Mostre » Kings of masculinity

Kings of masculinity

Dal 10 febbraio nel nuovo spazio del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli di Roma, Drag kings nelle fotografie di Angela Potenza

a cura di Redazione, il 08/02/2008

Maschi non si nasce, ma si diventa. Sulle complesse rotte della costruzione e della decostruzione dell’identità di genere, la giovane fotografa Angela Potenza ferma attimi di una mascolinità in fieri. È l’affascinante e misterioso universo dei drag kings al centro del ciclo di scatti presentati nella mostra “Kings of masculinity. Drag kings nelle fotografie di Angela Potenza”, curata da Francesco Paolo Del Re e Antonio David Fiore e ospitata nel nuovo spazio espositivo del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli dal 10 al 24 febbraio.

La ricerca di Angela Potenza

Angela Potenza è una giovane fotografa diplomatasi all’Istituto Superiore di Fotografia di Roma. Con “Kings of masculinity” presenta il risultato del percorso di ricerca condotto tra il 2006 e il 2007. A partire dalla riflessione sull’identità di genere, sulle modalità impreviste attraverso il quale l’individuo può esprimere se stesso nella realtà, Potenza è approdata al mondo, ai più sconosciuto ancora, dei drag kings.

Drag king

Drag king è l’espressione inglese che designa una persona, in prevalenza (ma non necessariamente) lesbica o transgender, che si esibisce interpretando personaggi maschili famosi o anche solo stereotipi maschili. Quella messa in scena dai drag kings è una mascolinità esasperata, sottolineata in una dimensione di machismo mediante barbe posticce, abiti tipicamente maschili, “packing”. Lo spettacolo generalmente include parti ballate, cantate e parti interpretate. Il fenomeno ha iniziato a guadagnare fama negli anni Novanta del Novecento, rubando un po’ di terreno alle più popolari drag queen, cioè uomini che calcano il palco in abiti femminili.

Il mondo dei drag kings negli scatti di Angela Potenza

Le fotografie di Angela Potenza ritraggono alcuni drag kings italiani nella densa penombra dei camerini, il luogo dove avviene la trasformazione. La vestizione, come una cerimonia rituale, è fatta di piccoli gesti e meticolosi aggiustamenti: un erotico travestimento che nasconde e aggiunge, fino al momento in cui, testimone e complice lo specchio (superficie riflettente esterna e, insieme, luogo del materializzarsi di un desiderio tutto interiore), si completa la "rinascita" e si è pronti alle luci del palcoscenico.

Lo spettacolo di una nuova identità continuamente desiderata, inseguita e infine incarnata può avere il suo inizio. Colti nella dimensione liminare di un camerino, prima e dopo lo show, i protagonisti degli scatti di Potenza sono araldi di un approccio gioioso e creativo alla mascolinità, che attraverso la dimensione spettacolare mostrano lo spessore socialmente costruito del concetto di genere. Una fotografia, quella di Angela Potenza, che affastella frammenti di presenze, tra travestimento, intimità ed erotismo, illuminando aspetti della pluralità dell’essere maschile e del genere in senso lato poco esplorati in Italia.

Il progetto “Galleria Mieli”

Già location in passato di eventi espositivi, la storica associazione gay capitolina, che nel 2008 festeggia i 25 anni dalla sua fondazione, propone ora con il progetto “Galleria Mieli” un ciclo organico di mostre per tutto l’anno, con l’obiettivo non solo di dare spazio e visibilità a giovani artisti omosessuali, ma anche di promuovere un confronto e un incontro tra la comunità gay e le varie forme di creatività e ricerca artistica contemporanea.

Scheda Tecnica

  • “Kings of masculinity. Drag kings nelle fotografie di Angela Potenza”dal 10 al 24 febbraio 2008
    Inaugurazione: domenica 10 febbraio, dalle ore 17
  • Curatori:
    Francesco Paolo Del Re, Antonio David Fiore
  • Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli
    Roma, via Efeso 2/a
  • Orario di apertura:
    lun, mer e ven, ore 11-18; mar e gio, ore 11-14; sab e dom, ore 15-19
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 06 5413985

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader