Mostre » MENASHE KADISHMAN

Menashe Kadisham, 2007, olio su tela, cm 80x60

MENASHE KADISHMAN

Alla Ermanno Tedeschi Gallery di Roma, la mostra personale di un autore anello di congiunzione tra gli artisti israeliani del ‘900 e la nuova generazione

a cura di Redazione, il 08/02/2008

Martedì 12 febbraio la Ermanno Tedeschi Gallery di Roma inaugura la mostra personale dell'artista israeliano Menashe Kadishman, a cura di Arturo Schwarz. L'evento prevede una grande installazione site specific di oltre 150 tele. Le opere, di varie dimensioni raffiguranti teste di pecore dai tratti incisivi e dai colori espressionisti, saranno posizionate su supporti lignei lungo il pavimento della galleria.

La mostra come un gregge dai contenuti e dai simbolismi biblici

La mostra apparirà agli occhi del pubblico come un gregge dai contenuti e dai simbolismi biblici. L'installazione ricorda, infatti, l’esperienza dell'artista come pastore in Kibbutz negli anni Cinquanta nonché la famosa opera performativa che realizzò nel 1978 per la Biennale di Venezia. In quella occasione Kadishman presentò pecore vive macchiate di blu che suscitarono grande scalpore e scompiglio nei saloni espositivi.

Kadishman «Scolpisce come un pittore e dipinge come uno scultore»

L'installazione realizzata in occasione di questa mostra conferma il pensiero dell’amico Ofer Lellouche che con una battuta fulminante ha ben riassunto la caratteristica del lavoro innovativo di Kadishman: «Scolpisce come un pittore e dipinge come uno scultore».

Menashe Kadishman nasce a Tel Aviv nel 1932. Pittore e scultore di fama internazionale fra i più importanti nel panorama artistico contemporaneo, rappresenta l’anello di congiunzione tra gli artisti israeliani del Novecento e gli esponenti della nuova generazione.

Menashe Kadisham, 2007, olio su tela, cm 110x110

L’influenza del minimalismo sull’opera dell’artista israeliano

Dopo aver iniziato gli studi in Israele, ha completato la sua formazione artistica a Londra dove è rimasto influenzato dal minimalismo. Le sue opere sono infatti caratterizzate dall’uso di materiali semplici e duttili quali il legno e il ferro, oltre alla tela, che lo ha portato a costruire opere di grande formato e di forte impatto emotivo.

Le mostre antologiche nei musei europei e americani

L’artista ha realizzato numerose mostre tra cui va ricordata la personale alla Grosvenor Gallery di Londra nel 1965. Tra le importanti antologiche tenute nei musei europei ed americani: Jewish Museum di New York (1970, 1985), Museum Haus Lange di Krefeld (1972), The Israel Museum di Gerusalemme (1975). L’ultima grande retrospettiva è del 2007 realizzata al Tel Aviv Museum of Art. Le sue opere fanno parte di importanti collezioni private e museali di tutto il mondo.

Ermanno Tedeschi Presidente dell'Associazione Amici del Museo di Tel Aviv

La Ermanno Tedeschi Gallery, con sedi espositive anche a Torino e Milano, rivolge la sua attenzione ai giovani artisti italiani ed internazionali, con uno sguardo in particolare verso l'arte israeliana. In questo senso si sviluppa il lavoro di Ermanno Tedeschi come Presidente dell'Associazione Amici del Museo di Tel Aviv, proseguendo il cammino intrapreso da Arturo Schwarz.

    Scheda Tecnica

  • “Menashe Kadishman”. Mostra personale
    dal 12 febbraio al 3 aprile 2008
    Inaugurazione: martedì 12 febbraio, ore 18.30
  • Curatore:
    Arturo Schwarz
  • Ermanno Tedeschi Gallery
    Roma, Via del Portico d'Ottavia 7
  • Orario di apertura:
    lun, ore 15.30-20; mar-ven, ore 10-13 e 15.30-20; sab-dom su appuntamento
  • Info:
    Tel. (+39) 328 5399580 – (+39) 06 455 510 63
    info.roma@etgallery.it
    Ermanno Tedeschi Gallery

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader