Mostre » MIRÓ: la terra

Joan Mirò: Paesaggio catalano con chitarra, 1924, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza. Madrid, © Museo Thyssen-Bornemisza, © Successió Miró by SIAE 2007

MIRÓ: la terra

A Palazzo dei Diamanti a Ferrara una mostra antologica che documenta l’entusiasmante percorso artistico del grande maestro catalano, dalla sua prima personale del 1918 alle opere degli anni Ottanta

a cura di Redazione, il 15/02/2008

Palazzo dei Diamanti inaugura il 17 febbraio la propria stagione espositiva 2008 con un’importante antologica dedicata a Joan Miró – la prima nel nostro paese da oltre venticinque anni – che rilegge per la prima volta la sua straordinaria parabola creativa alla luce del suo rapporto con la terra. La mostra, organizzata da Ferrara Arte e dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, documenta gli esiti più alti della carriera del grande artista catalano, dalla data della sua prima personale, nel 1918, alle opere degli anni Ottanta, portando per la prima volta in Italia molti tra i suoi massimi capolavori.

L’arte di Mirò e il legame con la sua Catalogna

Tutta l’arte di Miró è segnata da un profondo attaccamento per la nativa Catalogna, per la sua gente e le sue tradizioni. Nell’esposizione il tema viene indagato nelle sue più ampie accezioni e simbologie, con opere ispirate al mondo rurale e al culto delle origini, ai temi della sessualità e della fertilità, a quelli legati alla metamorfosi, all’aldilà e all’eterno susseguirsi di vita e morte. Sul piano formale, l’interesse di Miró nei confronti della terra si manifesta in un’esaltazione della materia e dei materiali che compongono l’opera d’arte, scelta che lo porta a raggiungere soluzioni formali inedite e straordinarie, premessa fondamentale di importanti correnti del Novecento, come l’Informale americano ed europeo.

Joan Mirò: Pittura, 1950. Eindhoven, Van Abbemuseum, Eindhoven, foto Peter Cox, © Successió Miró by SIAE 2007

In mostra ottanta opere

La mostra, a cura di Tomàs Llorens, esplora l’affascinante intrecciarsi di questi motivi nell’opera dell’artista e ne offre una nuova chiave di lettura. A documentarla sono un’ottantina di opere di tecniche diverse – soprattutto dipinti, ma anche disegni, collage, assemblaggi, sculture, litografie – provenienti dalle più prestigiose collezioni pubbliche e private del mondo.

Scheda Tecnica

  • “MIRÓ. La terra”
    dal 17 febbraio al 25 maggio 2008
  • Curatore:
    Tomàs Llorens
  • Palazzo dei Diamanti
    Ferrara, Corso Ercole I d'Este 21
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, feriali e festivi, lun incluso, dom-gio, ore 9-20; ven-sab, ore 9-22;
    aperto anche il 23 e 24 marzo, 25 aprile e 1 maggio
  • Biglietti:
    Intero € 10; ridotto € 8; scuole € 4
  • Catalogo:
    Ferrara Arte Editore, a cura di Tomàs Llorens, con testi di Tomàs Llorens e Marta Ruiz del Arbol
  • Info e prenotazioni:
    Call Center Ferrara Mostre e Musei
    Tel. (+39) 0532 244949 – Fax (+39) 0532 203064
    diamanti@comune.fe.it
    Palazzo dei Diamanti

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 15/02/2008

Joan Miró, un esaltante vissuto artistico

Aprono il percorso della rassegna dedicata al maestro Joan Mirò (Palazzo dei Diamanti, 17 febbario – 25 maggio 2008) le opere ispirate all’ambiente rurale della località catalana di Mont-roig, tra le quali La contadina del 1922-23, dipinto emblematico della produzione di quegli anni, ecceziona...

a cura di Redazione, il 09/02/2008

Miró, Joan

Figlio di un orefice, Joan Miró y Ferrà nasce a Barcellona il 20 aprile del 1893 e, fin da giovanissimo, dimostra una particolare attitudine per le arti e per il disegno. ...