione sacra e pubblica, legate a contesti architettonici urbani....