Eventi » Talani a Firenze: in arrivo "Rosa dei Venti"

Giampaolo Talani, “Una notte di luna piena”, 1998 (tempera e olio su tavola, cm 100x100), particolare

Talani a Firenze: in arrivo "Rosa dei Venti"

Inaugura domani nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio la grande antologica dedicata al "Maestro dell’affresco di Santa Maria Novella"

a cura di Redazione, il 06/03/2008

Meno uno al grande appuntamento con Giampaolo Talani a Firenze. Inaugura infatti domani pomeriggio (ore 17.30), nella prestigiosa Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, la mostra antologica del maestro toscano divenuto celebre per l'affresco della Stazione di Santa Maria Novella. La rassegna, che si intitola "Rosa dei Venti”, resterà aperta fino al prossimo 27 aprile con orario 10.30-18.30 e ingresso libero.

Un evento senza precedenti: 55 opere da tutta Italia e dall'estero

L'antologica che Firenze dedica a Talani è un evento senza precedenti, con 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, dall’Italia e dall’estero (due, in particolare, dagli USA e uno dal Giappone). E poi una grande scultura posta per quasi due mesi sotto la Loggia degli Uffizi e una vistosa installazione a sorpresa in piazza della Signoria, per la quale cresce la curiosità degli appassionati.

È questo il prestigioso omaggio riconosciuto al maestro di origine livornese dal Comune e dalla Provincia di Firenze, dalla Galleria degli Uffizi, dalla Regione Toscana e dal suo Consiglio. Mentre il Ministero dei Beni Culturali benedice l’evento con due acquisizioni, una per il Museo del Vittoriano, una per la Collezione del Quirinale.

La mostra che suggella una carriera straordinaria

Un particolare dell'affresco di Talani alla Stazione di Santa Maria Novella di Firenze

"Rosa dei venti" già si configura come evento clou di una straordinaria carriera che nell’arco di un trentennio ha posto Talani tra i protagonisti dell’arte internazionale; dal giovanile ciclo di affreschi di fine anni ‘70 per la Chiesa di San Vincenzo (Livorno), suo paese natale, alle mostre americane ed europee degli anni ‘80 e ‘90, alle grandi esperienze pubbliche di Napoli, Arezzo, Fiesole, Milano, Bologna, Palermo degli anni 2000. Fino al noto e ammiratissimo affresco della Stazione di Firenze Santa Maria Novella, “Partenze”, con cui ha saputo richiamare l’attenzione mondiale sull’attualità artistica di quella città.

Le otto sezioni del percorso espositivo

Suddivisa in 8 sezioni, la personale presenterà dipinti di varie dimensioni, scelti tra gli altrettanti periodi salienti dell’esperienza artistica di Talani: da “Storie del marinaio” a “Un forte vento di mare”, da “Storie salate” a “Cercatori di pesci” e “Musicisti”, da “Finisterre-Partenze” ad “Animali di battigia” e “Ombre”.

La mostra sarà curata da Laura Farina per Oltremare Arte, il catalogo da Elisa Gradi per la De Paoli Edizioni d'Arte. Il suggestivo allestimento, con impiego di antichi infissi, è di Paolo Nocentini e Giacomo Bioli Pini.

In Piazza della Signoria anche un’installazione a sorpresa e una grande scultura in bronzo di Talani

“Rosa dei Venti” sarà anche l’installazione che il maestro toscano allestirà coi suoi collaboratori su tutta piazza Signoria e sulla quale vuol mantenere il segreto fino alla fine. Sarà anche scultura, campo in cui per la prima volta vedremo l’artista cimentarsi con un bronzo alto 3 metri collocato sotto la Loggia degli Uffizi per tutto il periodo dell’esposizione, proprio in mezzo al colonnato prospiciente l’Arno, con evidente rimando all’immaginario costante di Giampaolo Talani, all’universo simbolico cui non ha mai cessato di attingere e che lo ha reso sempre più celebre: il mare.
(testo a cura di Antonio Pagliai)

    Scheda Tecnica

  • Giampaolo Talani. “Rosa dei Venti”
    dall’8 marzo al 27 aprile 2008
    Inaugurazione: venerdì 7 marzo, ore 17.30
  • Curatore:
    Laura Farina
  • Allestimento:
    Paolo Nocentini, Giacomo Bioli Pini
  • Palazzo Vecchio - Sala d’Arme
    Firenze, Piazza della Signoria
  • Orario di apertura:
    Tutti i giorni, ore 10.30-18.30
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    De Paoli Edizioni d’Arte, a cura di Elisa Gradi
    ISBN: 978-88-902007-3-1
  • Info:
    Eventi Pagliai - Tel. (+39) 055 7378736
    Sito web di Giampaolo Talani
    Oltremare Arte: Tel. e Fax: (+39) 059 550645

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

di David Bernacchioni, il 13/02/2008

Giampaolo Talani: «La mia Rosa dei Venti»

Dopo l’enorme successo dell'affresco realizzato per la Stazione di Santa Maria Novella, l’artista livornese prepara per la prossima primavera una grande mostra personale....

a cura di Redazione, il 28/01/2008

Talani, Giampaolo

Nato nel 1955 a San Vincenzo (Livorno), dove tuttora vive a lavora, Giampaolo Talani ha maturato una profonda preparazione artistica frequentando prima il Liceo Artistico poi l’Accademia di Belle Arti di Firenze dove è stato tra gli allievi prediletti del Maestro Goffredo Trovarelli. Ancora st...

a cura di Redazione, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, tradizione e carica innovativa

Tra le numerose personalità del mondo dell’arte e della cultura che hanno scritto di Giampaolo Talani, Vittorio Sgarbi è senza dubbio una delle più note e carismatiche. ...

di David Bernacchioni, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, il realismo magico di un artista in costante evoluzione

Allievo prediletto del Maestro Goffredo Trovatelli, Giampaolo Talani è uno dei pochi artisti contemporanei a padroneggiare tecniche oggi quasi dimenticate – ma che fecero grande l’arte del passato – come l’incisione e la pittura a fresco. ...

di David Bernacchioni, il 20/09/2006

Sgarbi inaugura l’affresco di Giampaolo Talani alla stazione di Firenze

L’antica arte dell’affresco torna d’attualità a Firenze grazie al pittore Giampaolo Talani, che ha inaugurato questa mattina una monumentale opera di 70 metri quadri, intitolata “Partenze”, all’interno della stazione di Santa Maria Novella. ...

di Elisa Gradi, il 20/09/2006

Partenze, la scommessa rinascimentale di Giampaolo Talani

Un grande affresco, posto in uno spazio nevralgico della vita della città, implica in sostanza una scelta estetica che condizionerà, senza alcuna distinzione di categoria sociale, lo spazio di tutti i cittadini ed i visitatori. ...